Giovanni Migliore - Cittadino Modicano

E-Mail info@giovannimigliore.it



 

 Avviso: Per problemi di invio con Explorer, si può utilizzare Mozilla Firefox o in alternativa scrivere al Consigliere

"Non chiedere ciò che il Tuo Paese può fare per Te, ma chiediti ciò che puoi fare Tu per il Tuo Paese! " (John F. Kennedy)

Vuoi lasciare un tuo pensiero ? ........  scrivi qui

 AVVISO - Il sottoscritto Giovanni Migliore, non è responsabile di quanto espresso nelle varie notizie.
I blogger che decidono di commentare o di scrivere una notizia si assumono la totale responsabilità di quanto scritto.
In caso di controversie lo stesso comunicherà all'autorità giudiziaria che ne facesse richiesta, tutti i parametri di rete degli autori dei commenti.

Ultimi 10 Messaggi e Commenti

28/09/2017 20:02:52 da parte di Giovanni Migliore - Una storia antica
14/05/2016 01:16:45 da parte di Giuseppe Mirabelli - riapertura caso Piazzetta Pisacane
14/05/2016 01:15:39 da parte di Giuseppe Mirabelli - riapertura caso Piazzetta Pisacane
14/05/2016 01:15:04 da parte di Giuseppe Mirabelli - riapertura caso Piazzetta Pisacane
14/05/2016 01:14:35 da parte di Giuseppe Mirabelli - riapertura caso Piazzetta Pisacane
31/01/2015 22:12:26 da parte di Stefano - Gruppo di preghiera di Gesù Bambino di Gallinaro
25/05/2014 00:26:28 da parte di ex fonte internet - Re: Re: Re: Metamorfosi societarie (5)
24/03/2014 20:20:40 da parte di Pinzo Panzo - La situazione si sta facendo drammatica !!!!!
22/03/2014 08:58:59 da parte di Antonio - Re: ma chi c'è nell'aria?
17/03/2014 00:42:30 da parte di uno ri murica auta - ma chi c'è nell'aria?

 

del 08/10/2011 20:16:19

> Da un po' di tempo non intervenivo per mancanza di tempo e per la mancanza di linea internet a casa, ma la riflessone+speranza del Consigliere e l'arrivo di una nuova linea mi danno l'opportunità di riprendere a scrivere.

Speranza.

Speranza a lungo disattesa e per questo mi vorrei soffermare su 3 eventi che mi hanno colpito per la voglia di creare discredito sull'avversario politico.

Cronologicamente.

La storia dei 3 Nino, cosi aggrovigliata che non si riesce a capire, o meglio, passa in secondo piano il motivo del contendere; uno reccoglie testimonianze spontanee (per fare un dossier?) fra genitori e studenti del "Galilei", l'altro si assurge a vittima di ritorsioni, e il terzo chiede un'indagine ministeriale, risultato? Il comunicato dei genitori che chiarisce solo un fatto, le difficoltà degli alunni sono state strumento per screditarsi l'uno con l'altro lasciando al TAR le ragioni del contendere.

La Cooperativa Quetzal, 3 politici di un partito (???) Sebastiano Failla, Vice Presidente del Consiglio Provinciale, Giorgio Aprile, Consigliere Comunale e l’On. Carmelo Incardona che si preparano a consegnare un bel faldone alla Procura della Repubblica di Modica, non per tutelare i dipendenti, ma solo per colpire un'avversario politico.

Un Sindacalista, che, a dire dalla sigla sindacale di appartenenza, era più matto di un cavallo, tanto da non poterlo riportare sulla retta via, pero non è stato allontanato, faceva comodo il suo saltare di palo in frasca, si è dimesso e forse ora aspira ad una carriera politica, segiuranno querele?

Tutela degli studenti?
Voglia di legalita?
Tutela dei lavoratori?

No!

Solo azioni atte a far capire a Noi Cittadini che le Istituzioni, e chi le rappresenta, vivono immersi in un mondo irreale, non percepiscono i sentimenti della Società in cui vivono, non si rendono conto che non siamo più disposti a condividere con complicità certi comportamenti che lasciano irrisolti i problemi.

Quale soluzione?

