Giovanni Migliore - Cittadino Modicano

E-Mail info@giovannimigliore.it



 

 Avviso: Per problemi di invio con Explorer, si può utilizzare Mozilla Firefox o in alternativa scrivere al Consigliere

"Non chiedere ciò che il Tuo Paese può fare per Te, ma chiediti ciò che puoi fare Tu per il Tuo Paese! " (John F. Kennedy)

Vuoi lasciare un tuo pensiero ? ........  scrivi qui

 AVVISO - Il sottoscritto Giovanni Migliore, non è responsabile di quanto espresso nelle varie notizie.
I blogger che decidono di commentare o di scrivere una notizia si assumono la totale responsabilità di quanto scritto.
In caso di controversie lo stesso comunicherà all'autorità giudiziaria che ne facesse richiesta, tutti i parametri di rete degli autori dei commenti.

Ultimi 10 Messaggi e Commenti

28/09/2017 20:02:52 da parte di Giovanni Migliore - Una storia antica
14/05/2016 01:16:45 da parte di Giuseppe Mirabelli - riapertura caso Piazzetta Pisacane
14/05/2016 01:15:39 da parte di Giuseppe Mirabelli - riapertura caso Piazzetta Pisacane
14/05/2016 01:15:04 da parte di Giuseppe Mirabelli - riapertura caso Piazzetta Pisacane
14/05/2016 01:14:35 da parte di Giuseppe Mirabelli - riapertura caso Piazzetta Pisacane
31/01/2015 22:12:26 da parte di Stefano - Gruppo di preghiera di Gesù Bambino di Gallinaro
25/05/2014 00:26:28 da parte di ex fonte internet - Re: Re: Re: Metamorfosi societarie (5)
24/03/2014 20:20:40 da parte di Pinzo Panzo - La situazione si sta facendo drammatica !!!!!
22/03/2014 08:58:59 da parte di Antonio - Re: ma chi c'è nell'aria?
17/03/2014 00:42:30 da parte di uno ri murica auta - ma chi c'è nell'aria?

 

Link Sanita su radio Rtm (Ascolta il messaggio) Tema: 112 - Post: 6893
a cura di Giovanni Migliore

del 01/12/2011 21:02:18

http://www.radiortm.it/2011/11/29/giovanni-migliore-denuncia-carenza-di-personale-al-pronto-soccorso-di-modica/

Commenti: 0


La sanità a Modica (Ascolta il messaggio) Tema: 112 - Post: 6892
a cura di Giovanni Migliore

del 29/11/2011 14:13:50

LA SANITA’ DALLE NOSTRE PARTI ED IL MANCATO RISPETTO DELLE LEGGI CHE LA POTREBBERO RENDERE PIU’ EFFICIENTE.

Complice la crisi che da circa tre anni rende complicata la vita di tutti, si è consolidata l’incomprensibile abitudine di tagliare risorse anche a quei settori che per l’ importanza che rivestono nella vita di tutti noi, non dovrebbero essere mai sfiorati da politiche di austerità.
Si tolgono infatti risorse all’istruzione, alla ricerca, alla sanità, rendendo precaria la tutela della salute dei cittadini, sancita dalla nostra Costituzione ma praticamente inapplicata per quella miopia politica e manageriale che considerano la sanità alla stregua di altri settori nei quali è possibile intervenire senza pregiudicare diritti fondamentali del cittadino e contraddicendo le stesse leggi che dovrebbero regolare la materia.
Accade infatti che nelle strutture ospedaliere facenti capo all’ASP 7 di Ragusa, soprattutto nelle ore serali e notturne, ci si possa recare con i propri piedi ed uscire in posizione orizzontale, ma non per problemi legati alla professionalità dei medici o degli infermieri, né per la loro mancanza di abnegazione al servizio, bensì perché i manager, hanno un solo obiettivo che è quello di non sforare la spesa programmata.
E se qualcuno ci rimette la vita ? Cosa importa, si troverà una motivazione più o meno plausibile e si aspetterà il prossimo sfortunato.
Nel mese di giugno di quest’anno, il dottore Ettore Gilotta, manager dell’Asp 7 di Ragusa, dichiarò in una sua intervista che durante la sua gestione, non ci sarebbero stati infermieri in più negli ospedali minori. Bene ! Eliminare gli sprechi non può che essere elogiato, ma è normale che al pronto soccorso del Maggiore di Modica, nel turno serale e notturno, ci sia solo 1 medico e 2 infermieri ? E’ concepibile che un cittadino vada al pronto soccorso per verificare un sospetto inizio d’infarto e a causa dell’arrivo di molte ambulanze, il personale medico e paramedico non possa controllare l’evolversi delle condizioni di coloro che potrebbero correre seri rischi per la loro vita ?
Siamo tutti contro gli sprechi, ma la salute dei cittadini non può essere barattata con esigenze di bilancio e detestiamo al contempo i privilegi e le contraddizioni. Tagliare risorse alla sanità e riconoscere stipendi milionari ad un professionista dello stesso settore, rappresenta una contraddizione che confligge con la tanto osannata razionalizzazione dei costi e costituisce una doppia beffa per il cittadino che non riceve un servizio adeguato, dovendo comunque pagare i privilegi di qualche manager.

