Giovanni Migliore - Cittadino Modicano

E-Mail info@giovannimigliore.it



 

 Avviso: Per problemi di invio con Explorer, si può utilizzare Mozilla Firefox o in alternativa scrivere al Consigliere

"Non chiedere ciò che il Tuo Paese può fare per Te, ma chiediti ciò che puoi fare Tu per il Tuo Paese! " (John F. Kennedy)

Vuoi lasciare un tuo pensiero ? ........  scrivi qui

 AVVISO - Il sottoscritto Giovanni Migliore, non è responsabile di quanto espresso nelle varie notizie.
I blogger che decidono di commentare o di scrivere una notizia si assumono la totale responsabilità di quanto scritto.
In caso di controversie lo stesso comunicherà all'autorità giudiziaria che ne facesse richiesta, tutti i parametri di rete degli autori dei commenti.

Ultimi 10 Messaggi e Commenti

22/08/2016 21:32:42 da parte di biondo scuro - Re: Perché la soka gakkai è una setta:
22/08/2016 21:30:33 da parte di Alessandro Costa - Re: Perché la soka gakkai è una setta:
22/08/2016 21:29:19 da parte di Alessandro Costa - Re: Perché la soka gakkai è una setta:
14/05/2016 01:16:45 da parte di Giuseppe Mirabelli - riapertura caso Piazzetta Pisacane
14/05/2016 01:15:39 da parte di Giuseppe Mirabelli - riapertura caso Piazzetta Pisacane
14/05/2016 01:15:04 da parte di Giuseppe Mirabelli - riapertura caso Piazzetta Pisacane
14/05/2016 01:14:35 da parte di Giuseppe Mirabelli - riapertura caso Piazzetta Pisacane
16/04/2016 10:35:47 da parte di Valerio - Re: Perché la soka gakkai è una setta:
16/04/2016 10:35:40 da parte di Valerio - Re: Perché la soka gakkai è una setta:
16/04/2016 10:33:51 da parte di Valerio - Re: Perché la soka gakkai è una setta:

 

Risaniamo il Comune : Spin off (Ascolta il messaggio) Tema: 29 - Post: 1712
a cura di Giovanni Migliore

del 26/09/2009 02:59:14

IN EVIDENZA



Amici del Blog a distanza di un anno voglio ritornare sulla questione.
Un anno fa ne parlai in Consiglio Comunale ma non fui ascoltato da nessuno anzi il Sindaco mi disse che erano scatole cinesi.
Perchè non si ascoltano i consiglieri di opposizione?
Ma è possibile che i consiglieri di opposizione siamo dei cretini o non abbiamo quel lume necessario per capire e suggerire idee per la nostra città ????????

Modica è una città che ha problemi seri di liquidità.

Spesso mi chiedo : qual'è la strategia finanziaria di questa classe politica al governo?

E un governo che punta al risparmio o al rilancio?

Il risparmio, ovviamente è fondamentale, ma una economia stagnante come la nostra ha bisogno di rilancio e sopratutto di garanzia.

E' matematicamente certo che il problema maggiore dell'ente da qualche anno è il cash-flow cioè la cassa.

I bilanci da me visionati sono pieni di errori, di sottovalutazione o di sopravvalutazioni.


In un anno ho visto poca programmazione.

Qualcuno potrebbe domandarmi, che cosa suggeriresti?

In una scaletta, ad esempio, inizierei da quello che hanno fatto e stanno facendo tanti comuni in Italia.
ad esempio inizierei dallo
1) Vendita Immobiliare (spin-off)
2) Cessione Debiti Pro-soluto
3) Ristrutturazione dei debiti
4) Applicare tassi fissi e allungare i termini dei mutui in modo da abbasare il rateo
5) Cessione Pro-Solvendo dei crediti
6) Sollecitare gli incassi delle sanatorie edilizie

Queste voci portano tutte ad avere una maggiore liquidità e allo stesso tempo eliminare la spina nel fianco di tutte le amministrazioni(proattive) cioè i debiti duori bilancio.

Un comune per definizione è sempre in pareggio per cui l'unico spettro sono solo i debiti fuori bilancio.
Oltre questa dimensione ovviamente avremo solo pareggio tra entrate ed uscite.

Problema di cassa è determinato dal fatto che paghiamo o meglio dovremmo pagare subito e incassare dopo.