Commenti: 1


del 07/10/2011 00:31:57

DALLA CRITICA …..ALLA PROPOSTA, LA POLITICA CHE VORREI

Ai giorni nostri, irrompe sempre più prepotentemente la propensione alla critica verso tutto e contro tutti, atteggiamento questo sempre più diffuso tra i cittadini, spesso legittimati da un atteggiamento disfattista dei politici, ma non disdegnato da questi ultimi che per effetto d’una visione miope e settaria della politica, ritengono di doversi aggredire quotidianamente, quasi a voler argomentare la validità delle proprie idee.

Tutto ciò, sta sempre più determinando l’impossibilità d’un reale confronto tra le diverse componenti politiche ed un conseguente disamoramento dalla politica dei cittadini che stanno finendo per non comprendere e non condividere più nessuno.

Di questo passo, prima o poi la politica verificherà il proprio fallimento ed i cittadini che, piaccia o no, hanno bisogno di organi rappresentativi, pagheranno un conto che potrà essere evitato solo col ricorso al buonsenso generale.

Nessuno di noi può obiettivamente ritenersi immune da questa sorta di sindrome collettiva alla critica, che spesso diventa pura aggressione verbale ai limiti del lecito e ritengo che spesso tutto ciò avvenga nella più totale assenza d’una riflessione che se ci fosse, in molti casi indurrebbe ad astenersi dall’assumere certi comportamenti.

Vogliamo continuare a non riflettere e farci del male, ma soprattutto procurarne ai cittadini che ci hanno votato non per assistere alle nostre intemperanze, alle nostre quotidiane critiche verso gli avversari politici, bensì per essere rappresentati e tutelati nei loro diritti ?

Ciascuno di noi ha la libertà per deciderlo ma spero abbia anche la consapevolezza che il perdurare di certi comportamenti ci renderebbe moralmente responsabili d’uno sfascio sociale che potrebbe divenire irreversibile.

Ciascuno di noi, faccia invece uno sforzo, che denoterebbe buonsenso ed intelligenza, per cominciare da subito a programmare tavoli d’interlocuzione che vadano oltre gli schieramenti partitici; si pensi in maniera sinergica ad affrontare le tante problematiche che interessano il territorio; ci si confronti costantemente con i cittadini in maniera unitaria, smettendola con tutte quelle forme di protagonismo individuale e di parte che già tanti danni hanno procurato alla collettività e tanti inutili conflitti tra i cittadini che seguono il cattivo esempio dei propri pupilli politici.

Da più parti alla città di Modica viene riconosciuta per il passato,una tradizione politico-culturale di tutto rispetto; ritengo che anche oggi, gli attuali politici, divisi da schieramenti, possano dimostrare di avere l’intelligenza e la capacità per invertire una tendenza che ha dimostrato tutti i propri limiti.

Vogliamo finalmente capire di smetterla con i reciproci agguati e lavorare davvero per il bene della città ?

Questa sarebbe la vera politica che i cittadini aspettano !

Commenti: 1


scheletri demoliti (Ascolta il messaggio) Tema: 99 - Post: 6807
a cura di Salvatore

del 02/10/2011 18:05:03

Mi domando.... ma chi è che controlla questi lavori..... di chi è il compito .....il Direttore dei Lavori che fa!!!!! dove era!!!! perche non aveva richiesta i relativi registri del carico e scarico e coma mai non si era domandato.
MA DOVE VA A FINIRE QUESTO MATERIALE............... O NON CONOSCEVA LA NORMATIVA NEMMENO IL D.L.
ALLORA MI CHIEDO: IN CHE MANI SIAMO E CHE SONO SOLO QUESTE LE NEGLINGENZE DI IMPRESA E DIREZIONE LAVORI?

