Giovanni Migliore - Cittadino Modicano

E-Mail info@giovannimigliore.it



 

 Avviso: Per problemi di invio con Explorer, si può utilizzare Mozilla Firefox o in alternativa scrivere al Consigliere

"Non chiedere ciò che il Tuo Paese può fare per Te, ma chiediti ciò che puoi fare Tu per il Tuo Paese! " (John F. Kennedy)

Vuoi lasciare un tuo pensiero ? ........  scrivi qui

 AVVISO - Il sottoscritto Giovanni Migliore, non è responsabile di quanto espresso nelle varie notizie.
I blogger che decidono di commentare o di scrivere una notizia si assumono la totale responsabilità di quanto scritto.
In caso di controversie lo stesso comunicherà all'autorità giudiziaria che ne facesse richiesta, tutti i parametri di rete degli autori dei commenti.

Ultimi 10 Messaggi e Commenti

22/08/2016 21:32:42 da parte di biondo scuro - Re: Perché la soka gakkai è una setta:
22/08/2016 21:30:33 da parte di Alessandro Costa - Re: Perché la soka gakkai è una setta:
22/08/2016 21:29:19 da parte di Alessandro Costa - Re: Perché la soka gakkai è una setta:
14/05/2016 01:16:45 da parte di Giuseppe Mirabelli - riapertura caso Piazzetta Pisacane
14/05/2016 01:15:39 da parte di Giuseppe Mirabelli - riapertura caso Piazzetta Pisacane
14/05/2016 01:15:04 da parte di Giuseppe Mirabelli - riapertura caso Piazzetta Pisacane
14/05/2016 01:14:35 da parte di Giuseppe Mirabelli - riapertura caso Piazzetta Pisacane
16/04/2016 10:35:47 da parte di Valerio - Re: Perché la soka gakkai è una setta:
16/04/2016 10:35:40 da parte di Valerio - Re: Perché la soka gakkai è una setta:
16/04/2016 10:33:51 da parte di Valerio - Re: Perché la soka gakkai è una setta:

 

L'ospite su giornale on line GIORNALE DI RAGUSA (Ascolta il messaggio) Tema: 32 - Post: 6802
a cura di Giovanni Migliore

del 27/09/2011 23:46:04

http://www.ilgiornalediragusa.it/rubriche/72-lospite/35972-modica-liceo-scientifico-qgalileiq--molto-presto-tutto-sara-archiviato.html

Commenti: 0


del 27/09/2011 23:00:10

> ha ragione da vendere.Lei è stato un genitore esemplare poichè ci ha rappresentato tutti noi genitori.Il suo rimprovero al Signor Brafa è stato un esempio esemplare.
Come si può permettere un signore del genere di richiamare un ragazzo che a causa della distanza dai microfoni era costretto ad alzare la voce,e addirittura esprimendo un giudizio di maleducazione.Dopo circa 10 minuti lo stesso è andata su tutte le furie quando il Prof. Baeli le aveva fatto delle corrette e puntuali osservazioni.Una dimostrazione di non totale educazione, non rispetto dei principi di pulizia espressiva.
La inviterei a divulgare le registrazioni di quello che è successo in aula in modo da dare delle vere sberle di educazione ad alcune persone.
Sono convinto che con il suo aiuto questa storia non avra un facile epilogo.La prego di non abbandonare questi ragazzi. Mia figlia ha bisogno dei suoi professori. Questi l'hanno aiutata in modo serio nel togliere alcune remore quasi patologiche. Per favore non ci abbandoni .

Commenti: 0


del 27/09/2011 21:39:18

LICEO SCIENTIFICO “GALILEI” , TUTTO ARCHIVIATO COME SE I PROBLEMI FOSSERO STATI RISOLTI.

Una settimana di manifestazione degli studenti del “Galilei”, la pubblicazione di qualche articolo sulla stampa di alcuni esponenti politici, qualche presenza di circostanza, l’archiviazione di tutta la questione che aveva spinto gli studenti a manifestare.
Questo potrebbe essere in estrema sintesi l’iter che ha caratterizzato nei giorni scorsi la vicenda del “Galilei”.

A rigore di logica, dovrebbero essere archiviate quelle questioni che hanno già trovato soluzione, purtroppo, come in questo caso, la soluzione manca e cionondimeno non se ne discute più.

Questa vicenda lascia l’amaro in bocca oltre agli studenti, anche ai loro genitori, poiché c’è la diffusa convinzione che il problema sia stato affrontato in maniera non consona, partendo dall’assunto che nulla si sarebbe potuto fare perché certe norme all’interno della riforma Gelmini, non possono essere cambiate dall’intervento d’un dirigente scolastico o da una manifestazione studentesca.

Questo è vero perché la politica, molto spesso, non tiene conto del fatto che alcuni settori della società, quali salute ed istruzione, non possono subire le stesse logiche di altri settori, in quanto si tratta del diritto alla salute e di quello all’istruzione, entrambi sanciti dalla Costituzione.

Tuttavia, la riforma Gelmini non è stata varata ieri mattina, per cui sarebbe stato doveroso che il capo d’istituto, dovendo cambiare (perché imposto dall’alto ) scelte di vita di alcuni studenti, programmazione di alcuni insegnanti, interloquisse con il corpo docente e con gli studenti per addivenire alla conclusione meno traumatica per tutti.

