Giovanni Migliore - Cittadino Modicano

E-Mail info@giovannimigliore.it



 

 Avviso: Per problemi di invio con Explorer, si può utilizzare Mozilla Firefox o in alternativa scrivere al Consigliere

"Non chiedere ciò che il Tuo Paese può fare per Te, ma chiediti ciò che puoi fare Tu per il Tuo Paese! " (John F. Kennedy)

Vuoi lasciare un tuo pensiero ? ........  scrivi qui

 AVVISO - Il sottoscritto Giovanni Migliore, non è responsabile di quanto espresso nelle varie notizie.
I blogger che decidono di commentare o di scrivere una notizia si assumono la totale responsabilità di quanto scritto.
In caso di controversie lo stesso comunicherà all'autorità giudiziaria che ne facesse richiesta, tutti i parametri di rete degli autori dei commenti.

Ultimi 10 Messaggi e Commenti

22/08/2016 21:32:42 da parte di biondo scuro - Re: Perché la soka gakkai è una setta:
22/08/2016 21:30:33 da parte di Alessandro Costa - Re: Perché la soka gakkai è una setta:
22/08/2016 21:29:19 da parte di Alessandro Costa - Re: Perché la soka gakkai è una setta:
14/05/2016 01:16:45 da parte di Giuseppe Mirabelli - riapertura caso Piazzetta Pisacane
14/05/2016 01:15:39 da parte di Giuseppe Mirabelli - riapertura caso Piazzetta Pisacane
14/05/2016 01:15:04 da parte di Giuseppe Mirabelli - riapertura caso Piazzetta Pisacane
14/05/2016 01:14:35 da parte di Giuseppe Mirabelli - riapertura caso Piazzetta Pisacane
16/04/2016 10:35:47 da parte di Valerio - Re: Perché la soka gakkai è una setta:
16/04/2016 10:35:40 da parte di Valerio - Re: Perché la soka gakkai è una setta:
16/04/2016 10:33:51 da parte di Valerio - Re: Perché la soka gakkai è una setta:

 

Alienazione Patrimonio Immobiliare (Ascolta il messaggio) Tema: 99 - Post: 5232
a cura di il Diavolo e l'Acquasanta

del 04/09/2010 18:51:05

Fonte Internet

Il patrimonio immobiliare come «asset» economico finanziario

La necessita` per gli enti locali di affrontare in modo diverso rispetto al passato il tema della gestione e
dell’utilizzo del proprio patrimonio e` legata ai mutamenti che sono intervenuti in questi anni nel mondo della pubblica amministrazione locale. La carenza di risorse, la difficolta` ad inasprire ulteriormente la pressione fiscale o aumentare le tariffe dei servizi e i limiti di spesa legati al rispetto del patto di stabilita` stanno spingendo gli enti ad individuare nuove modalita` di erogazione dei servizi e di finanziamento
dei programmi di investimento. E ` in questo quadro che si inserisce il tema di un diverso utilizzo del patrimonio di proprieta` della pubblica amministrazione locale che, dalla carenza di risorse sopra descritta.
In un’ottica di gestione economica attiva del patrimonio, il primo tema da affrontare e` quello della rivisitazione dei contratti di locazione attivi e passivi.Le societa` pubbliche di spin off aiutano a risolvere
il problema della riscossione di canoni congrui in quanto molte delle difficolta` che le amministrazioni incontrano sono legate alla sovrapposizione, in capo agli enti stessi, del doppio ruolo di proprietari degli alloggi e di soggetti istituzionalmente deputati all’assistenza delle famiglie indigenti.
La societa` di spin off immobiliare consente di separare il ruolo di proprietario da quello di soggettoistituzionale demandato alla tutela sociale; di conseguenza le societa` a totale partecipazione pubblica possono agire, in materia di riscossioni, con le stesse logiche e modalita` dei proprietari privati, lasciando agli enti il tema dell’eventuale protezione sociale dei cittadini meno abbienti.
Il patrimonio in capo alle societa` di spin off diventa bancabile

Le societa` di capitali possedute dagli enti - alle quali siano stati trasferiti i cespiti dalle amministrazioni hanno la possibilita` di accedere al sistema creditizio fornendo i beni di proprieta` come garanzia. Con lo
strumento dello spin off vengono quindi create le condizioni affinche´ il patrimonio posseduto possa divenire una leva economico-finanziaria per gli enti a supporto delle proprie politiche di investimento.