Commenti: 0


Gli Ecomostri Inconsapevoli (Ascolta il messaggio) Tema: 99 - Post: 6806
a cura di R.C.

del 01/10/2011 10:49:53

Tutto il materiale separato dal ferro,conseguente all'abbattimento degli scheletri di Treppiedi veniva conferito ed occultato in un terreno privato nele campagne di Scicli.
Il titolare dell'impresa,certamente non giovane e non inesperto,ha affermato in buona fede di non sapere che ciò che stava facendo fosse illegale.
In pratica,anzicchè conferire in una discarica autorizzata e sborsare circa centomila euro, la strada più breve ed economica era quella di "nascondere" i detriti sotto uno strato di terra in un luogo privato,con la compiacenza della proprietaria.
Il fatto è inquietante non solo per l'eventuale e presunto scempio ambientale attuale, ma sopratutto guardando al passato, perchè si giunge ad una riflessione :
- ma durante l'arco di una carriera, tutti quegli imprenditori
che "in buona fede" non conoscono le leggi o che fanno finta di non conoscerle,
quanti scempi ed occultamenti hanno compiuto?
Quanti sono stati e quanti sono attualmente i controlli alle aziende edili in merito al conferimento dei rifiuti speciali che producono durante il restauro o la demolizione di un edificio?
Per non parlare del privato cittadino o del muratore abusivo che fa lavoretti in economia e che deturpa l'ambiente lasciando recipienti in eternit,lavabi o vasi wc vicino ai cassonetti.
Ci vogliono più sanzioni e più controlli,entrambi severi.
La Legge non ammette ignoranza.

Commenti: 0


Riflessioni sul "Galilei" (Ascolta il messaggio) Tema: 32 - Post: 6805
a cura di Giovanni Migliore

del 29/09/2011 00:08:10

IL “GALILEI”, LA SOCIETA’ CIVILE, LA POLITICA.

Il caso del liceo “Galilei” è chiuso, per la serie “cu n’appi n’appi re cassateddi ri pasqua” !
Sembra incredibile che problematiche di grande rilievo sociale e politico possano essere archiviate pur essendo rimaste irrisolte, lasciando quindi nel disagio gli studenti che hanno manifestato il loro dissenso rispetto a logiche che modificano i loro progetti formativi e provocano uno stato psicologico d’assoluta incertezza per il proprio futuro.
Questa è una vicenda dalla quale, per le modalità in cui è stata gestita, per il modo in cui si è voluta chiudere, si evince un generale appiattimento della società civile, forse rassegnata ad uno stato d’impotenza rispetto agli innumerevoli provvedimenti che Istituzioni, poteri dello Stato, personaggi politici, impongono sic et simpliciter.
In questi giorni, dopo il rientro degli studenti tra i banchi, consapevole dell’amarezza che serpeggia tra studenti e genitori, per nulla rassegnati alle conclusioni della vicenda, ho tentato di capire quale potrà essere l’evoluzione dell’attuale calma apparente ed emerge chiaramente che essendo quanto prima, convinti della validità delle loro tesi, non rinunceranno a manifestarle fino al raggiungimento dei loro giusti obiettivi.
Se questa è la prospettiva, al fine di evitare ulteriore perdita di ore di lezioni che inciderebbe negativamente sulla formazione degli studenti; per evitare che questi ultimi si sentano abbandonati al proprio destino; per far sentire loro la vicinanza della scuola ed il supporto della politica che non esita a mettersi in gioco per combattere le battaglie giuste, non sarebbe auspicabile che la scuola per quanto le compete ed i politici che hanno titoli per intestarsi le battaglie di civiltà, promuovessero dei tavoli ad hoc ?
Io penso che quanto auspicato, sarebbe un atto dovuto poiché continuo a ritenere che la politica, quella buona, saggia, rappresentativa d’un Paese, si misuri attraverso la sua opera di mediazione e d’intervento a favore dei cittadini, comprese le nuove generazioni.
Anche la scuola, se non vuole dare l’impressione a tutta la società ma soprattutto agli studenti ch’essa rappresenta la controparte di chi studia, dovrà adoperarsi affinchè chi sta investendo nel proprio futuro, possa sentirla al proprio fianco con propositività ed atti da cui si possa evincere reale senso di unitarietà e non di contrapposizione.


Commenti: 0


del 28/09/2011 21:28:35

...ma....ma....i docenti del Liceo Scientifico Galileo Galilei di Modica dove sono?
Non ho sentito alcuna loro voce in questo capitolo.
Sono assenti?
Sono supini?
Non prendetemi per nostalgico, ma credo che se oggi ci fossero ancora i vari Trombadore, Barone, Saluzzi e tutti quelli degli anni '80, altro che Gelmini.
Un docente (che prima di tutto è una persona) non si può piegare davanti a nessun politico o sindacalista prima di perdere la sua dignità di "dispensatore di cultura".
Ragazzi, coinvolgete i vostri professori e se vi manca lo spazio necessario in aula, proponete lezioni all'aperto, fate allestire schermi giganti in aula magna, trovate VOI quelle soluzioni anche assurde, anche bislacche, ma che mettano alla berlina gli Amministratori della Scuola.
Bene dice chi non vuole considerarsi un numero bensì una persona, unitevi con altri istituti d'Italia che vivono situazioni simili;
DAL BASSO VIENE LA FORZA!