Per capire al 31/12/2008
il comune doveva incassare
4.400.000 di Ici
13.800.000 di Tarsu
4.100.000 di rimborso per spese gestione tribunale
12.600.000 di Acqua
e cosi via
capite che incassando subito queste somme non avremmo debiti
invece il sistema si imballa perchè non incassiamo.

Lo Stato nella finanziaria 2003 pensò che un modo per aiutare i comuni era quello di permettere loro di creare delle società di Spin-off e in questo modo razionalizzare e riportare in liquidità l'ente.



LE SCELTE STRATEGICHE

Uno strumento, per me molto valido che possa aiutare gli enti locali ad avere una corretta gestione del loro patrimonio concesso a terzi e ad utilizzare il patrimonio posseduto come leva economica e finanziaria per supportare le politiche di investimenti, e che tale strumento possa essere rappresentato dalle società di spin off immobiliare ovvero da società interamente possedute dagli enti locali alle quali essi trasferiscono o vendono i patrimoni posseduti.

Prima di analizzare tale società e tutti gli aspetti è necessario fare un punto della situazione e porsi degli obiettivi, valutando i vantaggi e gli svantaggi che deriverebbero da tale operazione.

Tre Obiettivi:

Ridurre il costo del debito

Ridurre lo stock del debito

Ridurre la rigidità strutturale del bilancio


Due scelte strategiche :

* La ristrutturazione del debito;

* Lo SPIN-OFF immobiliare;



Scarso rendimento per:

* Affitti a canoni bassi;

* Concessione gratuita ad associazioni

* Elevati oneri per le manutenzioni connessi alla vetustà del patrimonio

* IVA non recuperabile

* Influenza negativa sul Patto di Stabilità

Dare autonomia giuridica al Patrimonio attraverso lo SPIN-OFF immobiliare

I VANTAGGI OPERATIVI

1. MAGGIOR EFFICIENZA GESTIONALE : è indubbio l’accrescimento di efficienza gestionale che si ottiene enucleando l’investimento immobiliare dal patrimonio dell’ente e preponendo alla sua gestione un management adeguato, affrancandolo dai condizionamenti che inevitabilmente la gestione nell’ambito dell’ente comporta;

2. RIVALUTAZIONE DEL PATRIMONIO : nel bilancio dell’ente i cespiti patrimoniali sono esposti a valori esigui e fuori mercato, corrispondenti a quelli catastali. L’operazione di trasferimento dall’ente alla società di gestione permette la possibilità di valorizzare il patrimonio, ed esporlo conseguentemente, nei successivi bilanci, al suo valore corrente, dando così piena evidenza alla reale dimensione dell’investimento in atto.

I VANTAGGI FISCALI

1. DISMISSIONE DEL PATRIMONIO IN REGIME IVA : le cessioni di immobili sono assoggettate ad IVA in luogo dell’imposta di registro proporzionale. Tale fattispecie è apprezzata dagli operatori immobiliari in quanto la transazione ha oneri accessori inferiori mediamente del 10%. Ciò permette di ottenere offerte di importo più elevato;

2. DETRAZIONE DELL’IVA : possibilità di evitare l’onere dell’I.V.A. sulle spese di manutenzione e gestione del patrimonio immobiliare nonché sulla costruzione di opere pubbliche. Infatti, mentre per l’ente locale l’I.V.A. rappresenta un costo, la società di gestione può recuperarla, ottenendo così un risparmio differenziale pari all’aliquota d’imposta (generalmente il 20%).

I VANTAGGI STRATEGICI

1. FLESSIBILITA’ GESTIONALE : il trasferimento del patrimonio alla società di gestione può essere accompagnato anche dal trasferimento di alcuni mutui. Tale aspetto produce l’effetto di alleggerire ulteriormente la spesa corrente;

2. LEVA FINANZIARIA : le società di gestione del patrimonio normalmente hanno un capitale sociale consistente. Possono perciò procede a reperire autonomamente ulteriori risorse finanziarie da destinare, ad esempio, ad investimenti infrastrutturali sul territorio;

3. LEVA AZIONARIA : possibilità di aprire le possibilità di investimento a soci privati.

Spieghiamo meglio in cosa consiste lo Spin Off.

In primis la società di spin off immobiliare rappresenta un grande supporto al problema della corretta gestione del patrimonio concesso a terzi perché separa in capo agli enti il ruolo del proprietario immobiliare dal soggetto deputato istituzionalmente a farsi carico della protezione di determinate categorie di cittadini.
Il Comune o la Provincia infatti fanno fatica ad esercitare in modo forte e rigoroso il proprio ruolo di proprietari immobiliari perché sono anche quelli che istituzionalmente devono proteggere e tutelare i portatori di bisogni particolari.

