Giovanni Migliore - Cittadino Modicano


Prossimo Consiglio Comunale:
Ordine del Giorno: - . -


ReplicaArgomento del Forum: Perché la soka gakkai è una setta: Da: Roberto

Premesso che i seguaci della soka gakkai sono, a livello periferico, delle persone sincere, che si applicano volenterosamente nel seguire una pratica che è stata loro presentata ed insegnata come "l'unica vera pratica buddista" valida ed efficace.
In realtà tale pratica, nonché i significati e i "poteri" che le vengono attribuiti, ha ben poco a che fare col buddismo.

Perché questo movimento pseudo-buddista è una setta; è molto semplice:

- il loro padre padrone Ikeda nel 1975 era povero ora, attraverso le attività di questo movimento (oggetti di culto, libri, riunioni nazionali a pagamento) è diventato uno dei più ricchi del Giappone paragonabile all’azionista di maggioranza della Sony.

- In Giappone la Soka Gakkai si è sempre appoggiata al Komei Party, un partito di estrema destra che è stato al potere fino a 2 mesi fa’ ed e’ responsabile della crisi economica e di valori che c’e’ in Giappone. Fortunatamente qualche mese fà hanno avuto una sonora sconfitta e non sono più al potere.

- In ogni stato come in Italia il capo è un giapponese referente di Ikeda in Giappone, lautamente stipendiato (in Italia Tamotsu Nakajima ha denunciato nel 2006 ben 62.029 euro., alla faccia del volontariato dei loro membri).

- Ad fine di ogni riunione che fanno il responsabile è obbligato a spedire via e-mail al referente regionale la statistica dei presenti suddivisi per chi è ospite, chi pratica da 1 anno , chi pratica da più anni. Il referente regionale rielabora il tutto e lo ritrasmette alla sede a Roma. Come tutto fosse un’azienda di marketing multilevel

- Ad ogni riunione c’e’ l’incitamento a portare persone; “dobbiamo aumentare” questa è l’affermazione principale, come se si fosse una riunione commerciale.

- Una volta entrati nella Soka Gakkai, hanno solo amiche ed amici del gruppo. Gli altri amiche ed amici pian piano e gradatamente si allontanano. Rimangono gli amici Soka e di conseguenza diventano esclusivamente il loro riferimento di vita

- Se si è assenti più volte alle riunioni un responsabile chiama a casa, al cellulare o lo va a trovare chiedendo spiegazioni per le assenze dicendo che se continua così a non recitare avrà dei peggioramenti di salute lui e la famiglia.


Se siete amici di uno dei membri e farete leggere questa lettera vi dirà che forse alcune cose non sono vere, in realtà sono state riferite, anche su quotidiani locali e on-line da persone che lo hanno frequentato ed hanno ricoperto incarichi importanti.

Per chi volesse approfondire di più alleghiamo alcune stampe ed alcuni link di Internet

http://www.fiorediloto.org/sokagakkai.htm

http://kritika.freewebsites.com/

http://vittimesokagakkai.splinder.com

http://www.cesap.net
(Centro Studi sugli Abusi Psicologici Onlus), digitando nel motore interno “soka gakkai” oppure entrare dentro il forum.

http://www.noallasokagakkai.eu/




Repliche per questo messaggio

  • Commento inviato da: tony in data 29/11/2011 11:33:11
    > Quello che ho letto, non e' affatto giusto. Sono ormai 12 anni che pratico il buddismo del Sutra del loto antico sutra scritto da Shakyamuni il budda storico. Nichiren ne ha colto l'essenza non e' falso buddismo. Io ragiono con la mia testa, nessuno mai e' venuto a dirmi quello che devo fare. Ho visto gente che ha smesso di praticare ma nessuno li ha obbligati a continuare. Legga qualche libro del presidente Ikeda, si documenti, non buttiamo tutto il negativo sulle persone che per fortuna ogni anno scrivono proposte di pace all'Onu. Grazie