D’altronde, lo stesso dirigente scolastico prof. Carrubba, si è espresso proprio ieri in questi termini: se la questione avesse avuto minore eco, si sarebbe potuto far intervenire qualcuno che avrebbe potuto risolvere meglio la questione. Se poi il dirigente, avesse davvero condiviso le tesi degli studenti, avrebbe potuto coinvolgere gli stati più alti dell’istruzione e qualche esponente politico che forse sarebbe riuscito a patrocinare la causa degli studenti, che è il caso di ricordare non hanno chiesto la luna ma il diritto di continuare il corso di formazione scelto e con i docenti con i quali pensavano di andare avanti, nel rispetto delle norme di sicurezza che la legge prevede.

In questa vicenda, la società civile e la politica che conta, dov’è stata ?
Anche queste forme d’assenteismo procurano amarezza !

Commenti: 2


del 27/09/2011 00:41:27

Da oltre 2 ore avevo cercato di scrivere sulle emozioni provate
come genitore da giovedi scorso ad oggi.
Purtroppo per problemi con il browser Mozilla, tutto quello che avevo scritto si è perso e quindi vista l'ora , rimandiamo a domani.

Commenti: 0


del 26/09/2011 22:51:44

> Una volta la scuola era per pochi, solo per i figli dei ricchi e dei notabili. Poi con la democrazia è arrivata l'alfabetizzazione di massa. L'obbligo di frequentare la scuola,accessibile a tutti, sembrava una grande conquista della società civile.
Col passare del tempo si è ritornati al passato, la qualità della scuola pubblica è andata scemando, la differenza qualitativa fra scuola pubblica e privata si è allargata a dismisura, creando studenti di seria A e studenti di serie B.
Sinistra+Destra o destra+sinistra, appena saliti al governo hanno avuto il primo pensiero a dare picconate alla qualità della scuola e riforma dopo riforma hanno ristabilito il passato.
L'eguaglianza non esiste più, l'accesso alle scuole migliori è solo per pochi, sarà sempre più difficile mantenere i figli all'università e chi arriverà alla laurea sarà sempre un passo indietro a chi avrà fatto dei costosi masters all'estero.
Malgrado tutto, a costo di grandi sacrifici, i migliori emergono, ma poi sono costretti a lasciare l'Italia perchè restando si vedono tarpate le ali dai baroni di turno messi lì dalla politica.
Ospedali, università, centri di ricerca, sono in mano a gente cinica, priva di scrupoli e spesso incompetente. Sappiamo tutti che la politica non sceglie il meglio ma il più utile ad alimentare il proprio potere.
Anche qui stiamo vivendo il ballo del qua qua, oche starnazzanti che non si curano assolutamente degli studenti, ma uomini mossi dalla politica di potere e non di servizio, che hanno a cuore solo il consolidamento del proprio status.
In "cent'anni di solitudine" quando gli emissari del partito liberale andarono dal colonnello Aureliano Buendìa per trattare la fine della rivoluzione,così da poter accedere al governo con i conservatori,lo costrinsero a barattare gli ideali per cui aveva lottato per il potere.
Firmò, rifiutò ogni riconoscimento, e si lasciò morire di inedia nella sua casa natia.
Dico agli studenti, se ritenete di lottare per il vostro futuro, un futuro migliore rispetto a quello che purtroppo noi genitori vi stiamo consegnando, se pensate che i vostri ideali non si possono barattare col potere, non mollate, chiedete, a testa alta, il rispetto e la considerazione che meritate.

Commenti: 0


del 26/09/2011 19:51:25

> Salve a tutti. Sono una studentessa del liceo scientifico e sono proprio una alunna della quarta che deve essere accorpata. Vorrei condividere con voi quello che sto provando in questi giorni, le mie emozioni, il mio stato d'animo. Stamattina come tutti sapete siamo rientrati a scuola e il preside ci ha convocato nell'auditorium. non potete immaginarvi come mi sentivo in quel momento. Ero agitatissima: non sapevo quello che mi sarebbe capitato, la classe in cui sarei dovuta andare, con quali nuovi compagni avrei trascorso gli ultimi due anni di questo liceo. Mi sentivo come se oggi 26-09-2011 fosse il primo giorno del liceo.. ero agitata come quattro anni fa, come se in un attimo tutto fosse stato tutto cancellato. è normale? oggi poi non si è risolto nulla, e siamo punto e a capo. Il preside non ci ha garantito continuità didattica perchè non ci ha concesso di avere neanche un nostro professore della IV E nelle nuove classi, come punto di riferimento. Dice comunque che provvederà a rimescolare il tutto per venirci incontro: lo speriamo bene. Ora, nell'attesa, mi sento come ieri, molto, molto triste e stanca di questa situazione insostenibile. Concludo dicendo che noi non ci arrenderemo a tutto questo: Siamo delle persone con dei sentimenti non dei numeri !!!!!!

Commenti: 1


Re: IL PRESIDE DEL “GALILEI” DOVREBBE DIMETTERSI (Ascolta il messaggio) Tema: 32 - Post: 6796
a cura di Uno studente lsg galilei

del 26/09/2011 19:49:45

> dire come ci sentiamo oggi, è cosa alquanto difficile, e spiego perchè. Ci ritroviamo a dover riprendere lezione in una situazione davvero penosa, non tanto perchè saremo costretti a perdere i nostri professori e compagni, per cui non possiamo fare più nulla, visto che il preside anche qui si dimostra poco disponibile a venirci incontro e che, se non con le dovute proteste, non si dà da fare come dovrebbe, ma anche perché ci dicono di riprendere lezione in classi non a NORMA DI SICUREZZA. Questi accorpamenti prevedono la formazione di classi di 27, in alcuni casi 28-29, alunni, quando le aule a disposizione ne contengono 22(e non è una media aritmetica, ma il numero che possono contere solo POCHE aule nel nostro istituto). Ci hanno tolto veramente la tranquillità quest’anno, sia per lo smembramento in sè che ci riduce tutti ad alunni del primo (sebbene ciò sia legale, spero sia chiaro che disagio vivremo per un po’) sia per il sovraffollamento dei locali. La nostra protesta non cadrà nel vuoto, con o senza l’ausilio del preside, ci faremo strada da soli per vincere la nostra battaglia. Che sia chiaro, gli studenti hanno un obiettivo, e non ci hanno strumentalizzato, perchè questo ci è stato sempre chiaro sin dall’inizio. Rivogliamo l’equilibrio che avevamo l’anno scorso, quando ci erano concesse una classe in più all’ordinario sia al terzo che al quarto.