A volte però si deborda e si arriva anche a tutelare chi di questa tutela non avrebbe bisogno.

La società di spin off immobiliare separa questi due ruoli del Comune: il ruolo di protezione delle categorie più bisognose resta in capo all’Amministrazione comunale mentre il ruolo di proprietario dell’immobile passa in capo alla società.

La società, soggetto dotato di autonomia giuridica e patrimoniale diverso dal Comune, può in questo modo esercitare con maggiore tranquillità il ruolo di proprietario cioè può attivare tutte quelle azioni - al pari di qualsiasi altro soggetto - che sono finalizzate a riscuotere i canoni di locazione e a valorizzare e gestire gli immobili.

Il secondo punto di forza davvero importante legato alle società di spin off immobiliare è che esse, interamente partecipate dall’ente locale, rendono bancabile il patrimonio dell’ente.

Trasferire il patrimonio del Comune ad una società di intera proprietà dell’ente comunale consente a questa società al pari di tutte le altre società di diritto privato di poter offrire in garanzia il patrimonio posseduto per attivare mutui e quindi per sostenere le politiche di investimento dell’ente. Questa potrebbe sembrare una banalità ma è una grande leva che gli enti locali possono utilizzare oggi.

Ci sono secondo me altri due vantaggi connessi alla società di spin off immobiliare.

La prima è che nel trasferimento dei cespiti dal Comune alla società e attraverso le perizie che sono necessarie per compiere questo trasferimento si può far emergere il vero valore dei beni. Molto spesso il valore dei beni è riportato negli inventari degli enti ai valori catastali o a valori che sono indubbiamente molto lontani dai valori di mercato.
Attraverso le perizie che sono necessarie per questo trasferimento si può invece far emergere quello che è il valore vero degli immobili e quindi aumentare la capacità di credito dell’ente locale attraverso la propria società.

Un ultimo vantaggio strategico legato alla società di spin off immobiliare è che questa società nel tema della detenzione, gestione, utilizzo e valorizzazione del patrimonio ha il proprio core business, cioè la propria attività prevalente.
La conservazione, l’utilizzo e la valorizzazione del patrimonio non è più una delle tante cose che deve fare il Comune ma il Comune si dota di uno strumento che è specializzato su questo tema, che dedica tutto il proprio impegno e le proprie competenze specifiche alla detenzione, alla valorizzazione e all’utilizzo dei suoi cespiti.

Questa non è una banalità ma è una cosa davvero importante sotto il profilo della capacità di organizzare bene gli interventi di manutenzione e della corretta gestione economica di questi beni ed è anche importante l’utilizzo del patrimonio pubblico come strumento per incentivare i processi di riqualificazione urbana.

Fino a poco tempo fa, ma anche oggi in larga parte del Paese, quando si vuole attivare un processo di riqualificazione urbana molto spesso - se non sempre - la presenza di patrimonio pubblico in quelle aree diventa causa ostativa rispetto ai processi di trasformazione.

Io credo che l’individuazione di un soggetto deputato alla gestione del patrimonio consenta di acquisire quelle competenze che permettono di far si che la presenza di una proprietà pubblica all’interno di un’area oggetto di riqualificazione non solo non sia più una causa ostativa all’attivazione dei processi ma possa diventare invece un motore e un incentivo all’attivazione degli stessi.

Oltre a questi vantaggi diretti per l’ente locale ci sono dei vantaggi di natura fiscale che io voglio trattare molto velocemente ma che sono molto importanti.
Attraverso le società di spin off immobiliare in materia di manutenzione ad esempio gli enti recuperano l’IVA ovvero il 20% del costo, il che non è una banalità in questo clima di vacche magre. Inoltre quando gli enti intendono vendere i propri cespiti e lo fanno attraverso una società di spin off immobiliare la vendita è una vendita soggetta ad IVA mentre se vende direttamente il Comune la vendita è soggetta ad imposta di registro.

Se vende il Comune per l’operatore che acquista l’11% rappresentato dall’imposta di registro è certamente un costo mentre se invece vende la società deputata dal Comune l’IVA è recuperabile dall’operatore ed è quindi presumibile che egli sia disponibile a pagare un prezzo più alto.