  • Commento inviato da: phantom2010 in data 09/12/2011 23:19:19
    >quello che mi fa paura dei membri della soka gakkai ,sono i loro paraocchi, non sanno nulla della storia dei seguaci di nichiren,non sanno che e stato un icona dei militari,perché?
    Gli hanno propinato la storia dell'abbattimento dello sho hondo come un torto fatto dai religiosi,quando in realtà e stato costruito nella peggior maniera possibile , poco cemento, sabbia di mare non raffinata cioe piena di sale, e altre economie varie....perché?
    Non sanno neanche che il daimoku crea dei danni permanenti.....semplicemente perché e un mantra..in altre parole un suono o un verso ripetuto velocemente protratto nel tempo crea..sovraproduzione di adrenaline e endorfine ....non sapete cose? .....su su fate i bravi digitate queste cose su google visto che quando finite di fare daimoku dite che avete una sensazione di dilatazione del tempo, cinque minuti li trovate sicuramente per avere il coraggio di prendere in considerazione certi particolari.........no non lo fate perché appartenete......per essere devi avere coraggio e volerti bene.
    E questo che mi fa paura della gente, la facilita con cui si fa prendere in giro.


  • Commento inviato da: Cesare Quaranta in data 13/04/2012 11:53:24
    Io commenterei piuttosto come mai è tanto facile credere che la Soka Gakkai è una setta ;)
    Il buddismo è una religione molto diversa da quelle a cui siamo abituati, una religiona molto profonda e vasta, molti principi buddisti sono difficili da capire profondamente, una conoscenza superficiale si scontra subito con paradossi che solo avendo voglia di approfondire ed a sperimentare si riescono veramente a comprendere.
    Allo stesso modo la Soka Gakkai nei suoi sforzi di applicare il buddismo nella vita quotidiano ai giorni nostri e perdipiù in tutto il mondo sfidando oltre alla difficoltà insita nel conoscere e credere nella buddità, anche differenze, storico, linguistiche e culturali è più che facilmente fraintendibile.
    La strada più facile è quindi quella di bollarla come una setta e pensare che i suoi adepti sono tutti dei folli o stolti abbindolati da un fantomatico guru cosa c'è di più facile da credere ;)
    Non basterebbero migliaia di pagine per spiegare approfonditamente alcuni principi che sono alla base di alcune di queste contradizioni, e quasi altrettante servirebbero per chiarire alcuni momenti della storia del movimento, mentre bastano poche righe per calunniare chi dedica la vita agli altri, ovvero può la formica sconfiggere l'elefante?
    La risposta logica è no, ma grazie all'illimitato potere del buddismo la diffusione và avanti da 2500 anni caratterizzati oggi come ieri da calunnie facili da fare e persone come Shakiamuni, Nichiren, Makiguci, Toda ed Ikeda che anche a costo della loro stessa vita hanno continuato a propagare il buddismo sino all'ultimo istante di vita.
    Invito a chi è interessato alla verità ed alla propria ed altrui felicità ad approfondire e non fermarsi ad interpretazioni facili e superficiali
  • Commento inviato da: rossana cassoni in data 30/11/2012 17:28:11
    > carissimo Sig. Giovanni Migliore, tengo a specificare che sono un praticante del Buddismo del Daishonin da 20 anni, la cosa meravigliosa
    è che attraverso questo percorso ho imparato a rispettare gli altri accettare il loro punto di vista e soprattutto cambiare il mio. Quello che ha fatto il Presidente Ikeda appartiene al suo karma e non il mio, mi sono sempre sentita libera di scegliere e mai obbligata, presupposti che non combaciano con il significato di setta, che presumo lei conosca visto che ne scrive. mi inchino alla sua buddita sono una donna felice, realizzata e ho la grande fortuna di avere tanti bellissimi amici, ricordo che il buddismo non segue la persona ma è lui stesso il Budda, detto questo le auguro di essere felice e di avere più tempo di vedere quale sofferenza gli fa dire ciò ricordandole che l'esterno non è altro che una manifestazione di come siamo dentro, quindi deduco che deba pulire il suo cuore e la sua mente. Buona serata Rossana