Commenti: 0


del 26/09/2011 17:06:16

All'atto della formazione delle classi una delle prime verifiche che il dirigente scolastico, nella sua qualità di "datore di lavoro" ai fin della sicurezza, deve effettuare, è quella relativa al rispetto dei parametri previsti da varie norme che impongono limiti all'affollamento delle aule scolastiche.

In primo luogo si richiama il D.M. 18.12.1975 "Norme tecniche aggiornate relative all'edilizia scolastica, ivi compresi gli indici di funzionalità urbanistica, da osservarsi nella esecuzione di opere di edilizia scolastica".

In riferimento alla funzionalità didattica il suddetto decreto prevede - per garantire condizioni igieniche e sanitarie compatibili con l'attività didattica - i seguenti standard minimi di superficie:

scuola dell'infanzia - mq+alunno 1,80

scuola primaria - mq+alunno 1,80

scuola secondaria 1° grado - mq+alunno 1,80

scuola secondaria 2° grado - mq+alunno 1,96

L'altezza dei soffitti delle aule, inoltre, non può essere inferiore a 3 metri.

Una classe di scuola dell'infanzia, primaria e media con 26 persone, di conseguenza, dovrebbe avere una superficie di mq 46,80. Una classe di scuola secondaria di secondo grado di 26 alunni dovrebbe avere una superficie di mq 50,96; una di 30 alunni, mq 58,80.

Gli standard abitativi descritti determinano una cubatura di aria pro-capite adeguata che se non viene rispettata può causare danni alla salute per un non corretto ricambio d'aria. Inoltre la loro inosservanza comporta la decadenza dalla validità del certificato di agibilità e del certificato di prevenzione incendi rilasciati sulla base della effettiva planimetria e delle dimensioni delle aule e della scuola.

Commenti: 0


Liceo Scientifico, quale sicurezza? (Ascolta il messaggio) Tema: 32 - Post: 6794
a cura di GattoComunista

del 25/09/2011 09:29:35

Da Cittadino rispettoso della Legge mi chiedo perchè io devo rispettare la legge quando apparati dello stato fanno finta che non esiste.
Quale giustificazione si può dare alla mancanza del rispetto delle norme di sicurezza in una scuola?
La legge Gelmini non può baipassare il fatto le classi del Liceo Scientifico, per quanto glorioso possa essere (caro Signor Tonino), sono piccole e non possono ospitare più di 22 alunni, per questo non capisco la posizione del Preside, primo responsabile del piano di sicurezza.
Mi viene il dubbio che ogni volta che chiediamo allo stato di applicare e rispettare le stesse Leggi da Esso emanate, diventiamo anarchici e dobbiamo essere isolati, vilipesi, osteggiati.
Quale insegnamento viene dato ai Ragazzi quando l'istituzione che dovrebbe educarLi alla costruzione di una società rispettosa delle Leggi è la prima a fare carta straccia di queste Leggi?

Ma cosa possiamo pretendere da gente che costruisce tunnel da Ginevra al Gran Sasso con appena 45 milioni di Euro?
Magari con 50 possiamo costruirne uno che da Modica arriva a Roma in Viale Trastevere, 76+a, fin sotto le stanze che ospitano il Ministro, così possiamo sparare una carica di neuroni, necessari ad alzare le qualità del Ministro.
Vorrei avere a Modica il Ministro per dirgli solo "grazie di esistere".
Da oggi il problema, in Italia, non è la fuga dei cervelli, ma i cervelli che restano.
La patria di Galilei, Fermi, Marconi, Volta, è diventata lo zimbello del Mondo intero, prima per il BUNGA-BUNGA ed ora per il TUNNEL, "GRAZIE MINISTRO GELMINI".
Ai Ragazzi voglio dire, fatevi onore perchè disonore ne avrete in eredità fin troppo.


Commenti: 0


galilei (Ascolta il messaggio) Tema: 32 - Post: 6793
a cura di emanuele

del 24/09/2011 20:23:40

A proposito di quello che scrive sul " giornale di Ragusa" il consigliere Gerratana ,che sà bene quello che scrive ,come fà a dire che sono garantiti i parametri di sicurezza quando tutto questo non corrisponde assolutamente alla verità , le classi in questione possono contenere massimo 22 studenti ed un insegnante (nelle classi più grandi), sarebbe opportuno ogni giorno far restare a casa 4 studenti con il beneplacito dell'onorevole Minardo .