Vantaggi di natura fiscale


Oltre agli innumerevoli vantaggi di tipo strategico,la gestione del patrimonio attraverso una societa` di
spin off comporta notevoli agevolazioni sotto il profilo fiscale. Tra i tanti vantaggi c’è quello rappresentato dal recupero dell’Iva che grava sugli interventi di manutenzione. Per l’ente l’Iva rappresenta un costo; la societa` puo` recuperarla e, trattandosi di una aliquota pari al 20%, il risparmio e` notevole.

Gli strumenti

Per costituire correttamente la societa` di spin off immobiliare l’ente locale deve accompagnare la delibera,
con la quale assume la decisione di procedere e individua i singoli cespiti oggetto del trasferimento,con l’approvazione di tre documenti fondamentali:lo statuto, il piano industriale e la convenzione.



Commenti: 1


del 04/09/2010 17:24:11

> Sarebbe il caso di sostituire "Saprà" con "Ha interesse" questa Giunta "di" riacquisire la necessaria capacità di analisi per scongiurare un danno che diverrebbe irreversibile?

Lei ne parla da 2 anni di spin-off, ma tutti fanno orecchie da mercante, non hanno posto il minimo interesse ad analizzarne l'opportunità, pensi che al Sindaco è stato riferito che non risolverebbe i problemi del Comune, sarei curioso di conoscere le qualità di questo "riferitore".

E' vero, non risolverebbe i problemi da solo, ma porterebbe liquidità alle casse comunali e il risanamento (intrapreso?) sarebbe meno doloroso.

SVENDENDO i beni dei Cittadini, mica sono i Loro, pensano di risolvere velocemente tutti i problemi e invece si invischeranno in possibili e legittimi dubbi di collusioni con faccendieri e cricche varie.

Cosa possiamo chiedere ad una coalizione teocratica-dinastica-integralista-estremista rappresentata da un Sindaco che non vuol più sentire di essere additata come una brava persona, ma quale aggettivi qualificativi dobbiamo usare se fino ad oggi non ci ha dato la dritta giusta?

Commenti: 0


Disastro Finanziario (Ascolta il messaggio) Tema: 99 - Post: 5230
a cura di il Diavolo e l'Acquasanta

del 04/09/2010 16:33:03

Alla luce delle ultime notizie in merito alla mancata approvazione del bilancio, voglio solo ricordare cosa scriveva l'allora Dirigente del Settore Finanze Dr. Bondi:

"La fotografia del disastro finanziario del comune di Modica nella relazione di Bondì


Questa, in sintesi, la "triste fotografia" scattata dal dirigente Francesco Bondì ed inviata al sindaco Buscema.

"Il comune non è nelle condizioni di conoscere giornalmente il saldo di cassa - è l'incipit della relazione -. Sono giacenti presso un ufficio dipendente da questo settore (finanze, ndr) la gran parte (forse tutte!) delle fatture emesse dai fornitori e che il Comune deve pagare dall'anno 2002 ad oggi.

In altra sezione sono raccolte tutte le fatture ricevute da almeno un quinquennio per forniture di energia elettrica e di servizi telefonici.

[...] Da una prima stima sembrerebbe che le fatture giacenti da pagare ammontino a circa 27 milioni di euro. [...] Non esiste un elenco cronologico di liquidazione delle fatture. [...] Non esiste una catalogazione dei debiti fuori bilancio esistenti e da riconoscere [...]. Non si ha modo di rilevare gli impegni pluriennali.

[...] I dirigenti dei vari settore, pare, non abbiano ancora contezza dei sostanziosi tagli operati nel bilancio di previsione 2009 rispetto al bilancio 2008 per cui alcuni impegni di spesa potrebbero non avere capienza negli interventi previsti per il 2009.