Commenti: 0


del 29/11/2011 12:34:55

carissimo Sig. tony, Le voglio fare un parallelismo con la Chiesa Cattolica.
Vero è che qualche prete si dedica agli affari suoi personali invece che agli insegnamenti originari della Chiesa Cattolica (pace e amore)... continua la lettura.

Commenti: 1


del 29/11/2011 12:19:43

carissimo collega (in quanto fortunato pensionato),
raccolgo con entusiamo la provocazione e comincio da lontano; più precisamente a cavallo tra gli anni settanta e ottanta.
Dietro la parola "RIQUALIFICAZIONE" si nascondeva una delle più grandi insidie sociali di quegli anni, con ripercussioni fino ai giorni nostri: l'edilizia economica e popolare sovvenzionata e convenzionata; ovvero grandi alveari per gente poco abbiente che veniva letteralmente relegata in ghetti_lager lontano dai cittadini "probi ed onesti" che potevano starsene tranquilli nei loro residences alberati e serviti di ogni comfort (non a Modica, però, dove la città ha subito uno sviluppo diverso tanto nella parte vecchia quanto in quella nuova).
A metà degli anni ottanta gli urbanisti conclusero che l'esperimento non era riuscito (vedi ZEN, PEEP o periferie popolari di qualunque città d'Italia, ma anche i cugini francesi con le loro "banlieu" non scherzano, anzi hanno raggiunto apici di decadenza sociale che non hanno pari nel mondo se non nelle grandi metropoli degli Stati Uniti d'America).
Tutto da rifare dunque, prevedere l'integrazione sociale e non l'emarginazione, ma...
ma gli urbanisti (di solito grandi teorici) non avevano fatto i conti con l'economia e con i grandi appalti, con gli interessi che gravitano attorno allo "sviluppo verticale" della città a scapito dello "sviluppo intelligente".
E veniamo ai giorni nostri; facciamo uno zoom su Modica e poi su Via Fontana, fino all'ex Foro Boario (oggi costruenda villetta comunale) e, come possiamo vedere dai fotomontaggi allegati ad un progetto di "riqualificazione" che il Cons. Migliore mette gentilmente a disposizione del cittadino [IL CONS. MIGLIORE, HO DETTO, NON IL SINDACO BUSCEMA], di tutto si tratta fuorchè di riqualificazione.
Si tratta di cementificazione;
si tratta di addensamento edilizio;
si tratta di congestione;
si tratta di business;
si tratta di emarginazione di famiglie poco abbienti che vengono contrassegnate con la X e poste lungo l'alveo di un torrente a rischio idrogeologico (tanto chi se ne frega se a rimetterci le penne sono dei poveracci);
si tratta di far arrivare soldi (lodevole), se poi vengono spesi male, pazienza!

Personalmente vedrei la riqualificazione qualora il progetto prevedesse dei corsi alternativi al greto del torrente, giusto per non rivedere le scene genovesi che hanno fatto il giro del mondo;
qualora al posto di orrende palazzine fossero state previste casette bipiano con sottotetto più consone al nostro tessuto cittadino;
invece no! il progettista si è assuefatto alle palazzine esistenti (probabilmente oggetto di sanatoria!) pensando che così si amalgamava il tessuto urbano; come dire: dove c'è già degrado, un pò in più non si nota, anzi diventa una regola compositiva.

Nota 1: ma la Sovrintendenza lo ha visto il progetto?

Nota 2: ma i geologi che visionano il progetto sono sicuri che DUE PIANI INTERRATI non subiranno spinte idriche alle prime acque che alimentano i lati del torrente? (ricordiamo, per la cronaca, che le acque provenienti dai costoni non entreranno nell'alveo del torrente, ma si fermeranno ai lati, spingendo verso l'alto tutto quello che gli capita a tiro).

Per ora è tutto, nei dettagli costruttivi entreremo a suo tempo.

saluti,
geometra in pensione.

Commenti: 0


del 29/11/2011 11:33:11

> Quello che ho letto, non e' affatto giusto. Sono ormai 12 anni che pratico il buddismo del Sutra del loto antico sutra scritto da Shakyamuni il budda storico. Nichiren ne ha colto l'essenza non e' falso buddismo... continua la lettura.