Commenti: 0


Link su giornali on line (Ascolta il messaggio) Tema: 32 - Post: 6792
a cura di Giovanni Migliore

del 24/09/2011 00:34:15

RADIO RTM

http://www.radiortm.it/2011/09/22/giovanni-migliore-nell%e2%80%99attuale-societa%e2%80%99-chiedere-le-dimissioni-di-qualcuno-suona-come-un-grido-nel-deserto-ma-il-preside-del-%e2%80%9cgalilei%e2%80%9d-dovrebbe-dimettersi/

GIORNALE DI RAGUSA
l'esclusione di alcune opinioni
http://www.ilgiornalediragusa.it/notizie/attualita/35830-modica-classe-pollaio-per-il-galilei-domani-sit-in-davanti-la-prefettura.html

CORRIERE DI RAGUSA
http://www.corrierediragusa.it/articoli/attualità/modica/14921-caso-galilei-il-preside-richiama-gli-studenti-all-ordine-da-lunedi-tutti-a-scuola.html

Commenti: 0


problema Liceo Scientifico (Ascolta il messaggio) Tema: 32 - Post: 6791
a cura di Tonino

del 23/09/2011 17:59:16

Carissimo Consigliere Migliore, Lei sa che ho una grande fiducia nei Suoi confronti e continuo ad averLa, ma dalle notizie che ho avuto, questa volta, devo contraddirLa sulla questione che è nata presso il nostro amato Liceo Scientifico di Modica. Secondo me si è montato volutamente un problema politico solo per far credere alla cittadinanza che la riforma Gelmini sia stata un fallimento. Ebbene io sono convinto che se non si attueranno le riforme ci sarà il fallimento Italia. Ritornando al problema della classe pollaio mi hanno riferito che questa famosa classe III ordinaria è stata formata da 50 studenti per agevolare le classi III sperimentali formate da 18 unità; se è vero bastava solo formare tre classi sperimentali e due ordinarie con il risultato di avere 5 classi con meno di 30 studenti. Cortesemente Le chiedo di informarsi se è vero quello che mi hanno riferito, grazie.

Commenti: 0


Re: IL PRESIDE DEL “GALILEI” DOVREBBE DIMETTERSI (Ascolta il messaggio) Tema: 32 - Post: 6790
a cura di stupito da pinco-pallino

del 23/09/2011 00:04:47

> grazie davvero per tutto quello che sta facendo, Lei e Nino Cerruto. In un momento in cui il nostro preside non appoggia le nostre proteste, ma addirittura ci fa passare per imbecilli dicendo che "è tutto apposto", sapere di avere il supporto dei docenti, dei genitori, dei politici, anche di fazione opposta, ci rincuora sempre più. Grazie per come si sta muovendo senza alcun interesse personale, come ha distinto sempre la SUA politica. Risponderemo e conferemo questa gratitudine portando avanti i nostri principi fino alla fine. Il liceo scientifico e tutti quelli che la pensano come me non dimenticheranno facilmente quanto ci stiate sostenendo. Grazie di cuore.

Commenti: 0


del 22/09/2011 23:48:57

> ma perchè non si dimetta lei e cosi modica sospira un pò.

Commenti: 0


del 22/09/2011 21:48:31

> Come genitore appoggio pienamente l'operato degli studenti ,rivendicando il diritto allo studio , la lotta deve continuare anche lunedì quando secondo il dirigente " tutto dovrà ritornare alla normalità"

Commenti: 0


IL PRESIDE DEL “GALILEI” DOVREBBE DIMETTERSI (Ascolta il messaggio) Tema: 32 - Post: 6787
a cura di Giovanni Migliore

del 22/09/2011 19:56:20

NELL’ATTUALE SOCIETA’ CHIEDERE LE DIMISSIONI DI QUALCUNO SUONA COME UN GRIDO NEL DESERTO, MA IL PRESIDE DEL “GALILEI” DOVREBBE DIMETTERSI

Non si può certo dire che il nuovo anno scolastico 2011/2012 sia iniziato bene. Sono un ex studente del Liceo Scientifico di cui parliamo, nonché genitore d’una studentessa che frequenta il “Galilei” e sono molto arrabbiato per la ragione che già ad inizio d’anno scolastico, per responsabilità non proprio degli studenti, si debba assistere a manifestazioni per rivendicare il diritto allo studio in condizioni di normalità e non essere trattati come elementi passivi d’una società che non sa guardare al futuro.
La lotta intrapresa dagli studenti del “Galilei” è più che legittima perché stanno chiedendo che venga loro garantita la sicurezza nelle classi e che il corpo docente non venga posto nella condizione di non poter svolgere in maniera ottimale il proprio ruolo. Lodevole anche il coraggio civile degli insegnanti che pur di dimostrare la validità dello loro idee, non hanno esitato a schierarsi contro il Preside.
E’ stupefacente invece che il Capo dell’istituto, piuttosto che condividere le giuste ragioni degli studenti e degli insegnanti, si preoccupi solo del mantenimento del suo posto, schierandosi contro tutti e a favore di norme che non possono obiettivamente essere condivise.
E’ ancora più inconcepibile che il Preside dica agli studenti di continuare a manifestare fino a sabato e lunedi si risolverà la questione. Ma se conosce già la soluzione del problema, non è assurdo che non la illustri subito ed eviti di far perdere altri giorni di scuola a chi ha voglia di studiare ?
Col cambiare dei tempi, saranno cambiati anche i Presidi , tuttavia per il comportamento assunto in questa circostanza dal professore Carrubba, chiedo le sue dimissioni per il modo in cui sta gestendo la vicenda, pur consapevole che la mia richiesta cadrà nel vuoto.
Agli studenti, qualunque sia l’epilogo, dico di andare avanti se credono nella giustezza della loro battaglia.





Commenti: 5


del 18/09/2011 01:47:47

Credo che una vicenda simile è da scrivere in uno dei libri più scuri.
Strane vicende mi sono capitate nella vita ma questa ha quasi dell'impossibile.
Dal 2008, cioè dal primo anno del mio insediamento in Consiglio Comunale, parlo di Spin-Off.
Il primo anno portati oltre 800 pagine , tra norme e casi concreti, al segretario Buscema.
Due anni fa,il Sindaco , in Consiglio Comunale mi disse che era un'operazione di scatole cinesi, tuttavia era propenso ad analizzare qualche proposta concreta , in modo da fare delle proprie osservazioni.