[...] Si è in presenza di sostanzioso contenzioso con le società partecipate. Da una prima stima si superano i 3,5 milioni di euro. [...] Il comune ha in essere
alcuni contratti di finanza derivata senza avere nel proprio organico personale specializzato".

Diverse anche le azioni risolutive proposte: "E' stato richiesto ai dirigenti di settore di produrre, per ogni liquidazione, il relativo atto. [...] Sono state date disposizioni ai propri uffici di raccogliere tutte le fatture ricevute e suddividerli
per settore.

[...] Sono state avviate operazioni di chiusure transattive di alcuni grossi debiti (con Telecom, Siciliana Carbolio, Enel, Università di Catania, Comune di Scicli, ndr)

[...] Alla luce di quanto rappresentato, lo scrivente ha disposto il blocco delle
procedure di impegni di spesa alla data del 31 marzo ed ha sollecitato tutti gli uffici ad impegnare solamente spese obbligatorie e+o per servizi essenziali, almeno fino alla data di approvazione del bilancio 2009".

Commenti: 0


del 04/09/2010 13:58:04


ALIENAZIONE PATRIMONIO IMMOBILIARE
DEL COMUNE DI MODICA
E MIOPIA POLITICO-AMMINISTRATIVA


Uno degli ultimi temi affrontati dal civico consesso, è quello relativo alla vendita di alcuni beni, terreni ed immobili di proprietà del Comune di Modica.
Certamente una scelta non deliberata a cuor leggero, credo nemmeno dalla maggioranza, ma dettata dalla difficile situazione economico-finanziaria dell'Ente, che purtroppo continua a navigare in acque agitate che impongono scelte anche traumatiche.

Credo però che come spesso accade a chi viene a trovarsi in situazioni economicamente ingestibili, anche la Giunta Buscema sia rimasta vittima di quella miopia, tipica di coloro che perdono la lucidità mentale e la capacità di analisi adeguate, lasciandosi sopraffare dal precipitare degli eventi, ma è anche la conseguenza inevitabile di chi ritiene di non aver bisogno della collaborazione di altri, seppur disponibili ad offrirla.

L'alienazione di alcuni beni comunali è la giusta soluzione ai problemi dell'Ente?

Partiamo dalla considerazione che molti di tali beni, siano già stati oggetto di asta pubblica e, così come prevede la legge, ad ogni tentativo di vendita, hanno subito un ribasso di prezzo del 20 % , riducendo di fatto il valore reale del bene, in qualche caso del 60 % nel caso in cui siano avvenute 3 aste andate deserte; il successivo tentativo per cedere il bene, va fatto con trattativa privata e nell'ipotesi di collocamento del bene stesso, il Comune avrà perso una quota consistente del valore reale del bene ceduto, mentre invece alcuni privati potranno realizzare veri affari rispetto alle condizioni di mercato.

Ma la trattativa privata, non può dar luogo a comportamenti politici ed amministrativi discutibili?

Si sa infatti, che chi potrà partecipare alla suddetta trattativa privata è un numero limitato e precedentemente accreditato, che nella fattispecie è di 60 unità, alimentando il legittimo sospetto che certe operazioni assumano uno sfondo squisitamente politico-clientelare.
Alcuni di questi beni posti in vendita, tra l'altro, producono un reddito, in quanto sono dati in affitto, con un gettito certo che dovrebbe indurre a più attente valutazioni circa la scelta di alienarli, con un'altrettanta certa penalizzazione economica per l'Ente.

Come ovviare a certo avventurismo amministrativo?

Si potrebbe, anzi si dovrebbe valorizzare il bene con adeguate misure che la legge consente agli Enti pubblici, dandoli in garanzia a qualche istituto finanziario che opera in materia di spin-off e ciò garantirebbe la copertura dei relativi oneri finanziari con l'introito dell'affitto, magari adeguato alle attuali condizioni di mercato, evitando però l'alienazione del bene a beneficio di qualche privilegiato.

Saprà questa Giunta riacquisire la necessaria capacità di analisi per scongiurare un danno che diverrebbe irreversibile?