Ma il vantaggio più grande dal punto di vista fiscale è quello legato alla neutralità del passaggio dei beni fra il Comune e la società di spin off immobiliare.
Questa neutralità era stata già sancita dalla Finanziaria del 2004. Oggi è stata parzialmente limitata dalla Finanziaria del 2005, che stabilisce che questa neutralità vale solo per le società di cartolarizzazione, ma le società di cartolarizzazione sono delle normali S.r.l. per le quali è sì necessario fare alcuni adempimenti - va individuato il patrimonio oggetto di cartolarizzazione e va segnalata la costituzione della società al Ministero degli Interni - però di fatto non comportano conseguenze pratiche rilevanti.

Quindi oggi i Comuni in regime di neutralità fiscale possono trasferire i propri beni ad una società e nel caso poi che la società di spin off immobiliare venda alcuni di questi cespiti le plusvalenze generate in capo alla società per la vendita di questi cespiti non sono tassabili.
Quindi ci sono concreti vantaggi fiscali che hanno una rilevanza economica straordinariamente importante.

Quali sono gli strumenti per realizzare queste società?
In primis la delibera del Consiglio Comunale con la quale l’ente assume questa decisione e approva il progetto strategico di valorizzazione del patrimonio e poi alcuni documenti come lo statuto della società, l’elenco dei beni – che deve specificare quali di questi beni faranno parte del cosiddetto patrimonio separato ovvero di quello oggetto di cartolarizzazione – il piano industriale e la convenzione.
Mi voglio soffermare un attimo soltanto su questi ultimi due elementi.

La convenzione è lo strumento attraverso il quale l’ente locale nei rapporti con la propria società di spin off immobiliare continua ad esercitare il proprio ruolo di decisore politico.
Una delle obiezioni che viene sollevata a questi processi nei Consigli Comunali è che quando si porta fuori qualcosa dal Comune e lo si affida ad una società anche se questa società è tutta pubblica si esautora il Consiglio Comunale.
Non è così, il Consiglio Comunale non conterà più se noi non saremo in grado di regolamentare in modo corretto le relazioni fra il Comune, i suoi Organi e questa società.
Se noi andiamo a scrivere una convenzione o un contratto di servizio che disciplina queste relazioni e che esplicita le finalità attese dal Comune, le modalità di controllo e di intervento e quali sono le informazioni che la società deve rendere al Comune secondo me non solo il Comune continua ad esercitare il suo ruolo di decisore politico rispetto a queste attività ma molto probabilmente rafforza il suo ruolo rispetto alle modalità di gestione economica di questi beni.
Io comunque non ho mai sentito Consigli Comunali che si occupassero della necessità di individuare indicatori di qualità rispetto al livello di manutenzione del proprio patrimonio.
Questi sono tutti temi che possono essere correttamente disciplinati da una buona convenzione o da un buon contratto di servizio.

Oggi la normativa consente agli enti locali di creare società di spin off immobiliare ma questo non vuol dire che sempre la società di spin off immobiliare rappresenti la soluzione dei problemi. Occorre fare uno studio per capire quali sono gli eventuali vantaggi di cui il Comune può beneficiare attraverso la costituzione di una società di questo tipo, capire quali sono le convenienze economiche dell’Amministrazione comunale e capire se ci sono in prospettiva le condizioni per restituire gli eventuali crediti che vengono attivati attraverso la concessione in garanzia dei cespiti di proprietà dell’Amministrazione Comunale.
Il piano economico e finanziario è lo strumento fondamentale che mette in condizione l’ente locale di decidere consapevolmente rispetto a questa scelta. Da questo punto di vista esso diventa quindi uno strumento fondamentale.

Chiudo dicendo che oggi credo che gli strumenti per passare ad una gestione attiva, concreta ed economica delle masse patrimoniali degli enti locali ci siano. Gli strumenti sono le società di trasformazione urbana e le società di spin off immobiliare.

Servono due condizioni nei nostri enti perché questi strumenti possano essere adottati e possano funzionare.
Il primo è la volontà politica: la volontà degli Amministratori che deve essere indirizzata fortissimamente ad una gestione rigorosa del patrimonio pubblico.
La seconda sono le competenze: le competenze della struttura per gestire strumenti non abituali per il mondo della Pubblica Amministrazione come le società, gli statuti, i regolamenti, i patti parasociali come nel caso delle società di trasformazione urbana, ecc.

Su queste competenze si deve lavorare in modo da acquisirle perché quella del patrimonio è una grande leva che gli enti locali hanno e che devono imparare ad usare.