La fine del 2009 e del 2010, la dedicai a trovare qualche agenzia seria che avesse conoscenza e avesse utilizzato l'istituto dell Spin-off nelle amministrazioni comunali.
Nel mese di Giugno 2010, grazie all'interessamento della Dottoressa Ruffino specializzata in Comunicazione e operante a Bruxelles ,mi recai a Palermo per parlare con due specialisti dottor Guzzetta e del dottor Di Gennaro della Agenzia di sviluppo Euro Mediterraneo dei poteri locali e regionali.
Ricordo per chi legge che l'ASEM è un'organizzazione senza scopo di lucro con sede in Sicilia, nel cuore del bacino del Mediterraneo. ASEM è membro della rete mediterranea BusinessMed e della Camera di Commercio Italo-Araba.
Fondato nel 2003 da COPPEM (Comitato Permanente per il Partenariato Euromediterraneo delle Autorità Locali e delle Regionali), ASEM ha lo scopo di promuovere i flussi commerciali e lo sviluppo economico tra i paesi del Mediterraneo


Avendo sviluppato per vari comuni, la valorizzazione dei dei beni immobili ed avendo proficuamente avviato processi precisi e puntuali di realizzo, ritenni opportuno fissare un primo incontro con il Sindaco.

In un primo momento venne organizzato l'incontro per il 28 Settembre 2010 alle ore 10:00.
Tale appuntamento per impegni improrogabili del Sindaco ,venne spostato a giorno 11 Ottobre 2010 alle ore 11:30 nella sua stanza a palazzo San Domenico.
Il Lunedi 11 Ottobre, questi signori vennero da Palermo e ricordo che dovettero attendere fino alle 12:30.
Alla fine dell'incontro, il Sindaco richiese che gli venisse inviata un email con il dettaglio della documentazione richiesta, in modo da sollecitare il dirigente al Patrimonio e il Ragionere Generale a completare una bozza valutativa dei documenti richiesti.

Per conoscenza ricevetti anch'io tale richiesta, che vi allego :


Dopo un mese la Dottoressa Ruffino mi invia una lettera per conoscenza:

oggetto: RICHIESTA INFORMAZIONI A SEGUITO DI NS INCONTRO CON IL SINDACO DI MODICA

Preg.mo consigliere Migliore,

in riferimento all'incontro avuto con il Ns sindaco Buscema in data 11 Ottobre scorso, allo stato attuale e dopo due solleciti da parte mia tramite e-mail, non ho ancora ricevuto il materiale necessario che era stato richiesto dai consulenti di Palermo per poter iniziare una prima disanima sulla situazione economico-finanziaria dell'Ente, finalizzata alla sistemazione e messa a reddito del patrimonio immobiliare della città.

Ritengo che l'intervento del dottor Guzzetta e del dottor Di Gennaro possa essere utile al Ns Comune data la loro eccellente competenza professionale in materia.

In attesa di riscontro da parte Sua, rimango in attesa per poter fornire delle risposte ai Ns tecnici.

Cordiali saluti,


Dopo questa email, le dissi che magari per una maggiore privacy (sopratutto politica), era opportuno che non mi venissero inviate le email per conoscenza.
Ero certo che il mio contributo fosse servito per la mia città.

Dopo un'anno,
Dopo una richiesta esplicita da parte del consigliere Nigro,(che trovadosi nei pressi di Palazzo San Domenico, conobbe i dirigenti dell'Asem, proprio alla fine dell'incontro)
Dopo l'ennesimo racconto dell'importanza dello Spin-Off nel Consiglio Comunale di mercoledi scorso

Il Sindaco nella sua replica mi disse:
Io avevo incaricato il Consigliere Migliore di farmi conoscere qualche interlocutore ma ad oggi non ho visto nulla

Di fronte a questa risposta sono rimasto esterefatto

Incredibile il Sindaco aveva dimenticato tutto

Una mia riflessione:
La memoria si lega a fatti e a cose ritenute importanti, il resto diventa spazzatura.

Il Sindaco ha totalmente snobbato quell'incontro al punto di averlo cancellato dalla memoria.

Credo alla buona fede del Sindaco , nell'aver detto che non si ricordava dell'incontro........

....ma mi chiedo è possibile dimenticare un'incontro?

....ma quanto ci tiene il Sindaco ad una proposta fatta da un consigliere di opposizione?

....ma quanto ci crede il Sindaco in questo tipo di operazioni???

Ve lo dico io : NULLA

Dal primo giorno lui ha sempre sostenuto che sono scatole cinesi e basta.

Ho speso fiumi di parole, ho fatto fotocopie , ho supportato i miei discorsi con casi concreti,....


.....PROPOSTE VALIDE ??????


.....NO !!!


.....SOLO PERDITA DI TEMPO !!!!!

QUESTA SI CHIAMA : COLLABORAZIONE !!!!!

Commenti: 0


del 18/09/2011 00:46:44

Consiglio Comunale di Modica. Non viene ne bocciato ne approvato il punto relativo all’elenco degli immobili. Solidarietà al giornalista Saro Cannizzaro
Fonte: ufficio stampa comune di modica

Al Consiglio Comunale di Modica di ieri sera non ci sono stati i voti ne per adottarlo ne per bocciarlo l’aggiornamento del Piano di valorizzazione ed alienazione del patrimonio comunale ovvero approvazione elenco immobili.
Un atto propedeutico al bilancio di previsione perché in qualche modo lo condiziona.