Commenti: 2


Il paziente deve essere paziente. Il "Triage" (Ascolta il messaggio) Tema: 99 - Post: 6887
a cura di Giovanni Assenza

del 28/11/2011 01:27:19

Tempo fa qualcosa del genere è successo a Te caro Giovanni, Ti confermo e rassicuro, nulla è cambiato.

Il Paziente oltre ad essere paziente deve conoscere anche il francese per capire la scritta “triage” sulla targhetta accanto a quella stanza vuota.

Sul sito www.salute.gov.it viene spiegato come funziona il “triage”.
L'attivita' del triage si articola in:
• accoglienza:
raccolta di dati, di eventuale documentazione medica, di informazioni da parte di familiari e+o soccorritori, rilevamento parametri vitali e registrazione;
• assegnazione codice di gravità:
tali codici, in analogia con i criteri definiti dal decreto del Ministero della Sanità del 15 maggio 1992, articolati in quattro categorie ed identificati con colore sono:
o codice rosso: molto critico, pericolo di vita, priorità massima, accesso immediato alle cure;
o codice giallo: mediamente critico, presenza di rischio evolutivo, possibile pericolo di vita;
o codice verde: poco critico, assenza di rischi evolutivi, prestazioni differibili;
o codice bianco: non critico, pazienti non urgenti;
• gestione dell'attesa:
i pazienti in attesa della visita medica possono variare (migliorare o peggiorare) le proprie condizioni cliniche, è quindi parte integrante dell’intero processo di triage la rivalutazione periodica della congruità dei codici colore assegnati.

Ma a Modica funziona così?

Forse di giorno, ma sicuramente non di sera, pertanto siete invitati a non aver bisogno del pronto soccorso nelle ore notturne, perché l’accoglienza è lasciata al caso e per aver assegnato un codice bisogna sperare che i bisognosi notturni siano un numero limitato, inutile aggiungere che se ci sono problemi per valutare ed assegnare il codice di gravità è inutile sperare in una rivalutazione periodica dei codici assegnati.

Perché non funziona?

Perché di sera l’organico del pronto soccorso viene ridotto al minimo, un medico, due infermieri, un inserviente e inoltre nessun medico ai reparti per ottenere delle consulenze.

Giorno 24 novembre 2011 verso le 20:20 mentre ero al lavoro ho avuto una forte tachicardia con dolore al petto e al collo. In pochi minuti mi sono recato al pronto soccorso dell’ospedale Maggiore, c’era solo una signora col figlio e nessun altro, penso di essere fortunato perché l’attesa sarebbe sicuramente stata modesta, così, malgrado la paura, mi sono seduto in attesa del codice “triage”. Non immaginavo che in pochi minuti la sala d’attesa si sarebbe riempita e le ambulanze, 6, forse 7 in poco più di 3 ore, senza sosta, portassero i loro carichi di sofferenza.
Nel frattempo la stanza con la targhetta “triage” restava desolatamente aperta e vuota come l’aveva trovata il primo paziente alle 20:10.
Finalmente alle 21:20 arriva un infermiere e comincia a chiamare per assegnare il codice, dopo un’ora, alle 21:32, mi viene assegnato il tanto sospirato codice, per la cronaca è giallo, ma resto in attesa perché, come ho già detto, le ambulanze sembravano delle api che entravano ed uscivano dall’alveare in continuazione.
Alle 22:00 entro nell’ambulatorio e trovo solo un medico ed un’infermiera, il secondo infermiere continuava ad assegnare codici. Il pronto soccorso ha due sale attrezzate, una era occupata, nel corridoio antistante c’erano tre barelle con Pazienti e anche la saletta di fronte era occupata e, se non ricordo male, un altro Paziente era in sala TAC. L’unico inserviente faceva la spola fra laboratori e reparti.
Dopo l’ECG e il prelievo mi fanno accomodare nella seconda saletta e nell’attesa sento che c’è un codice rosso e di tanto in tanto quanto si apre la porta noto che la sala d’attesa è piena e vedo che il paziente arrivato dopo di me è ancora lì ed è passata la mezzanotte.
Riflettendo sull’accaduto mi viene in mente la grande rabbia che c’era in tutti noi, ma nello stesso tempo tanta dignitosa rassegnazione e comprensione verso l’unico medico, i due infermieri e l’inserviente che senza sosta hanno lavorato per tutto il tempo.

Di chi è la colpa di tutto ciò?

Chi amministra il servizio sanitario nella nostra provincia si rende conto di quello che succede negli ospedali? Sa che non sono rispettate le regole che loro stessi hanno adottato?