  • Commento inviato da: Bobby in data 24/05/2013 23:44:53
    Mi spiace tanto che una bella cittadina come Modica abbia preso una gran cantonata. Fatevi restituire la cittadinanza!!! Come si sono potuti fare abbindolare i vostri politici locali? Prima di dare la cittadinanza, potevano fare delle indagini personali e non credere ciecamente a tutte le cose che gli hanno propinato i membri della Soka Gakkai. Naturalmente appena qualche sokiano leggerà l'inizio di questo post.....BBBoingggg scatterà come una molla, dicendomi che parlo per invidia, per gelosia, che non conosco le cose, che sono tutte falsità e bla bla bla....il solito vittimismo ad oltranza, niente di nuovo.
    L’istituzione Soka Gakkai insegna una pratica tutta sua, personale che anche se ha preso alcune cose in “prestito” dal buddhismo di Nichiren è ben lontana da tale insegnamento. Come ha detto il patriarca Nikken della Nichiren Shoshu (non è totalmente pazzo come vuol far credere Ikeda e la Soka Gakkai), la Soka Gakkai non “POSSIEDE” nessuna dottrina, nessun insegnamento. Per dottrina si intendono l’insieme degli insegnamenti e non di dogmi come erroneamente si potrebbe pensare. Il “possedere” non è inteso al semplice possedimento (esterno) dei libri di Gosho, del Sutra del Loto, o di saper fare Gongyo o recitare Nam Myo-Ho Renge Kyo, ma è qualcosa di molto, molto profondo (interno) che va oltre, che si chiama lignaggio (importantissimo in tutte le scuole e tradizioni buddhiste) che è la trasmissione orale diretta delle “realizzazioni” che viene dall’esperienza, e degli insegnamenti. Le “realizzazioni” nel buddhismo, non sono i racconti della “rivoluzione umana” e della “nuova rivoluzione umana” (collana di romanzi sulla storia della Soka Gakkai scritta da Ikeda), nè tanto meno la “realizzazione degli obiettivi+desideri messi nella lista della “spesa” sotto il Gohonzon, e nemmeno le esperienze che vengono raccontate ai vari zadankai, meeting, riunioni e quant’altro. Dopo la scomunica di Ikeda da parte del patriarca, e di conseguenza anche della Soka Gakkai la moglie di Josei Toda (secondo presidente della Soka Gakkai nonchè maestro e mentore di Ikeda), la signora Iku Toda e i suoi figli non seguirono Ikeda ma rimasero nella Nichiren Shoshu (tempio Myokan-Ko). Quando la sig. Iku Toda morì il 6 marzo del 2000 il funerale fu celebrato dai monaci della Nichiren Shoshu (tempio a cui era rimasta fedele), il presidente Ikeda non andò nemmeno al suo funerale. Possibile che nessuno nella Soka Gakkai non si sia mai fatto la domanda del perchè la moglie e la famiglia del “maestro”, del “mentore” di Ikeda non lo seguì e abbandonò la Soka Gakkai? Misero tutto a tacere come al solito? Una delle caratteristiche della Soka Gakkai è che manca di chiarezza, trasparenza e risposte....proprio come il colore bianco (rappresenta purezza e chiarezza) che hanno eliminato dalla bandiera buddhista (per fare la loro) che accomuna tutte le scuole e tradizioni.
    Nichiren Daishonin in un Gosho cita una frase di Miao-Lo che dice:
    “Benchè studino Buddhismo, le loro idee non sono Buddhiste”.
    Avrà visto lungo e si riferiva alla Soka Gakkai?
  • Commento inviato da: Bobby in data 25/05/2013 08:52:08
    U.B.I. Unione Buddhista Italiana si, Soka Gakkai no!!!!