L’argomento non essendo stato bocciato rimane all’ordine del giorno e la commissione bilancio avrà nuovamente modo di riesaminarlo anche sulla scorta delle indicazioni che sono pervenute in consiglio dai vari gruppi

Presenti ventidue consiglieri all’appello il civico consesso si apre con un intervento del Presidente Scarso che ha espresso a nome del consiglio comunale solidarietà al dipendente comunale e giornalista Saro Cannizzaro vittima di un attentato intimidatorio avvenuto stanotte.Rileva la pericolosità dell’azione criminale che è indice di un atto preoccupante e che in sé costituisce un gravissimo precedente e allora c’è la necessità di esprimere solidarietà ai giornalisti per garantire loro un lavoro sereno. Solidarietà esprime il capogruppo del Sel Vito D’Antona; chiede, poi, del come mai il consiglio non è stato convocato stasera per partecipare all’azione di contrasto, insieme agli altri consigli comunali a Ragusa, alla manovra finanziaria votata alla Camera che taglia fondi ai comuni e alle provincie. E vuole capire le ragioni per le quali non si è aderito a questa iniziativa dell’Anci.
Il Presidente Scarso informa che l’8 settembre scorso è stata recapitata al’Ente una nota del Sindaco di Ragusa, in qualità di coordinatore dei sindaci della provincia, al Sindaco di Modica e dal quale il presidente ha avuto conoscenza dopo la seduta dell’ultimo consiglio. Informa che il Sindaco non ha inteso informarlo di questo; se ciò fosse avvenuto sarebbe stato consequenziale.
Il Sindaco replica dicendo che oggi ha partecipato all’incontro dei sindaci in Prefettura e atteso che il consiglio era stato convocato per il bilancio, materia importante e fondamentale, non ha inteso chiedere una sospensione del consiglio e credeva, comunque, che la stessa nota fosse arrivata al Presidente del Consiglio comunale.


Si introduce il punto relativo all’approvazione dell’elenco immobili, aggiornamento del piano di valorizzazione ed alienazione del patrimonio comunale.
Su questo il Presidente Scarso chiede di avere la notifica della convocazione al commissario Giorgio Aprile al fine di evitare, anche questa volta, una sospensione del punto per un vizio procedurale. Il consiglio viene sospeso, per questo accertamento, per quindici minuti.
Alla ripresa sono presenti ventidue consiglieri. Informa che la convocazione al consigliere Giorgio Aprile è stata fatta ma non ha notizia della notifica e si va dunque avanti con il punto; sarà eventualmente il consigliere Aprile a sollevare il problema.

Il consigliere Paolo Nigro propone il voto per verificare se il consiglio voglia avvalersi o meno del parere della commissione.

Il consigliere del Sel Vito D’Antona si dichiara favorevole in quanto intende avvalersi del parere e per entrare nel merito della questione inerente la lista dei beni.

Il capogruppo dei popolari, Salvatore Cannata ritiene offensivo discutere un argomento di questo tipo senza il necessario parere. Quindi si dichiara favorevole.

Il presidente della commissione Poidomani valuta che si possa andare avanti perché non è presumibile che in commissione ci possa essere sempre il plenum.

Il consigliere Giovanni Migliore dichiara che il parere della commissione sia utile per una analisi completa del punto per cui si dichiara favorevole a volersene avvalere.

Ai voti i contrati sono undici, otto favorevoli e quattro astenuti. Il consiglio non approva e quindi l’argomento viene posto in discussione.

Il Sindaco illustra il punto. Sostiene che il disavanzo di amministrazione rispetto agli anni precedenti è oggi di nove milioni e mezzo di euro e quindi dall’elenco sono stati esclusi immobili,rispetto alla lista precedente, e quelli inseriti valgono un totale di quindici milioni di euro.
Esclusi per valorizzarli sono il parcheggio di Viale Medaglie D’oro che sarà inserito nel progetto di finanza nell’ambito della gestione dei parcheggi in città; terreno zona fontana grande oggetto di un finanziamento regionale e il mercato ortofrutticolo che ha una destinazione precisa: come scuola al posto di Santa Marta o area a verde attrezzata dove esiste già un progetto.
Rimangono esclusi dalla lista dei beni alienabili locali comunali in zona S3, Palazzetto Scherma, Palazzina stazione sollevamento San Pancrazio, Palazzo delle Poste, ex Asilo Antoniano, Geodetica di Via Fabrizio, Geodetica di Via Mascagni.

Il consigliere del PD Giancarlo Poidomani propone di escludere dall’elenco i seguenti cespiti: Villa di Via Silla, area ex foto boario, campetto di tennis a Marina di Modica e Chiesa del Ritiro.

Il consigliere Giovanni Migliore ritiene che siano delle scelte incomprensibili da parte dell’amministrazione come l’inserimento di beni considerati alienabili quando questi sono oggetto di investimento, grazie ad una convenzione con la provincia regionale ( vedi campo sportivo V.Barone) e indicata la destinazione d’uso. Il suo valore è di tre milioni e mezzo. Il bene andrebbe a questo punto eliminato dalla lista dei beni alienabili.