Commenti: 0


del 28/09/2011 17:25:41

> Sono una studentessa interessata in prima persona al problema. Oggi anche al telegiornale di video regione hanno comunicato praticamente insieme al servizio che parla degli insegnanti di sostegno ad Acate e spendendo solo poche parole che <>. Questo non è affatto vero: non si è risolto infatti proprio un bel niente. Anzi. Oggi soltanto abbiamo cominciato le lezioni (28 settembre) e in una classe di 30 alunni. Io e la maggior parte dei miei compagni della IV E solo in questo nuovo corso ritroviamo in qualche modo qualla continuità didattica che tanto abbiamo richiesto. Ma è veramente una situazione molto difficile. Ci ritroviamo indietro in molte materie e dovremo tenere corsi pomeridiani per recuperarle perchè in questo i professori ci stanno venendo incontro con tutti i sacrifici che questo comporta da entrambe le parti. Inoltre anche se è una delle aule più grandi dell'istituto è comunque piccola per ospiatre trenta persone : mancano sicurezza e igiene. Molti genitori hanno manifestato il proprio malcontento e non sapremo cosa ci succederà nei giorni seguenti. Crediamo ancora tutti al fatto che ci verranno ridate le nostre classi. La lotta non è finita e soprattutto NIENTE è stato risolto : NON STIAMO CERCANDO LA LUNA.

Commenti: 1


L'ospite su giornale on line GIORNALE DI RAGUSA (Ascolta il messaggio) Tema: 32 - Post: 6802
a cura di Giovanni Migliore

del 27/09/2011 23:46:04

http://www.ilgiornalediragusa.it/rubriche/72-lospite/35972-modica-liceo-scientifico-qgalileiq--molto-presto-tutto-sara-archiviato.html

Commenti: 0


del 27/09/2011 23:00:10

> ha ragione da vendere.Lei è stato un genitore esemplare poichè ci ha rappresentato tutti noi genitori.Il suo rimprovero al Signor Brafa è stato un esempio esemplare.
Come si può permettere un signore del genere di richiamare un ragazzo che a causa della distanza dai microfoni era costretto ad alzare la voce,e addirittura esprimendo un giudizio di maleducazione.Dopo circa 10 minuti lo stesso è andata su tutte le furie quando il Prof. Baeli le aveva fatto delle corrette e puntuali osservazioni.Una dimostrazione di non totale educazione, non rispetto dei principi di pulizia espressiva.
La inviterei a divulgare le registrazioni di quello che è successo in aula in modo da dare delle vere sberle di educazione ad alcune persone.
Sono convinto che con il suo aiuto questa storia non avra un facile epilogo.La prego di non abbandonare questi ragazzi. Mia figlia ha bisogno dei suoi professori. Questi l'hanno aiutata in modo serio nel togliere alcune remore quasi patologiche. Per favore non ci abbandoni .

Commenti: 0


del 27/09/2011 21:39:18

LICEO SCIENTIFICO “GALILEI” , TUTTO ARCHIVIATO COME SE I PROBLEMI FOSSERO STATI RISOLTI.

Una settimana di manifestazione degli studenti del “Galilei”, la pubblicazione di qualche articolo sulla stampa di alcuni esponenti politici, qualche presenza di circostanza, l’archiviazione di tutta la questione che aveva spinto gli studenti a manifestare.
Questo potrebbe essere in estrema sintesi l’iter che ha caratterizzato nei giorni scorsi la vicenda del “Galilei”.

A rigore di logica, dovrebbero essere archiviate quelle questioni che hanno già trovato soluzione, purtroppo, come in questo caso, la soluzione manca e cionondimeno non se ne discute più.