Mi sono chiesto quanto guadagna questo dirigente che ha ridotto all’osso l’organico del pronto soccorso e mentre lui dorme beato altri soffrono disagi enormi? Una vocina al telefono mi dice appena 400.000,00 euro l’anno.
Sarà vero? Se è così magari quando dorme sogna come spendere i 1.000,00 e più intascati ogni giorno.

Signor amministratore la posso denunciare per ritardato soccorso?

Non crede sia meglio ottimizzare i servizi anziché tagliarli per risparmiare?
Lo sa che spesso ottimizzare e risparmiare possono coesistere?
Non pensa che della sofferenza si debba avere grande rispetto?
Sa cosa mi rende meno triste? La certezza che malgrado tutto ci sono Uomini e Donne che per molto meno di 1.000,00 euro al giorno rendono un servizio straordinario alla collettività, malgrado l’ottusità di amministratori, burocrati e politici.
Dorma sonni tranquilli, con l’augurio che restino sempre tali; anche se purtroppo a volte si trasformano in incubi, la ruota gira per tutti.

Commenti: 0


Relazione-quantificazione costi- galleria foto (Ascolta il messaggio) Tema: 11 - Post: 6886
a cura di Giovanni Migliore

del 28/11/2011 01:09:05

Amici del blog, incomincio a passarvi alcuni documenti e foto in modo che ognuno possa rendersi conto in misura precisa di quello che si vuole fare e quindi di quello che si dice.

Ringrazio alcuni residenti ,... continua la lettura.

Commenti: 0


del 27/11/2011 17:38:37

puo capitare che dei cd si guastino,che delle trascrizioni non sono fatte
che degli assegni sono stati fatti cosi per gioco ,puo capitare !!!!!
tutto ok trionfa la giustizia ,magistrati visionari e cittadini calpestati ancora!!!
che il Signore renda merito a tutti....

Commenti: 0


La storia non serve,gli alluvioni non esistono (Ascolta il messaggio) Tema: 99 - Post: 6884
a cura di un ex studente che non ha imparato un cazzo

del 26/11/2011 21:18:25

ALLUVIONE A MODICA


Una notte di cento anni fa, gli abitanti di Modica si svegliavano di soprassalto, senza sapere cosa stesse succedendo, senza sapere cosa fare, impauriti e in preda ai mutevoli ed imprevedibili eventi atmosferici. Un temporale incessante si stava abbattendo sulla città con un'intensità da catastrofe. Era il 26 settembre 1902 ed era la notte della grande alluvione: 20 minuti che cambiarono la città e parte della sua storia. Il 25 settembre si erano creati una depressione barometrica sulla Tunisia e pressioni elevate nell'Europa centrale: questi due eventi, congiunti, provocarono piogge torrenziali su tutta la Sicilia sud-orientale tra il 25 e il 30 settembre. Nella stazione pluviometrica di Giarratana, la più vicina a Modica, si registrarono, tra il mattino del 25 e il mattino del 26 settembre, 395 millimetri di pioggia. La bufera fu, in alcuni momenti, così intensa, da far parlare i testimoni del tempo di "veri filetti liquidi cadere dal cielo".

A Modica, il cui centro abitato era ancora attraversato dai torrenti a cielo aperto, l'effetto fu devastante. Intorno alle 4.20 del mattino i corsi d'acqua cominciarono ad ingrossarsi; alle 4.30 i torrenti erano già straripati e raggiungevano il metro di altezza dal livello della strada; alle 4.40 l'acqua arrivò al primo piano delle abitazioni collocate lungo gli argino dei torrenti; alle 5.00 la piena era cessata, un rigagnolo scorreva negli alvei e rimaneva solo fango, tanto fango sulle strade. La piena aveva trascinato con sé ogni cosa, aveva distrutto le abitazioni più povere, inondato i palazzi e sradicato gli alberi, scoperchiato i tetti delle case più basse, distrutto la fognatura, la rete idrica e i ponti su torrenti. Gli abitanti furono colti nel sonno. Centododici le vittime e danni per due milioni di lire di quegli anni: il disastro era immane.

Nella Via Dione (l'attuale Via Marchesa Tedeschi), tre case furono del tutto sradicate; Palazzo Galfo, trovandosi di fronte al corso del torrente, laddove l'alveo si incurva, fu investito dalla piena che lo inondò completamente lasciando un metro di fango al primo piano; nella Via Santa, poi soprannominata via Maledetta, che si trovava ad un livello più basso rispetto ai marciapiedi lungo gli argini, perirono ventitré persone; nelle campagne alcuni terreni furono dilavati dall'intensità della pioggia e riportati a nuda roccia. Questi solo alcuni degli esempi di tanta distruzione. Per la città si trattò di una grave perdita, non solo umana e materiale, ma anche economica. Così, le scene di disperazione per la perdita di affetti e averi, lo straziante riconoscimento di cadaveri dissotterrati dal fango e portati nelle chiese o giunti con carri dalle spiagge dei paesi limitrofi dove la piena li aveva trasportati, lasciarono presto il posto alla ricostruzione.