Se vivremo, vedremo !

Commenti: 1


Consiglio Comunale 02/09/2010 (Ascolta il messaggio) Tema: 29 - Post: 5227
a cura di Giovanni Migliore

del 03/09/2010 23:03:19

Ufficio stampa Comune di Modica

consiglio comunale del 2 settembre 2010
Inviato da Ufficio Stampa il Ven, 03/09/2010 - 01:04
in

* 2010
* Settembre

Approvato a maggioranza il piano di valorizzazione degli immobili
Seduta rinviata a giovedì 9 settembre alle 16.00

Il consiglio comunale dopo tre ore e mezza di dibattito ha approvato a maggioranza l’integrazione del piano di valorizzazione e di alienazione del patrimonio del Comune, elenco degli immobili.
La seduta è stata rinviata a giovedì 9 settembre alle ore 16.00 per affrontare i documenti contabili finanziari come il rendiconto di gestione per l’esercizio 2009 e il bilancio di previsione.
Presenti 21 consiglieri la seduta si apre con un intervento del presidente della commissione bilancio Giancarlo Poidomani che dichiara che la commissione ha ricevuto da poco la delibera votata oggi dalla giunta con il nuovo elenco dei beni immobili relativo al piano di valorizzazione e di alienazione del patrimonio del Comune.
Per tale ragione chiede una sospensione di mezz’ora al fine di analizzare l’atto..
Al voto la proposta di sospensione viene votata a maggioranza con 14 favorevoli, tre contrari e quattro astenuti.
Alla ripresa dei lavori sono presenti in aula 24 consiglieri e il presidente della commissione bilancio Giancarlo Poidomani informa che è stato dato il parere sulla delibera sul nuovo piano di valorizzazione e di alienazione del patrimonio del Comune; si tratta di un elenco comprendente trentadue immobili. In commissione è stato introdotto un maxi emendamento in cinque punti: vengono reintrodotti nell’elenco l’asilo infantile “Regina Margherita” e il plesso scolastico S.Marta per altri vengono introdotte nuove destinazioni d’uso. Il parcheggio interrato di Via Conceria dovrà essere destinato sia ad uso privato che pubblico; l’edificio Telecom alla destinazione direzione va aggiunta anche quella ricettiva. Per l’ex asilo Antoniano aggiungere la destinazione socio sanitaria - esempio casa di riposo.
Il consigliere del Pdl Giovanni Migliore rileva alcuni errori contabili per singole voci che riferisce in consiglio che vanno corretti per poter andare avanti. Ribadisce l’importanza di attivare lo spin-off che sarebbe conveniente per l’ente. Il punto è quello che bisogna mantenere i beni e trovare altre forme per incidere sul disavanzo. Denuncia il fatto che il problema non è il debito ma la riscossione che si muove su percentuali basse. La questione è legata al mancato incasso dei residui attivi.
Il capogruppo dell’Udc Paolo Nigro rileva che non registra un adeguato dibattito sull’argomento da parte della maggioranza. Denuncia che non c’è una relazione esaustiva sugli argomenti. Nessuno ha saputo fare tesoro dei suggerimenti dati dal gruppo UDC. Rileva che alcuni valori degli immobili è stato rivisto al ribasso dall’amministrazione dopo che le gare di vendita sono andate deserte. Questo piano nelle carte esiste, ma poi è carta straccia. Non esiste coordinamento tra gli assessorati e registra come ci siano assessori non adeguati a trattare questi argomenti.
Il capogruppo dell’Mpa Carmelo Scarso valuta costruttivo l’intervento del consigliere Migliore che pone suggerimenti che possono portare benefici all’Ente. Registra una crisi delle entrate dell’ente e necessita l’Ente operare una rigorosa politica di bilancio. Lo spin off ha un senso se gli immobili comunali vengono messi a rendita. Bisogna, quindi, individuare quegli immobili che possono essere messi a rendita. La vendita degli immobili attiva un processo di risanamento delle casse comunali. Ritiene che qualche valutazione è eccessiva come i tre milioni e mezzo del parcheggio di Viale Medaglie D’Oro. Il bene non sarà valorizzato sin quando il codice della strada non viene fatto rispettare, come i parcheggi selvaggi e altre comportamenti. In assenza di controlli rigidi il parcheggio non sarà mai valorizzato. Quello presente è un elenco indicativo e non è detto che dobbiamo vendere gli immobili; la messa a reddito di alcuni possono produrre reddito dell’Ente.