Questa vicenda lascia l’amaro in bocca oltre agli studenti, anche ai loro genitori, poiché c’è la diffusa convinzione che il problema sia stato affrontato in maniera non consona, partendo dall’assunto che nulla si sarebbe potuto fare perché certe norme all’interno della riforma Gelmini, non possono essere cambiate dall’intervento d’un dirigente scolastico o da una manifestazione studentesca.

Questo è vero perché la politica, molto spesso, non tiene conto del fatto che alcuni settori della società, quali salute ed istruzione, non possono subire le stesse logiche di altri settori, in quanto si tratta del diritto alla salute e di quello all’istruzione, entrambi sanciti dalla Costituzione.

Tuttavia, la riforma Gelmini non è stata varata ieri mattina, per cui sarebbe stato doveroso che il capo d’istituto, dovendo cambiare (perché imposto dall’alto ) scelte di vita di alcuni studenti, programmazione di alcuni insegnanti, interloquisse con il corpo docente e con gli studenti per addivenire alla conclusione meno traumatica per tutti.

D’altronde, lo stesso dirigente scolastico prof. Carrubba, si è espresso proprio ieri in questi termini: se la questione avesse avuto minore eco, si sarebbe potuto far intervenire qualcuno che avrebbe potuto risolvere meglio la questione. Se poi il dirigente, avesse davvero condiviso le tesi degli studenti, avrebbe potuto coinvolgere gli stati più alti dell’istruzione e qualche esponente politico che forse sarebbe riuscito a patrocinare la causa degli studenti, che è il caso di ricordare non hanno chiesto la luna ma il diritto di continuare il corso di formazione scelto e con i docenti con i quali pensavano di andare avanti, nel rispetto delle norme di sicurezza che la legge prevede.

In questa vicenda, la società civile e la politica che conta, dov’è stata ?
Anche queste forme d’assenteismo procurano amarezza !

Commenti: 2


del 27/09/2011 00:41:27

Da oltre 2 ore avevo cercato di scrivere sulle emozioni provate
come genitore da giovedi scorso ad oggi.
Purtroppo per problemi con il browser Mozilla, tutto quello che avevo scritto si è perso e quindi vista l'ora , rimandiamo a domani.

Commenti: 0


del 26/09/2011 22:51:44

> Una volta la scuola era per pochi, solo per i figli dei ricchi e dei notabili. Poi con la democrazia è arrivata l'alfabetizzazione di massa. L'obbligo di frequentare la scuola,accessibile a tutti, sembrava una grande conquista della società civile.
Col passare del tempo si è ritornati al passato, la qualità della scuola pubblica è andata scemando, la differenza qualitativa fra scuola pubblica e privata si è allargata a dismisura, creando studenti di seria A e studenti di serie B.
Sinistra+Destra o destra+sinistra, appena saliti al governo hanno avuto il primo pensiero a dare picconate alla qualità della scuola e riforma dopo riforma hanno ristabilito il passato.
L'eguaglianza non esiste più, l'accesso alle scuole migliori è solo per pochi, sarà sempre più difficile mantenere i figli all'università e chi arriverà alla laurea sarà sempre un passo indietro a chi avrà fatto dei costosi masters all'estero.
Malgrado tutto, a costo di grandi sacrifici, i migliori emergono, ma poi sono costretti a lasciare l'Italia perchè restando si vedono tarpate le ali dai baroni di turno messi lì dalla politica.
Ospedali, università, centri di ricerca, sono in mano a gente cinica, priva di scrupoli e spesso incompetente. Sappiamo tutti che la politica non sceglie il meglio ma il più utile ad alimentare il proprio potere.
Anche qui stiamo vivendo il ballo del qua qua, oche starnazzanti che non si curano assolutamente degli studenti, ma uomini mossi dalla politica di potere e non di servizio, che hanno a cuore solo il consolidamento del proprio status.
In "cent'anni di solitudine" quando gli emissari del partito liberale andarono dal colonnello Aureliano Buendìa per trattare la fine della rivoluzione,così da poter accedere al governo con i conservatori,lo costrinsero a barattare gli ideali per cui aveva lottato per il potere.
Firmò, rifiutò ogni riconoscimento, e si lasciò morire di inedia nella sua casa natia.
Dico agli studenti, se ritenete di lottare per il vostro futuro, un futuro migliore rispetto a quello che purtroppo noi genitori vi stiamo consegnando, se pensate che i vostri ideali non si possono barattare col potere, non mollate, chiedete, a testa alta, il rispetto e la considerazione che meritate.