Circa cento attività commerciali che fiancheggiavano il Salone, ovvero il Corso Umberto, erano andate distrutte e la merce dispersa, i mulini costruiti in prossimità dei ponti e pieni di frumento avevano fatto la stessa fine, le coperture degli alvei, già iniziate dopo l'alluvione meno catastrofica del 1833, erano state abbattute, le campagne allagate. Bisognava ricostruire una città e la sua economia. Ma Modica non fu sola nella sventura. Alle locali compagnie di carabinieri e soccorritori volontari, che per giorni scavarono instancabilmente nel fango, si aggiunsero squadre degli eserciti di Messina e Siracusa, da Quest'ultima arrivarono carichi di pane per i disastrati, il prefetto fu subito sul posto per coordinare le operazioni. Ma furono i giornali nazionali e locali a creare una forte eco attorno alla vicenda: La Stampa, il Corriere della Sera, La Domenica del Corriere, Il Secolo Illustrato, La Tribuna Illustrata, l'Ora, Il Sole del Mezzogiorno, La Sicilia, il Giornale di Sicilia portarono in prima pagina una Modica distrutta ma anche un po' irreale (450 le vittime secondo alcuni corrispondenti e Modica città di gondole secondo alcuni disegnatori), e nel fornire i particolari più minuziosi intorno alla vicenda incollarono alle proprie pagine migliaia di lettori in tutta Italia; scattò ben presto una gara di solidarietà per alleviare le perdite e i disagi di chi era stato colpito dalla forza della natura negli affetti e negli averi e furono così organizzate sottoscrizioni, cortei pro-Sicilia e pro-Modica e passeggiate di beneficenza.

Le offerte volontarie (ottocento mila lire del tempo pari a circa venticinquemila euro) permisero un immediato sollievo per i più colpiti, mentre allo slancio generoso delle città di Milano e Palermo si deve la nascita di un quartiere per i senzatetto che dalle due benevole città prese il nome. In un secondo momento arrivarono anche gli aiuti dello Stato che permisero la ricostruzione degli argini e la copertura definitiva degli alvei che, se tolse a Modica la caratteristica conformazione di una Venezia del Sud, la resero certamente più sicura e più pulita. In un periodo in cui cominciava a nascere il concetto di opinione pubblica e in cui si dibatteva la questione meridionale, la tragedia di Modica si presentò come un emblema e la solidarietà che arrivò da ogni parte d'Italia dimostrò quanto sentito era il concetto si Nazione, tanto da far esclamare al milanese Ottone Brentari, corrispondente del Corriere della Sera: "E sia meno maledetta anche la sventura se essa servirà a farci amare e conoscere di più tra fratelli e fratelli!"


Grazie Consigliere Migliore, Modica non ha capito un cazzo.Gli alluvioni si ripeteranno e noi come coglioni resteremo a guardare. Veda che io sono stato in due riunioni tenuti alla vignazza, e oltre ad non esserci nessuno degli interessati,il momento è stato solo per una passerella politica del Sindaco, degli assessori in carica e degli ex assessori che hanno grandi interessi.
Chi è il progettista capofila dell'opera?
Chi sono i tecnici?
Quant'è la parcella di questi signori?

Commenti: 0


del 26/11/2011 11:11:34

Migliore lei mi sorpprende,
non ha capito perchè vogliono costruire lungo l'alveo di un torrente come si faceva in tempi molto antichi?
Semplice, dove c'è acqua c'è vita e dove c'è vita c'è da pescare
uuuhhhh se c'è da pescare,lì ci sarà pesce per tutti.
E poi da quelle parti vicino al vecchio macello fino agli anni 50 e 60 del Novecento venivano lavati gran parte dei panni dei modicani della parte alta e bassa della città.
Quindi se hanno scelto quella zona sarà perchè nel caso di una crisi più austera e le lavatrici dovessero restare ferme,almeno si ritornerà a lavare i panni nella vecchia maniera.
Come sappiamo nell'attuale società di panni sporchi ce ne sono sempre tanti, uuuuhhhh se ce ne sono....

n.c. (nota cutta)
ma u geometra pensionatu unni finiu? Comu a pensa iddu ca era ro mistieri?