Continuerò con gli altri strumenti di risanamento.
Qualcuno mi ascolterà ?
A questo punto ho i miei dubbi.Vedremo !!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Commenti: 1


aministrazione a modica (Ascolta il messaggio) Tema: 99 - Post: 1711
a cura di vedetta

del 25/09/2009 21:48:37

Molti dei nostri uomini politici sono degli incapaci. I restanti sono capaci di tutto.

Boris Makaresko

Commenti: 0


Segnalazione guasti Via Milicucco Scrofani (Ascolta il messaggio) Tema: 114 - Post: 1710
a cura di Giovanni Migliore

del 25/09/2009 17:50:30

IN EVIDENZA


Stamattina ho rifatto la segnalazione per la Via Milicucco Scrofani per le due perdite.
Il Geom.Terranova mi ha assicurato che la segnalazione è stata fatta e a breve verrà effettuata la riparazione.

Commenti: 0


Re: Re: Modifiche sul sito (Ascolta il messaggio) Tema: 99 - Post: 1709
a cura di pino lavatrice

del 25/09/2009 15:34:08

> Concordo!

Commenti: 0


Aforisma dedicato al PDL (Ascolta il messaggio) Tema: 99 - Post: 1708
a cura di Maria Calabrese

del 24/09/2009 16:23:48

Il segreto è non correre dietro alle farfalle. È curare il giardino perché loro vengano da te.

- Mário Quintana -

Con affetto a Te Giovanni e a tutti gli amici del PDL

Commenti: 0


del 23/09/2009 20:12:03

IN EVIDENZA


> Bravo Consigliere.
Su questa tematica il suo collega Azzaro aveva già fatto un'interrogazione.(L'ho letta in un trafiletto su un giornale anche se su i giornali on-line non se ne è parlato)
Il Consigliere Migliore in questo blog aveva denunciato, ma nulla si muove.

Sono veramente curiosa di sapere cosa rispondono i vari assessori.
Ora che il Consigliere Migliore registra i Consigli Comunali avrò modo di vedermi cosa succede e cosa risponderanno.

Mi interessa sapere chi è il dirigente di riferimento ?

Chi ha firmato i collaudi ?

Quanto ci sono costati questi impianti?

La prego di darmi una risposta.

Buon Lavoro a tutto il PDL

Commenti: 0


Bellissima idea (Ascolta il messaggio) Tema: 99 - Post: 1706
a cura di Giovanni Migliore

del 23/09/2009 19:51:49

Sig. Silvio ottima idea.
Anche se sto lavorando, è stato irresistibile non risponderle.
Penso che la divisione per assessorato sia ottima e facilmente riscontrabile.
Amici che ne pensate?

Commenti: 0


Re: Modifiche sul sito (Ascolta il messaggio) Tema: 99 - Post: 1705
a cura di silvio

del 23/09/2009 19:45:15

Grazie Cons. Migliore per aver chiesto il nostro aiuto (benchè modesto) per configurare le aree tematiche del blog.
Una mia idea è la seguente:
la città (ogni comune) viene gestita dal Sindaco che delega i suoi Assessori secondo vari e necessari servizi; le aree potrebbero essere legate agli assessorati, per cui si avrebbe anche un referente certo per ogni argomento trattato e si otterrebbe una educazione civica di riflesso, perchè noi visitatori del blog saremmo costretti a ricordare ogni passaggio politico-amministrativo allorquando discuteremmo di scuola piuttosto che di strade o altro.

Così, quando il sig. Silvio si lamenta che non si fa abbastanza prevenzione sismica per le scuole, il suo commento sarà inserito nelle aree dei Lavori Pubblici, della Pubblica Istruzione, della Manutenzione, della Protezione Civile e ogni Assessore diligente che ha voglia e testa di visitare il suo blog, senza obbligo di risposta, può conoscere il parere dei cittadini e dare un peso all'urgenza dell'intervento.

L'Assessore, dedicando un'ora al giorno alla lettura della mail del cittadino e rispondendo concretamente e tempestivamente sul territorio, farebbe facilmente aumentare il suo indice di gradimento.

Commenti: 1


Re: Re: Riparazione Via Pietro Mascagni (Ascolta il messaggio) Tema: 99 - Post: 1704
a cura di Un altro cittadino di Via Mascagni

del 23/09/2009 17:48:44

IN EVIDENZA


> E se non c'era il consigliere Migliore noi ancora dovremmo aspettare altri 3 mesi.
Il Venerdi quando è venuto sul posto io penso che ha fatto oltre 10 telefonate.