Commenti: 0


del 26/09/2011 19:51:25

> Salve a tutti. Sono una studentessa del liceo scientifico e sono proprio una alunna della quarta che deve essere accorpata. Vorrei condividere con voi quello che sto provando in questi giorni, le mie emozioni, il mio stato d'animo. Stamattina come tutti sapete siamo rientrati a scuola e il preside ci ha convocato nell'auditorium. non potete immaginarvi come mi sentivo in quel momento. Ero agitatissima: non sapevo quello che mi sarebbe capitato, la classe in cui sarei dovuta andare, con quali nuovi compagni avrei trascorso gli ultimi due anni di questo liceo. Mi sentivo come se oggi 26-09-2011 fosse il primo giorno del liceo.. ero agitata come quattro anni fa, come se in un attimo tutto fosse stato tutto cancellato. è normale? oggi poi non si è risolto nulla, e siamo punto e a capo. Il preside non ci ha garantito continuità didattica perchè non ci ha concesso di avere neanche un nostro professore della IV E nelle nuove classi, come punto di riferimento. Dice comunque che provvederà a rimescolare il tutto per venirci incontro: lo speriamo bene. Ora, nell'attesa, mi sento come ieri, molto, molto triste e stanca di questa situazione insostenibile. Concludo dicendo che noi non ci arrenderemo a tutto questo: Siamo delle persone con dei sentimenti non dei numeri !!!!!!

Commenti: 1


Re: IL PRESIDE DEL “GALILEI” DOVREBBE DIMETTERSI (Ascolta il messaggio) Tema: 32 - Post: 6796
a cura di Uno studente lsg galilei

del 26/09/2011 19:49:45

> dire come ci sentiamo oggi, è cosa alquanto difficile, e spiego perchè. Ci ritroviamo a dover riprendere lezione in una situazione davvero penosa, non tanto perchè saremo costretti a perdere i nostri professori e compagni, per cui non possiamo fare più nulla, visto che il preside anche qui si dimostra poco disponibile a venirci incontro e che, se non con le dovute proteste, non si dà da fare come dovrebbe, ma anche perché ci dicono di riprendere lezione in classi non a NORMA DI SICUREZZA. Questi accorpamenti prevedono la formazione di classi di 27, in alcuni casi 28-29, alunni, quando le aule a disposizione ne contengono 22(e non è una media aritmetica, ma il numero che possono contere solo POCHE aule nel nostro istituto). Ci hanno tolto veramente la tranquillità quest’anno, sia per lo smembramento in sè che ci riduce tutti ad alunni del primo (sebbene ciò sia legale, spero sia chiaro che disagio vivremo per un po’) sia per il sovraffollamento dei locali. La nostra protesta non cadrà nel vuoto, con o senza l’ausilio del preside, ci faremo strada da soli per vincere la nostra battaglia. Che sia chiaro, gli studenti hanno un obiettivo, e non ci hanno strumentalizzato, perchè questo ci è stato sempre chiaro sin dall’inizio. Rivogliamo l’equilibrio che avevamo l’anno scorso, quando ci erano concesse una classe in più all’ordinario sia al terzo che al quarto.

Commenti: 0


del 26/09/2011 17:06:16

All'atto della formazione delle classi una delle prime verifiche che il dirigente scolastico, nella sua qualità di "datore di lavoro" ai fin della sicurezza, deve effettuare, è quella relativa al rispetto dei parametri previsti da varie norme che impongono limiti all'affollamento delle aule scolastiche.

In primo luogo si richiama il D.M. 18.12.1975 "Norme tecniche aggiornate relative all'edilizia scolastica, ivi compresi gli indici di funzionalità urbanistica, da osservarsi nella esecuzione di opere di edilizia scolastica".

In riferimento alla funzionalità didattica il suddetto decreto prevede - per garantire condizioni igieniche e sanitarie compatibili con l'attività didattica - i seguenti standard minimi di superficie:

scuola dell'infanzia - mq+alunno 1,80

scuola primaria - mq+alunno 1,80

scuola secondaria 1° grado - mq+alunno 1,80

scuola secondaria 2° grado - mq+alunno 1,96

L'altezza dei soffitti delle aule, inoltre, non può essere inferiore a 3 metri.