Commenti: 1


link su radio Rtm (Ascolta il messaggio) Tema: 99 - Post: 6882
a cura di Giovanni Migliore

del 26/11/2011 00:15:03

http://www.radiortm.it/2011/11/25/giovanni-migliore-il-ritorno-agli-albori-della-civilta%E2%80%99-nelle-politiche-costruttive-di-modica/

Commenti: 0


del 26/11/2011 00:09:45

IL RITORNO AGLI ALBORI DELLA CIVILTA’ NELLE POLITICHE COSTRUTTIVE DELLA NOSTRA CITTA’

Nell’ambito del programma integrato per il recupero e la riqualificazione della città, promosso dal Dipartimento Regionale delle Infrastrutture il 29/06/2010 e pubblicato in G.U.R.S. n° 32 il 16/07/2010, s’inserisce il progetto via fontana che in teoria, per gli interventi contemplati, dovrebbe abbellire la realtà urbana.

La scelta dell’area è stata la più opportuna, tenuto conto delle sue caratteristiche ?

I 6.013 metri di terreno sono situati in zona B1 e ricadono lungo l’alveo compreso tra le vie Gerratana e Fontana e si allunga a partire dall’odierno terminale della via Salvatore Quasimodo, importante alveo viario urbano, posto a copertura del torrente Modica-Scicli, fino quasi all’altezza dell’abbeveratoio da cui inizia l’area dell’ex Foro Boario.

Se anticamente costruire quasi esclusivamente lungo i fiumi, perché costituivano le uniche vie di comunicazione, aveva un senso, oggi qual è la reale motivazione per ritornare a quest’antica concezione ?
Ed ancora, un’Amministrazione che si muove per realizzare opere di così rilevante portata, perché non sente il bisogno d’un consulto preventivo con i cittadini che amministra,nella fattispecie con i rappresentanti del popolo ovvero i Consiglieri comunali, per evitare di consegnare alla città qualcosa che i cittadini potrebbero non volere ?
Se questo progetto dovesse concretizzarsi, nella zona sopradescritta, sorgerebbero 7 palazzi di edilizia convenzionata con un cofinanziamento regionale di 6 milioni di euro, un contributo comunale di 484.000 euro pari al prezzo del terreno donato ed un intervento d’imprenditori privati pari a 10.600.000 euro.

Al fine di evitare che questo progetto continui il proprio iter tecnico-burocratico e che non riceva invece gli importanti visti della popolazione, come in altri casi è già accaduto, sarebbe a mio parere opportuno che chi governa la città, potesse informare la cittadinanza di quanto l’Ente sta per realizzare.

Commenti: 0


del 25/11/2011 01:17:01

http://www.radiortm.it/2011/11/24/impiegata-in-malattia-niente-certificati-alla-delegazione-di-modica-alta/

http://www.ilgiornalediragusa.it/notizie/cronaca/37768-modica-impiegata-in-malattia-niente-certificati-alla-delegazione-di-modica-alta.html

http://www.ragusaoggi.it/15944/interrogazione-consiliare-in-forma-orale



http://www.modicaliberata.it/wp/?p=11435






Commenti: 0


Re: Interrogazione sul servizio anagrafe a Modica alta (Ascolta il messaggio) Tema: 99 - Post: 6879
a cura di Giovanni Crucetta jr.

del 24/11/2011 17:05:33

Carissimi, consigliere Migliore e lettori di questo prezioso Blog.

“Il Sistema Informativo pubblico – combinazione di risorse, umane e materiali, e di procedure organizzate – è finalizzato alla raccolta, archiviazione, elaborazione e scambio delle diverse informazioni e dei diversi dati necessari per l’espletamento delle attività operative, programmatiche e di controllo dell’ente stesso”.

Chiaccherando con alcuni colleghi sull’argomento mi è stata data notizia che il Comune di Modica possiede già tra il proprio personale (anche ex contrattista) alcune figure professionali altamente qualificate in grado di avviare un processo di modernizzazione tecnologica e risolvere di gran lunga i problemi legati ai vari disservizi in materia d’informatizzazione.

Alcuni di questi dipedenti sembra che siano in grado di sviluppare applicazioni web all’avanguardia a costo ZERO e del tipo:

- Applicativo a 360° portale web istituzionale;

- Applicativo gestionale U.R.P. interconnesso in real time con tutte le postazioni degli uffici preposti (Intranet-Internet);

- Applicativo Albo pretorio (gestione affissioni all’albo pretorio elettronico sul sito istituzionale di atti dell’ente e di enti esterni che ne facciano richiesta);

- Applicativo Anagrafe+elettorale+stato civile (gestione dati ed informazioni relativi alla posizione anagrafica, elettorale e di stato civile dei cittadini) il tutto con Firma e Timbro digitale, chiaramente tutto sul web;

- Applicativo Gestione Personale (gestione del personale per il calcolo della retribuzione in base al tipo di normativa contrattuale; rilevazione presenze+assenze tramite specifico applicativo, timbratrici e registro personale);

- Applicativo protocollo (gestione della protocollazione, classificazione e scansione dei documenti in ingresso ed in uscita dall’ente);

- Applicativo gestione SMS+Web (Parchimetri e strisce blu);
- Applicativo gestionale città digitale (Musei, siti turistici UNESCO, aziende, servizi pubblici) con le GOOGLE MAPS;

- Applicativo gestionale Videosorveglianza.