A chi ha chiamato?

Comunque è stato risolto.Grazie

Commenti: 0


Re: Riparazione Via Pietro Mascagni (Ascolta il messaggio) Tema: 5 - Post: 1703
a cura di Un Cittadino di Modica

del 23/09/2009 16:00:21

IN EVIDENZA


> "21 Luglio - 21 Settembre: tre segnalazioni fatte all'ufficio competente sito nel palazzo AZASI, diffida alla Multiservizi, telefonate ai vigili urbani, intervento del Sig. Consigliere Giovanni Migliore..... l'ufficio ha riconosciuto il problema e gli ha dato alta priorità.

Due lunghi mesi di acqua potabile letteralmente "persa" per strada dalle 14 del pomeriggio all'indomani mattina alle 6. Vogliamo fare un rapido calcolo in metri cubi più l'energia elettrica consumata?

Credo che ci sia un reale problema di fondo nella valutazione delle priorità e dei problemi della città, in tutti i campi e settori.

La grande domanda è: l’acqua è fonte di vita o fonte di spreco?

Ricordatevi sempre che l'Acqua è un bene prezioso!

Un Cittadino di Modica.



Commenti: 1


Grazie (Ascolta il messaggio) Tema: 8 - Post: 1702
a cura di Una mamma

del 23/09/2009 12:28:49

IN EVIDENZA


Grazie.
Posso lavorare tranquilla.I pulmini fanno un servizio eccellente.
Grazie
Pensa che senza il suo aiuto potevamo farcela?
grazie

Commenti: 0


Modifiche sul sito (Ascolta il messaggio) Tema: 99 - Post: 1701
a cura di Giovanni Migliore

del 23/09/2009 11:53:24

IN EVIDENZA


Amici del blog sto inserendo le aree tematiche.
Vorrei dividere i post per aree
ad esempio
Video
Bilancio
Problemi in città

Visto che ne posso inserire quanti ne voglio, vi chiedo qualche suggerimento

ad esempio possiamo decidere di fare una area su Mercato Modica Alta o Via Loreto

Come funzionerà ?

I post verrano scritti sempre allo stesso modo, ma
alla fine del messaggio
o mi suggerite voi una area nuova
oppure mi suggerite in quale area volete che si inserisca il vostro post

Ora ho scritto ....in fase di attivazione ....perchè capite bene bisogna smistare l'intero database e dividere il tutto per aree.

Che ne pensate ?

A presto Giovanni

Commenti: 1


Re: Incrocio Torre Rodosta (Ascolta il messaggio) Tema: 3 - Post: 1700
a cura di R.C.

del 23/09/2009 11:53:03

IN EVIDENZA


> Gent.mo Cons.Migliore, ho ripescato il messaggio riguardante quest'incrocio,in cui si può ammirare,grazie alle sue riprese, la rigogliosa flora presente all'interno delle 3 aree spartitraffico.
Nonostante la normale scerbatura fatta a suo tempo (primi di giugno mi pare), il problema è ben lontano dall'essere risolto.
Infatti il "verde" che si vede nel filmato(arbusti,palme etc.) sono cresciuti a dismisura, oscurando ancor più la visibilità di chi esce dall'incrocio,e costringendo le auto a sporgersi pericolosamente troppo. Gli alberelli ed arbusti che nel video appaiono senza foglie e secchi,(sei mesi fa) , oggi sono più alti,verdi e rigogliosi.
Il problema riguarda ovviamente centinaia di automobilisti che vi transitano,e per questo mi faccio carico della segnalazione,(non mi permetterei se riguardasse solo me) .
Volevo andare di presenza dal X settore (ecologia) però riflettendo ho pensato che 1 sola Sua telefonata vale 10 delle mie segnalazioni.

La richiesta è quella di fare "disboscare" l'area sopramenzionata al fine di metterla in sicurezza. Spero al più presto.
Al di là di come andranno le cose, La ringrazio e La saluto.