Una classe di scuola dell'infanzia, primaria e media con 26 persone, di conseguenza, dovrebbe avere una superficie di mq 46,80. Una classe di scuola secondaria di secondo grado di 26 alunni dovrebbe avere una superficie di mq 50,96; una di 30 alunni, mq 58,80.

Gli standard abitativi descritti determinano una cubatura di aria pro-capite adeguata che se non viene rispettata può causare danni alla salute per un non corretto ricambio d'aria. Inoltre la loro inosservanza comporta la decadenza dalla validità del certificato di agibilità e del certificato di prevenzione incendi rilasciati sulla base della effettiva planimetria e delle dimensioni delle aule e della scuola.

Commenti: 0


Liceo Scientifico, quale sicurezza? (Ascolta il messaggio) Tema: 32 - Post: 6794
a cura di GattoComunista

del 25/09/2011 09:29:35

Da Cittadino rispettoso della Legge mi chiedo perchè io devo rispettare la legge quando apparati dello stato fanno finta che non esiste.
Quale giustificazione si può dare alla mancanza del rispetto delle norme di sicurezza in una scuola?
La legge Gelmini non può baipassare il fatto le classi del Liceo Scientifico, per quanto glorioso possa essere (caro Signor Tonino), sono piccole e non possono ospitare più di 22 alunni, per questo non capisco la posizione del Preside, primo responsabile del piano di sicurezza.
Mi viene il dubbio che ogni volta che chiediamo allo stato di applicare e rispettare le stesse Leggi da Esso emanate, diventiamo anarchici e dobbiamo essere isolati, vilipesi, osteggiati.
Quale insegnamento viene dato ai Ragazzi quando l'istituzione che dovrebbe educarLi alla costruzione di una società rispettosa delle Leggi è la prima a fare carta straccia di queste Leggi?

Ma cosa possiamo pretendere da gente che costruisce tunnel da Ginevra al Gran Sasso con appena 45 milioni di Euro?
Magari con 50 possiamo costruirne uno che da Modica arriva a Roma in Viale Trastevere, 76+a, fin sotto le stanze che ospitano il Ministro, così possiamo sparare una carica di neuroni, necessari ad alzare le qualità del Ministro.
Vorrei avere a Modica il Ministro per dirgli solo "grazie di esistere".
Da oggi il problema, in Italia, non è la fuga dei cervelli, ma i cervelli che restano.
La patria di Galilei, Fermi, Marconi, Volta, è diventata lo zimbello del Mondo intero, prima per il BUNGA-BUNGA ed ora per il TUNNEL, "GRAZIE MINISTRO GELMINI".
Ai Ragazzi voglio dire, fatevi onore perchè disonore ne avrete in eredità fin troppo.


Commenti: 0


galilei (Ascolta il messaggio) Tema: 32 - Post: 6793
a cura di emanuele

del 24/09/2011 20:23:40

A proposito di quello che scrive sul " giornale di Ragusa" il consigliere Gerratana ,che sà bene quello che scrive ,come fà a dire che sono garantiti i parametri di sicurezza quando tutto questo non corrisponde assolutamente alla verità , le classi in questione possono contenere massimo 22 studenti ed un insegnante (nelle classi più grandi), sarebbe opportuno ogni giorno far restare a casa 4 studenti con il beneplacito dell'onorevole Minardo .

Commenti: 0


Link su giornali on line (Ascolta il messaggio) Tema: 32 - Post: 6792
a cura di Giovanni Migliore

del 24/09/2011 00:34:15

RADIO RTM

http://www.radiortm.it/2011/09/22/giovanni-migliore-nell%e2%80%99attuale-societa%e2%80%99-chiedere-le-dimissioni-di-qualcuno-suona-come-un-grido-nel-deserto-ma-il-preside-del-%e2%80%9cgalilei%e2%80%9d-dovrebbe-dimettersi/

GIORNALE DI RAGUSA
l'esclusione di alcune opinioni
http://www.ilgiornalediragusa.it/notizie/attualita/35830-modica-classe-pollaio-per-il-galilei-domani-sit-in-davanti-la-prefettura.html