- altro ancora...

E’ fondamentale per una città che questi servizi informativi esistano; migliorano la qualità della vita e rafforzano la fiducia tra il cittadino e le Istituzioni.

Apprezzando l’ impegno che Lei costantemente dedica per questa città, non potrebbe informarsi sulla veridicità di quanto su descritto e comunicarle su questo o su altro Forum?

Grazie, Giovanni Crucetta jr.

Postato anche su RADIORTM.IT

Commenti: 0


del 24/11/2011 07:19:00



AL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO
COMUNALE DI MODICA

AL SINDACO DI MODICA


OGGETTO : INTERROGAZIONE CONSILIARE IN FORMA ORALE


Il sottoscritto Consigliere comunale Giovanni Migliore, appartenente al gruppo “idea di centro”, chiede al Presidente del Consiglio il proprio intervento presso l’Assessorato competente per avere lumi sui disservizi degli uffici anagrafici.
Nei giorni scorsi, alcuni cittadini si sono recati negli uffici anagrafici di Modica alta per richiedere il rilascio d’un certificato ma l’unica cosa che sono riusciti ad ottenere è stata la spiegazione di un’impiegata che ha motivato l’impossibilità del rilascio dei certificati che i cittadini chiedevano, a causa della malattia dell’addetta al servizio.
Non è a dir poco strano che l’assenza per malattia di un’impiegata possa complicare la vita a diversi cittadini, impediti ad ottenere una certificazione che spesso può essere di somma urgenza per il completamento d’una pratica ?
Così difficile è in questi casi spostare un impiegato da un ufficio ad un altro per non creare disservizi ai cittadini ?
Poiché non è la prima volta che accadono cose di questo genere, conseguenti alla pigrizia dell’assessore al ramo, si chiede di conoscere i reali motivi per cui accadono fatti del genere che non contribuiscono certamente a dare un’immagine prestigiosa della macchina amministrativa della nostra città.
Si chiede altresì di conoscere l’iter che dovrebbe portare all’informatizzazione del sistema e che se non giacesse ancora in qualche sperduto cassetto, consentirebbe una gestione del servizio anagrafico più moderno ed a costo zero, potendolo affidare in gestione a qualche Patronato di Modica alta, consentendo un servizio più qualificato ai cittadini ed uno sgravio di costi per il Comune.

Modica,24/11/2011

Giovanni Migliore
Consigliere comunale

Commenti: 1


Email di protesta (Ascolta il messaggio) Tema: 99 - Post: 6877
a cura di Email firmata

del 22/11/2011 00:28:53

Ciao Giovanni ti disturbo in qualità di consigliere comunale. La settimana scorsa sono andata all'ufficio comunale di Modica Alta per fare un certificato. Ho trovato una signora molto gentile che però era là solo per comunicare alla gente che l'impiegata autorizzata a fare i certificati è malata, non si sa quando rientra e nessuno la sostituisce. Io mi chiedo: è possibile che con tutti gli impiegati che ha il comune di Modica non ce ne sia uno che possa sostituirla? La stessa situazione è già accaduta tempo fa ad altre persone. Affido a te questa mail di protesta. Sono sicura che ne sarai portavoce. Grazie.

Commenti: 0


del 18/11/2011 00:06:46

Ho sempre pensato che il buon andamento d’un Paese, la sua crescita, il benessere del proprio popolo, dipendessero esclusivamente dagli uomini che esso sceglie democraticamente per essere governato(concetto opinabile fino a quando non verrà restituita ai cittadini la reale facoltà di scelta, per ora affidata alle segreterie dei partiti), ma in queste ultime settimane, non si può non prendere atto che il destino d’una Nazione, molto più che dagli uomini che la governano, dipende in maniera prevalente da un gruppo di persone, irrilevante numericamente rispetto al contesto che influenza ma con una capacità non paragonabile a nessun altro potere e che si chiama mercato finanziario. Gli uomini che si occupano di questa delicatissima materia, negli ultimi tempi, complice la crisi che comunque ha delle responsabilità oggettive all’interno dei vari governi, andando di volta in volta ad individuare le economie nazionali più fragili, riescono a decretarne il loro destino. Tanti sono gli Stati che come birilli, uno dietro l’altro, stanno cadendo sotto la scure d’un potere terzo rispetto ai singoli governi, che una volta entrati sotto la lente di questo strano e micidiale potere, difficilmente riescono a salvarsi da prospettive di ritorno al passato di alcuni decenni. Di questo passo, non si corre il serio rischio che tutti i 27 Paesi della Comunità europea facciano la stessa fine della Grecia, del Portogallo, dell’Irlanda, dell’Italia ? Qualche segnale induce a supporre di si, tant’è che da qualche giorno, la Francia ritenuta economicamente forte, non gode più dello stesso giudizio. E se dovesse fallire il piano di risanamento della Grecia, non diventerebbe immediatamente fragile la tanto osannata economia tedesca, coinvolta dall’acquisto di miliardi di euro di titoli greci ? Se il destino di oltre un miliardo di persone dipende da qualche migliaio di uomini che decide chi promuovere e chi bocciare, siamo messi davvero male !