Il consigliere dell’UDC Massimo Puccia si dichiara in disaccordo di fare del plesso S.Marta un oggetto di speculazione edilizia e buttare fuori i bambini dalla scuola o mettere in vendita tutti gli impianti sportivi. Non bisogna negare i servizi ai cittadini. Denuncia la svendita degli immobili comunali attesa la non adeguata valutazione di alcuni cespiti comunali.
Il consigliere del Pd Giancarlo Poidomani rassicura che i bambini usciranno dalla scuola quando saranno ospitato in un nuovo edificio scolastico sicuro, moderno e a norma. Ricorda a Puccia che le operazioni che si stanno facendo sono per coprire un disavanzo ereditato dalla precedente amministrazione.
Il consigliere dell’ UDC Giorgio Aprile si dichiara preoccupato per quello che può succedere atteso le polemiche e le prese di posizione che sino registrate nella maggioranza nella seduta precedente e in particolare sul riferimento del plesso di Santa Marta. Si chiede se è possibile inserire nei documenti finanziari valori indicativi degli immobili rispetto ad atti che necessitano invece dei dati certi e chiede lumi ai revisori dei conti. Ritiene sottodimensionato il valore dell’immobile di proprietà dell’ente a Catania a due passi da Via Etnea.
Il capogruppo di Nuova Prospettiva Nino Cerruto giudica non congrua la destinazione a casa di pensionato dell’ex Asilo Antoniano che funge ad una funzione vitale di scuola dell’infanzia e per la quale il comune acquistò l’immobile. E’ dell’idea che prima della vendita dell’Antoniano, peraltro del valore di 600 mila euro, possa essere costruita con progetto di finanza, a breve distanza, una scuola materna che possa ospitare i bambini. Fa della proposta un emendamento.
Il capogruppo dei Popolari, Salvatore Cannata conferma il voto contrario all’atto atteso che l’amministrazione aggiunge sempre altri immobili da alienare. Non viene reso il valore effettivo dell’immobile e non valori indicativi. Non si tiene conto della destinazione urbanistica del bene.
Non è stata, poi, esplicitata la priorità della vendita degli immobili.
Il consigliere del Pdl Tato Cavallino si dichiara d’accordo con il consigliere Cerruto e allora bisogna applicare per alcuni immobili lo spin-off. Sui debiti dell’ente la storia è lunga e vengono da lontano coinvolgendo più amministrazioni. Denuncia il fatto di non aver preso visione delle valutazioni tecniche degli immobili.
Il capogruppo del Sel Vito D’Antona ritiene che non esiste in consiglio un gruppo che vuole svendere i cespiti e altri no. Bisogna fronteggiare il debito e la legge ci dice come. La verità e che Modica è il Comune ha il disavanzo maggiore in Italia. Denuncia la caduta di stile negli attacchi al Sindaco di Modica accusato di inadeguatezza( esprime la sua solidarietà) da parte del presidente dei liquidatori Ato, Manno, e del Sindaco di Ragusa, Di Paquale. C’è un’inadeguatezza dei consiglieri di opposizione nell’affrontare l’argomento. Consiglieri di opposizione che ne sanno qualcosa del debito costruito in questi ultimi anni. Si ritiene favorevole a perseguire altre strade rispetto alla vendita per incamerare somme a favore dell’Ente.
La valutazione dei beni è stata fatta dall’ufficio tecnico ma si dichiara d’accordo con chi rileva lentezza nella riscossione. Bisogna ristabilire equilibrio. Bisogna valutare un atto per mera necessità ed è l’unica strada possibile per evitare il dissesto e iniziare un sostanziale risanamento delle casse dell’ente.