CORRIERE DI RAGUSA
http://www.corrierediragusa.it/articoli/attualità/modica/14921-caso-galilei-il-preside-richiama-gli-studenti-all-ordine-da-lunedi-tutti-a-scuola.html

Commenti: 0


problema Liceo Scientifico (Ascolta il messaggio) Tema: 32 - Post: 6791
a cura di Tonino

del 23/09/2011 17:59:16

Carissimo Consigliere Migliore, Lei sa che ho una grande fiducia nei Suoi confronti e continuo ad averLa, ma dalle notizie che ho avuto, questa volta, devo contraddirLa sulla questione che è nata presso il nostro amato Liceo Scientifico di Modica. Secondo me si è montato volutamente un problema politico solo per far credere alla cittadinanza che la riforma Gelmini sia stata un fallimento. Ebbene io sono convinto che se non si attueranno le riforme ci sarà il fallimento Italia. Ritornando al problema della classe pollaio mi hanno riferito che questa famosa classe III ordinaria è stata formata da 50 studenti per agevolare le classi III sperimentali formate da 18 unità; se è vero bastava solo formare tre classi sperimentali e due ordinarie con il risultato di avere 5 classi con meno di 30 studenti. Cortesemente Le chiedo di informarsi se è vero quello che mi hanno riferito, grazie.

Commenti: 0


Re: IL PRESIDE DEL “GALILEI” DOVREBBE DIMETTERSI (Ascolta il messaggio) Tema: 32 - Post: 6790
a cura di stupito da pinco-pallino

del 23/09/2011 00:04:47

> grazie davvero per tutto quello che sta facendo, Lei e Nino Cerruto. In un momento in cui il nostro preside non appoggia le nostre proteste, ma addirittura ci fa passare per imbecilli dicendo che "è tutto apposto", sapere di avere il supporto dei docenti, dei genitori, dei politici, anche di fazione opposta, ci rincuora sempre più. Grazie per come si sta muovendo senza alcun interesse personale, come ha distinto sempre la SUA politica. Risponderemo e conferemo questa gratitudine portando avanti i nostri principi fino alla fine. Il liceo scientifico e tutti quelli che la pensano come me non dimenticheranno facilmente quanto ci stiate sostenendo. Grazie di cuore.

Commenti: 0


- Pagine: INDIETRO - 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17  18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 AVANTI -

L'informazione On Line


Curiosità

  1. 1


Aree tematiche


Numeri utili in città

  • Comune di Modica centralino: 0932-759111

  • Rifiuti Ingombranti : 0932-759707

  • Manutenzione Acqua :

  • Polizia Municipale 0932-759211

  • Segnalazioni Urp Modica


Cerca la notizia


   Costruzione Via Fontana 

Scorri l'intero TEMA
Clicca qui


Randagismo

Scorri l'intero TEMA
Clicca qui


Multiservizi

Scorri l'intero TEMA
Clicca qui


Cittadinanza Onoraria

Scorri l'intero TEMA
Clicca qui


Piazzetta Pisacane

Scorri l'intero TEMA
Clicca qui


Mercati Rionali e Abusivi

Scorri l'intero TEMA
Clicca qui


Mercato V.le Medaglie D'Oro

Scorri l'intero TEMA
Clicca qui


Spin Off Immobiliare

Scorri l'intero TEMA
Clicca qui


Cimitero

Scorri l'intero TEMA
Clicca qui


Antenne Telefoniche

Scorri l'intero TEMA
Clicca qui


Area Petizioni

  1. Trasferimento Mercato Modica Alta
    (12-04-2010)


Area Multimediale

Servizio su Video Regione Consiglio Comunale 30/07/20100 Trappoli per Topi

Migliore Modica revoca bando di gara Vr News ore 14:00 30/07/2010

  • Lettera aperta ai concittadini

  • Situazione politico amministrativa

    Lettera di Ballarò al Sindaco


    Questo BLOG non rappresenta una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato senza alcuna periodicità.
    Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07.03.2001.

    Test Adsl       Statistiche

    "Non chiedere ciò che il Tuo Paese può fare per Te, ma chiediti ciò che puoi fare Tu per il Tuo Paese! " (John F. Kennedy)