Commenti: 0


Re: Auguri (Ascolta il messaggio) Tema: 99 - Post: 6875
a cura di silvio

del 16/11/2011 19:34:03

Monti ha detto: "sacrifici, non lacrime e sangue"

io sacrifici senza lacrime e senza sangue non ne ho mai visti!

mi associo agli auguri

Commenti: 0


Auguri (Ascolta il messaggio) Tema: 99 - Post: 6874
a cura di informazione a pagamento

del 16/11/2011 18:04:38

E' nato il nuovo governo.
E' un governo senza politici.
E' un governo senza Maroni.
Ma il granitico e robotico Monti dicono che gli attributi ce li ha.
Forse un pò più grandi di quanto si possa immaginare.
Alcuni italiani sono contenti.
Le banche ancor di più.
Auguri,anzi ... "in bocca al Lupo".

Commenti: 1


(Ascolta il messaggio) Tema: 15 - Post: 6873
a cura di informazione gratuita

del 15/11/2011 17:03:56

...oggi a modica alta c'era il mercatino dei contadini,
intorno ad esso una miriade di ambulanti "satelliti"
ho pure visto che c'erano almeno tre vigili indaffarati,ma penso che stessero lavorando per definire le strisce del mercato del giovedì e non per allontanare gli abusivi (ma non ne sono sicuro).
Le strisce che delimitano lo spazio che ciascuna bancarella deve occupare adesso sono fatte con criterio,corrette e squadrate,almeno geometricamente. Il problema di base comunque resta,il mercato ostacola fortemente il libero accesso in alcune vie e di conseguenza limita parecchio la libertà di transito nel quartiere e nega,in alcuni casi,il poter usare liberamente alcuni garages e parcheggi
dalle 6 di mattina alle 14.
Fortuna vuole che non abito nella zona: rimango del parere che i mercati vanno fatti in aree circostritte e delimitate;
solo in quel caso si potrebbe parlare di sicurezza a 360°,
in tutti gli altri casi prevarranno solo caos,disagi ed insicurezza.

Commenti: 0


- Pagine: INDIETRO - 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13  14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 AVANTI -

L'informazione On Line


Curiosità

  1. 1


Aree tematiche


Numeri utili in città

  • Comune di Modica centralino: 0932-759111

  • Rifiuti Ingombranti : 0932-759707

  • Manutenzione Acqua :

  • Polizia Municipale 0932-759211

  • Segnalazioni Urp Modica


Cerca la notizia


   Costruzione Via Fontana 

Scorri l'intero TEMA
Clicca qui


Randagismo

Scorri l'intero TEMA
Clicca qui


Multiservizi

Scorri l'intero TEMA
Clicca qui


Cittadinanza Onoraria

Scorri l'intero TEMA
Clicca qui


Piazzetta Pisacane

Scorri l'intero TEMA
Clicca qui


Mercati Rionali e Abusivi

Scorri l'intero TEMA
Clicca qui


Mercato V.le Medaglie D'Oro

Scorri l'intero TEMA
Clicca qui


Spin Off Immobiliare

Scorri l'intero TEMA
Clicca qui


Cimitero

Scorri l'intero TEMA
Clicca qui


Antenne Telefoniche

Scorri l'intero TEMA
Clicca qui


Area Petizioni

  1. Trasferimento Mercato Modica Alta
    (12-04-2010)


Area Multimediale

Servizio su Video Regione Consiglio Comunale 30/07/20100 Trappoli per Topi

Migliore Modica revoca bando di gara Vr News ore 14:00 30/07/2010

  • Lettera aperta ai concittadini

  • Situazione politico amministrativa

    Lettera di Ballarò al Sindaco


    Questo BLOG non rappresenta una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato senza alcuna periodicità.
    Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07.03.2001.

    Test Adsl       Statistiche

    "Non chiedere ciò che il Tuo Paese può fare per Te, ma chiediti ciò che puoi fare Tu per il Tuo Paese! " (John F. Kennedy)