    La trafila fatta dall'U.B.I. per il riconoscimento da parte dello Stato Italiano del buddhismo come religione, inizia 25 anni or sono. Dell’U.B.I. fanno parte una quarantina di centri di tutte le tradizioni buddhiste: Hinayana, Mahayana e Vajrayana. La Soka Gakkai non ha mai chiesto di farne parte e comunque non potrebbe farne parte perchè lo statuto dell’U.B.I. RICONOSCE PARI VALIDITA’ E DIGNITA’ A TUTTE LE TRADIZIONI BUDDHISTE, non consente l’adesione delle organizzazioni che si dichiarano UNICHE ED ESCLUSIVE RAPPRESENTANTI DEL DHARMA AUTENTICO e che CONTESTANO la VALIDITA’ DELLE ALTRE TRADIZIONI……cioè esattamente il contrario di quello che predica la Soka Gakkai (unica detentrice a loro dire del “vero budd(h)ismo). Qualcuno potrebbe pensare di ridurre il riconoscimento dell'U.B.I. in maniera veramente triste e meschina alla sola storia economica dell’8 x mille, anzi 4 per mille, si perchè il governo di Mario Monti a dicembre 2012 ha emanato un decreto legge che dimezza quell'8 per mille, destinandone la metà ai disastri che provocano le calamità naturali.
    Tornando alla questione riconoscimento, l’11 dicembre 2012 la Prima Commissione Affari Costituzionali della Camera dei Deputati ha approvato l’intesa stipulata dal governo con l’Unione Buddhista Italiana per il riconoscimento del buddhismo come religione. Il 17 gennaio 2013 è stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale la legge sull’intesa con l’U.B.I. che rende effettiva la sua applicazione. In pratica l’U.B.I. avrà la sua autonomia, libertà religiosa, assistenza spirituale negli ospedali senza limitazioni di orario, libertà di accesso agli istituti penitenziari senza particolare autorizzazione, insegnamento nelle scuole nell'ora di religione, celebrare in senso pieno i matrimoni, protezione degli edifici di proprietà da espropri, scuole ed istituti di educazione, ministri di culto, trattamento delle salme per i funerali e dei cimiteri, attività di religione e di culto, tutela degli edifici di culto, tutela dei beni culturali, festa religiosa buddhista (possibilità di assentarsi dal lavoro senza prendere giorno di ferie), infine anche la storia del quattro per mille, e altre robe giuridiche. Chi volesse andare a vedere tutti i punti sopracitati descritti e spiegati per intero: http:++www.gazzettaufficiale.it+atto+vediMenuHTML?atto.dataPubblicazioneGazzetta=2013-01-17&atto.codiceRedazionale=13G00015&tipoSerie=serie_generale&tipoVigenza=originario

    Hanno perso l'unico treno per essere riconosciuti dallo Stato Italiano a 360 gradi come confessione religiosa, dando l'ennesima prova di essere una setta.
    Signor Giovanni, fatevi restituire la cittadinanzaaaaa !!!!!

  • Commento inviato da: Vittoria in data 19/03/2019 09:20:40
    Ho iniziato a praticare il Buddhismo di Nichiren quasi cinque anni fa. Contiunuo a praticare quando ne sento il bisogno. Pochi mesi fa ho deciso di lasciare la Sokka Gakai (pur continuando a praticare per conto mio) e da quel momento diversi membri, poveracci, spinti da altri membri gerarchicamente piu' in alto, mi pereguitano con telefonate e appuntamenti. Ogni tanto ricevo uno o due di loro, i quali provano a farmi il lavaggio del cervello, in tutti i modi, ripetendo di continuo gli stessi concetti. Prima o poi dovranno accettare che non voglio fare parte di questa organizzazione. Che dire.... sembrano i testimoni di Geova. Pesanti!


Inserisci il tuo Commento