Il consigliere Vito D’Antona precisa che malgrado le aste fatte negli anni siano andate deserte, non comprende perché ciò sia accaduto atteso che vi erano in lista beni appetibili. Questo comporta il mancato decremento del debito dell’Ente. Il piano di valorizzazione è oggi diverso perché il disavanzo di amministrazione è di nove milioni e 800 mila euro e quindi la lista è stata rimodulata e ci si trova un elenco di cespiti alienabili per quindici milioni che viene giudicato eccessivo rispetto al debito e quindi bisognerebbe escludere alcuni beni. Propone di eliminare dall’elenco la Villa di Via Silla, l’ex Foro Boario , l’ex campo di tennis di Marina di Modica e Chiesa del Ritiro. E aggiunge il campo sportivo “V.Barone” e l’ex Palazzo delle Poste.. Chiede che questa proposta possa essere discussa e valutata.
Il consigliere Paolo Nigro valuta che non sono stati resi appetibili gli immobili dell’ente con destinazioni d’uso specifiche come previsto dalla legge. Nessuno ha avuto la volontà di farlo. Per tale ragione non si vendono. Sull’area dell’ex foro boario si potevano prevedere delle valorizzazioni atteso che insiste un finanziamento regionale per la sua riqualificazione. Si attende delle risposte da parte dell’amministrazione.
Il Presidente del consiglio comunale informa che da stamani il Comune non ha più il possesso dell’ex Palazzo delle Poste in quanto è stato nominato l’esecutore giudiziale e la gara di vendita è stata fissata il 15 novembre p.v. Per tale ragione va escluso in ogni caso.

Il capogruppo del Pdl Michele D’Urso giudica irrealizzabile la vendita dei cespiti ed esagerata la cifra proposta rispetto al disavanzo d’amministrazione.
Sul campo sportivo “V.Barone” chiede se è vendibile considerato che la provenienza è una donazione e poi come si potrebbe alienare quando è stato oggetto di una convenzione con la Provincia regionale di Ragusa.
Il palazzo ex Telecom pare che sia un bene di cui il Comune non è proprietario; lo è un fondo di investimento quindi va comprovato il titolo di proprietà. Contrario alla cessione dello spazio a verde di Via Silla. L’esclusione di questi beni farebbe scendere a dieci milioni di euro il valore del patrimonio rispetto al disavanzo di amministrazione che non è frutto di abilità di questa amministrazione ma bensì di un’operazione che andava fatta sui residui fin dal 2007.

Il capo dell’UTC, ing. Puccio Patti, chiarisce i dubbi esposti dai consiglieri Migliore e D’Urso che chiedono all’amministrazione se intende valorizzare il patrimonio.

L’Assessore Giuseppe Sammito replica al consigliere D’Urso sulla operazione di riduzione del disavanzo. Eliminando i residui attivi e passivi è stata solo fatta un’operazione cartacea, cartolare che già si poteva fare nel 2007. Questa amministrazione ha preferito diluire il disavanzo; vale a dire che il capo dell’UTC per tre anni, commenta sarcasticamente,i ha lavorato inutilmente a fare elenchi, impegnando tutto l’ufficio, e a cercare di vendere i cespiti.
L’amministrazione si è invece impegnata a mettere ordine ai conti e a fronteggiare la crisi economica in modo serio attesi i livelli finanziari del nostro ente. Modica era il primo comune in Italia in fatto di disavanzo di amministrazione, nel 2009 è secondo, per il 2010 sarà almeno trentesimo. Allora invita ad essere seri e a prendersi tutti sul serio.
Ritiene sia possibile che la cifra di quindici milioni a fronte dei nove milioni e ottocento mila euro di disavanzo attuale possa essere diminuita eliminando dalla lista alcuni cespiti a cui peraltro fanno riferimento gli emendamenti già presentati.

Il consigliere del PDL Michele D’Urso giudica una favoletta il risanamento dei conti di Modica: “in un anno non crederò mai che questa amministrazione ha eliminato dodici milioni di euro di disavanzo.” Annuncia che con le carte alla mano illustrerà tutte le operazioni finanziarie che hanno caratterizzato questa amministrazione. Chiede che il Campo sportivo “V.Barone” sia tolto dall’elenco dei cespiti alienabili. Chiede poi di sapere se l’auditorium di Piazza Baden Powell è stato ceduto alla provincia o meno.
Il consigliere Giovanni Migliore informa che agenzie si occupano della consulenza per la valorizzazione e la vendita dei cespiti e dichiara che si è recato con dei consulenti dal Sindaco i quali hanno chiesto, nel corso di un incontro, delle informazioni di merito tanto che il primo cittadino avevo dato disposizioni in merito ma da allora lui non ha saputo più nulla e chiede oggi di avere notizie.
Il Sindaco nel suo intervento rileva che il manifesto dal titolo “i Conti di Modica” riporta i dati noti in consiglio comunale e le cui cifre sono certificate. Il risultato è un lavoro di tre anni di questa amministrazione. Il disavanzo è frutto del bilancio dello scorso anno, cancellazione di residui frutto di transazioni operate con i creditori, Il Sindaco non ricorda l’incontro con i consulenti proposti dal consigliere Migliore.
Sul campo sportivo “V.Barone” è un bene disponibile e la provincia, ove il Comune dovesse venderlo, entro otto mesi la Provincia dovrebbe lasciarlo disponibile senza nulla a pretendere sull’investimento fatto.
Sia sul campo sportivo che sulla scuola di Santa Marta non si toccherà una pietra sino a quando non sarà realizzato un campo sportivo in sostituzione o una scuola in sostituzione.
Sull’auditorium si aspetta l’offerta ufficiale di acquisto della provincia.
Sul’ex palazzo delle Poste l’amministrazione e il consiglio comunale precedente non hanno inteso sfruttare il progetto di riqualificazione, frutto di un concorso di idee, con una piazza. L’immobile è rimasto chiuso ed inutilizzato. A questo punto non essendo obbligati ad inserirlo tra quelli alienabili l’amministrazione ha inteso impiegarlo, con pochi investimenti, per le necessità dell’ente.
Sugli emendamenti e sulla delibera si aprono le dichiarazioni di voto. Il PD e Mpa ritirano il loro emendamento per bocca dei capigruppo consiliari.