Commenti: 1


del 23/09/2009 11:44:19

IN EVIDENZA


Oggetto: interrogazione da discutere in consiglio, su mancato funzionamento illuminazione elettrica e fotovoltaica in varie zone della città

Da parecchi mesi molte zone della nostra città risultano poco illuminate o quasi al buio a causa del non funzionamento dell’illuminazione pubblica, purtroppo pur avendo il sottoscritto e parecchi cittadini segnalato molte volte l’inconveniente agli uffici preposti, ad oggi in molti casi nulla è stato fatto, le risposte date dai responsabili del servizio sono state delle più disparate ; mancano i soldi per l’acquisto delle lampadine, in altri casi è stato detto che mancava il carrello per poter permettere il cambio delle lampadine ed ancora che alcuni impianti di illuminazione sono gestiti da ditte esterne al comune, società sole, ed altre motivazioni ancora…..
Ritengo che ciò non è più tollerabile, in quanto e concepibile e giustificabile che possano esserci dei problemi ma ciò non possono perdurare in maniera perpetua e soprattutto non essere risolti, facendo passare anche mesi in alcuni casi.
Credo che sia ovvio e palese che la mancanza di illuminazione crea diversi disaggi ai cittadini sia in merito alla sicurezza veicolare e soprattutto a quella personale di ogni singolo cittadino.
A questi disservizi va aggiunta quella relativa alla mancanza di illuminazione dovuta al non funzionamento dell’illuminazione fotovoltaica che ritengo meriti un ragionamento a parte, infatti pur essendo stata realizzata da poco tempo, poco più di un anno già buona parte di essa non è funzionate, e fatto ancora più grave ad oggi non si è provveduto alla sistemazione, mi riferisco in particolare all’illuminazione della vanella 11, e della zona di c/da Pirato che sono quasi tutte fulminate, alle tante richieste di intervento le risposte sono state ancora più assurde e paradossali, infatti è stato detto, anche al sottoscritto, che non si può intervenire perche non essendo ancora stati consegnati i lavori i tecnici del nostro ente non possono metterci mano! Assurdo, viene spontaneo chiedersi perché allora sono stati messi in funzione, chi li ha autorizzati, ed ancora perche non viene fatta questa benedetta consegna dei lavori? Questi impianti sono stati collaudati? Se vi erano dei problemi come qualche funzionario del nostro ente asserisce perché non sono stati messi in evidenza al momento opportuno? Tutte domande che a distanza di tempo non hanno ancora trovato risposte.
Signori Assessori, ritengo che tale situazione non è più tollerabile e procrastinabile pertanto vi invito con forza a nome dei tanti cittadini che sono costretti a subire questo grave inconveniente e che mette a rischio la loro incolumità di intervenire nel più celere tempo possibile, risolvendo in modo definitivo il problema sia esso di natura organizzativa, tecnica o economica.

Modica li 23.09.2009
Il Consigliere Comunale
Tato Cavallino

Commenti: 1


del 23/09/2009 01:21:09

IN EVIDENZA


Amici dopo il comunicato sulla trasparenza,sapete cosa è successo ?

Collegatevi a questa pagina del Comune di Modica
Cosa troverete??????

Gli estratti delle determine dirigenziali e delle delibere consiliari e della Giunta


Siamo ancora lontani poichè non c'è la pubblicazione integrale ma già qualcosa si è mosso.
Vedremo........................................

http://www.comune.modica.rg.it/attiedocumenti.asp

Commenti: 0


Re: Una città equa e solidale (Ascolta il messaggio) Tema: 4 - Post: 1696
a cura di Franco

del 23/09/2009 00:31:17

IN EVIDENZA


>Sig.Amistad ha perfettamente ragione.A Modica Alta ogni 15 giorni coltiviamo ambulanti abusivi.Ormai è una bella squadra.
Sono cresciuti,secondo me sono buoni per bloccare anche i motociclisti.
Modica che citta altruista.

Commenti: 0


Ri..ri...rinconvocazione Consiglio Comunale (Ascolta il messaggio) Tema: 95 - Post: 1695
a cura di Giovanni Migliore

del 22/09/2009 17:26:54

Incredibile ma vero.
Per la terza volta il consiglio comunale è stato convocato.

1° convocazione 16/09/2009 ore 19:00

2° convocazione 23/09/2009 ore 19:00

3° convocazione 25/09/2009 ore 20:00


Commenti: 0


Una città equa e solidale (Ascolta il messaggio) Tema: 99 - Post: 1694
a cura di Amistad