IL consigliere Vito D’Antona non ritira la firma nei due emendamenti che rimangono in vita e propone un ritorno del punto in commissione. Non li ritira perché non ha compreso il parere contrario del dirigente, non intende votare il punto contro il parere del dirigente.

Il capogruppo dei Popolari Salvatore Cannata propone di inserire una pregiudiziale secondo la quale il punto debba tornare in commissione per poter esprimere un voto motivato.

Il consigliere Paolo Nigro ritiene defraudate le competenze del consiglio: o si vota così oppure si va a casa atteso che il punto non può essere ritirato in quanto si è in fase di dichiarazioni di voto.
L’amministrazione non sta mettendo il consiglio nelle condizioni di potere votare serenamente.

Il consigliere Giovanni Migliore ritiene che ci sono valori che non sono più reali; essi sono svalutati del 20% dopo la gara deserta del 6 settembre scorso, e quindi non ci sono più riferimenti certi e si appella al segretario e al presidente per trovare una soluzione che riporti il punto in commissione.

Il capogruppo dell’Mpa Silvio Iabichella ritiene che l’atto non è più reale e quindi non si può votare.
Il Presidente Scarso afferma che non c’è nessuna diminuzione del 20% del valore dei beni fino a quando non si tiene la prossima asta. Il capogruppo del PD Giorgio Zaccaria ritiene che si possa andare avanti perché esiste ancora la compatibilità delle somme.
I consiglieri Carmelo Cerruto e Nino Cerruto annunciano il voto favorevole al primo emendamento.

Si vota sul primo emendamento . Ai voti si registrano tre favorevoli, cinque contrari e quattordici astenuti.

Il consiglio non approva .

Il secondo emendamento, D’Antona, ( inserire il campo sportivo “V Barone” tra quelli da valorizzare e l’ex palazzo delle Poste da non alienare) .

Ai voti nessun favorevoli, tredici contrari e nove astenuti.

Il consiglio non approva.

La delibera nel suo complesso ottiene undici voti favorevoli, sei contrari e cinque astenuti. L’argomento attesa la parità dei voti non è ne approvato, ne bocciato.

Quindi rimane all’ordine del giorno.

La seduta viene rinviata a lunedì 19 settembre alle 19.

Commenti: 0


mercato di viale manzoni (Ascolta il messaggio) Tema: 4 - Post: 6784
a cura di V for vendetta

del 17/09/2011 14:14:04

Caro consigliere le scrivo per denunciare la buffonata che riguarda il mercato di modica alta.prima si è sospeso, poi è stato detto che riapriva ma solo con un max di 50+60 ambulanti,poi si è detto che tutto il viale manzoni doveve rimanere libero.facendo un giro per il quartiere ho visto che i vigili urbani hanno gia segnato le postazioni e siamo arriva a piu di 120 posti.e come ultima cosa vengono numerati anche le traverse di viale manzoni.questo in poche parole significa che tutto ritornerà come prima e piu di prima questa amministrazione se ne fotte della sicurezza dei residenti.come mai nessuno piu ne parla?dove siente andati a fineie tutti?Modica ancora una volta è il paese delle bugie.

Commenti: 0


del 15/09/2011 21:13:18

> Questi quelli che risultano dal sito istituzionale:
Iabichella Silvestro
Aurnia Leonardo (vice pres.)
Poidomani Giancarlo (presidente)
D'Antona Vito
Migliore Giovanni
Aprile Giorgio
Ma sicuramente è già vecchio, non è stato aggiornato.

Commenti: 0


- Pagine: INDIETRO - 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19  20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 AVANTI -

L'informazione On Line


Curiosità

  1. 1


Aree tematiche


Numeri utili in città

  • Comune di Modica centralino: 0932-759111

  • Rifiuti Ingombranti : 0932-759707

  • Manutenzione Acqua :

  • Polizia Municipale 0932-759211

  • Segnalazioni Urp Modica


Cerca la notizia


   Costruzione Via Fontana 

Scorri l'intero TEMA
Clicca qui


Randagismo

Scorri l'intero TEMA
Clicca qui


Multiservizi

Scorri l'intero TEMA
Clicca qui


Cittadinanza Onoraria

Scorri l'intero TEMA
Clicca qui


Piazzetta Pisacane

Scorri l'intero TEMA
Clicca qui


Mercati Rionali e Abusivi

Scorri l'intero TEMA
Clicca qui


Mercato V.le Medaglie D'Oro

Scorri l'intero TEMA
Clicca qui


Spin Off Immobiliare

Scorri l'intero TEMA
Clicca qui


Cimitero

Scorri l'intero TEMA
Clicca qui


Antenne Telefoniche

Scorri l'intero TEMA
Clicca qui


Area Petizioni

  1. Trasferimento Mercato Modica Alta
    (12-04-2010)


Area Multimediale

Servizio su Video Regione Consiglio Comunale 30/07/20100 Trappoli per Topi

Migliore Modica revoca bando di gara Vr News ore 14:00 30/07/2010

  • Lettera aperta ai concittadini

  • Situazione politico amministrativa

    Lettera di Ballarò al Sindaco


    Questo BLOG non rappresenta una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato senza alcuna periodicità.
    Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07.03.2001.

    Test Adsl       Statistiche

    "Non chiedere ciò che il Tuo Paese può fare per Te, ma chiediti ciò che puoi fare Tu per il Tuo Paese! " (John F. Kennedy)