del 22/09/2009 11:54:34

Leggo su http://www.radiortm.it/Notizia.asp?Id=27720, le critiche dell'ex Assessore alla viabilità, nei confronti dell'attuale amministrazione per avere snaturato il piano della viabilità al quartiere S.Cuore.
Io credo che Giorgio Aprile abbia ragione, ma non voglio criticare oltremodo l'amministrazione,vorrei semplicemente dare un piccolo consiglio.
Propongo che all'imbocco di Via A.De Gasperi dove ci sono le fermate dei pullman che trasportano gli studenti e non solo, si dia la possibilità di far sostare quanti più venditori ambulanti possibili.Questo per essere solidali a tutti quelli che fanno veramente gli ambulanti e non usufruiscono di uno spazio comunale, autorizzato o meno.
In questo modo faremmo si che oltre alla solidarietà, si raggiungerebbe anche una situazione di equità tra gli automobilisti e i motociclisti.Infatti nelle ore di punta, (entrata e uscita della scuola) quando in quel sito ci sono tre o quattro pullman, a volte anche cinque, si crea un tale ingorgo che riescono a passare solamente i motociclisti,con qualche altro ambulante i pullman riuscirebbero a non far passare nemmeno questi.
Io non sono invidioso, però mi sembra giusto che mentre gli automobilisti fanno la fila sui due lati della Via S.Giuliano e il prolungamento della Via A.De Gasperi, i vigili urbani non si sa dove siano, l'amministrazione è a colazione o pranzo, i motociclisti debbano fare la fila insieme a tutti gli altri comuni mortali.
Credo di essere stato molto propositivo, sono certo che l'amministrazione oltre a snaturare il piano del traffico di Aprile, troverà il modo per criticarlo, perchè il concetto è che tutto ciò che si è fatto in passato non funziona, mentre oggi sono tutte rose e fiori.

Commenti: 1


Re: Comunicato Stampa (Ascolta il messaggio) Tema: 99 - Post: 1693
a cura di Tonino

del 22/09/2009 08:54:14

> Caro Giovanni, come vedi questa amministrazione usa spesso con te il ''POI''. Una persona tempo fa mi ha insegnato che il ''POI'' è la via che porta alla città del ''MAI''. Cosa ne pensi?

Commenti: 0


Comunicato Stampa (Ascolta il messaggio) Tema: 99 - Post: 1692
a cura di Giovanni Migliore

del 22/09/2009 01:44:15



http://www.radiortm.it/Notizia.asp?id=27901

http://www.ilgiornalediragusa.it/attualita/8440-modica-buoni-libro-anno-20072008-migliore-lamministrazione-e-sorda.html

http://www.modicaliberata.it/wp/?p=3113

http://www.nuovascicli.it/index.php?option=com_content&view=article&id=9208:libri-scolastici-2008-09-secondo-g-migliore-llamministrazione-di-modica-e-sordar&catid=114:modica&Itemid=141


Commenti: 1


- Pagine: INDIETRO - 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260  261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 AVANTI -

L'informazione On Line


Curiosità

  1. 1


Aree tematiche


Numeri utili in città

  • Comune di Modica centralino: 0932-759111

  • Rifiuti Ingombranti : 0932-759707

  • Manutenzione Acqua :

  • Polizia Municipale 0932-759211

  • Segnalazioni Urp Modica


Cerca la notizia


   Costruzione Via Fontana 

Scorri l'intero TEMA
Clicca qui


Randagismo

Scorri l'intero TEMA
Clicca qui


Multiservizi

Scorri l'intero TEMA
Clicca qui


Cittadinanza Onoraria

Scorri l'intero TEMA
Clicca qui


Piazzetta Pisacane

Scorri l'intero TEMA
Clicca qui


Mercati Rionali e Abusivi

Scorri l'intero TEMA
Clicca qui


Mercato V.le Medaglie D'Oro

Scorri l'intero TEMA
Clicca qui


Spin Off Immobiliare

Scorri l'intero TEMA
Clicca qui


Cimitero

Scorri l'intero TEMA
Clicca qui


Antenne Telefoniche

Scorri l'intero TEMA
Clicca qui


Area Petizioni

  1. Trasferimento Mercato Modica Alta
    (12-04-2010)


Area Multimediale

Servizio su Video Regione Consiglio Comunale 30/07/20100 Trappoli per Topi

Migliore Modica revoca bando di gara Vr News ore 14:00 30/07/2010

  • Lettera aperta ai concittadini

  • Situazione politico amministrativa

    Lettera di Ballarò al Sindaco


    Questo BLOG non rappresenta una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato senza alcuna periodicità.
    Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07.03.2001.

    Test Adsl       Statistiche

    "Non chiedere ciò che il Tuo Paese può fare per Te, ma chiediti ciò che puoi fare Tu per il Tuo Paese! " (John F. Kennedy)