Il Sindaco ribadisce che l’atto che è in consiglio è completo in quanto debitamente integrato e completato. Questa operazione necessità di rimando una maggiore azione energica nella direzione del risanamento da parte dell’amministrazione. Informa che diversi cespiti non sono potuti andare in vendita in quanto pignorati. Si tratta di un’opera di valorizzazione degli immobili anche se siamo convinti di dover vendere tutti gli immobili in quanto si farà affidamento alle transazioni al fine di diminuire il debito e questo a beneficio di una non necessità di vendere i pezzi più pregiati. Sullo Spin-Off e su altre ipotesi si era detto pronto a confrontarsi con persone competenti al fine di capire l’applicazione o meno di questo strumento del quale non gli hanno riferito capace di dare grandi benefici.
Invita poi l’opposizione ad essere costruttiva, cioè capace di esprimere proposte utili a rilanciare l’azione economica dell’ente e non sperare di gioire quando le cose vanno male.
Viene posto a votazione il maxiemendamento che viene votato a maggioranza da tredici favorevoli, tre contrari e sei astenuti.
Viene posto a votazione l’emendamento proposto dal consigliere Giovanni Migliore che nei fatti rimodula il totale della valutazioni dei 32 immobili dell’elenco da ventisei milioni e quattrocento mila a venticinque milioni a seicento mila. L’emendamento viene votato con 17 favorevoli e 5 astenuti.
Viene posto a votazione il terzo emendamento, proposto dal consigliere Nino Cerruto, che intende escludere dall’elenco l’Asilo Antoniano che non compromette il disavanzo di amministrazione; atteso che l’uso dell’immobile è indispensabile e accanto non ci sono aree dove costruire un edificio alternativo.
Atteso che l’emendamento contrasta con quello già votato in precedenza il consigliere Carmelo Scarso chiede il voto sulla non ammissibilità dell’emendamento proposto dal consigliere Nino Cerruto. Ai voti il punto passa a maggioranza con tredici favorevoli, cinque contrari e quattro astenuti. Viene approvata la proposta del consigliere Scarso.
Il capogruppo dell’Udc Paolo Nigro ribadisce che la delibera che si sta per votare è carta straccia in quanto non si potrà vendere nulla questi beni perché non è stata fatta la variante al piano circa la diversa destinazione d’uso degli immobili che si intendono vendere. Peraltro alcune vendite sono condizionate alla costruzione di edifici alternativi e sui quali denuncia una mancanza di chiarezza su questo aspetto. Le vendite da realizzare entro il 31 dicembre 2010 saranno una chimera.
Dichiara il voto contrario a questa delibera.
Il capogruppo del Mpa Scarso dichiara il voto favorevole. Il provvedimento non toglie le scuole ai bambini che staranno al sicuro con edificio alternativo; lo stesso con il campo sportivo V.Barone.
Anche per concretizzare lo spin off bisogna vendere gli immobili, anzi ne è condizione essenziale.
Il consigliere Giovanni Migliore dichiara il voto contrario di protesta a quelle che sono le mancate collaborazioni con le forze di opposizione. Si era attivato per un incontro, con professionisti del settore, per studiare una soluzione per far incamerare risorse all’ente ma nessun segnale è mai arrivato dall’amministrazione.
Il consigliere Giancarlo Poidomani a nome del Pd giudica inadeguata e inefficiente la precedente amministrazione che ha arrecato danni finanziari all’ente costringendo l’università a chiudere i battenti.
Ai voti la delibera viene votata a maggioranza con 14 voti favorevoli cinque contrari e due astenuti.
La seduta del consiglio viene rinviata a giovedì 9 settembre p.v. alle ore 16.00.

Modica lì 2 settembre 2010 Il capo ufficio stampa

Commenti: 0


Re: Re: Sakineh (Ascolta il messaggio) Tema: 99 - Post: 5226
a cura di Darwin

del 03/09/2010 20:10:15

> No, mi riferivo alla foto che c'era prima di questa, Gheddafi con Berlusconi.

Commenti: 0


" A mazzetta " (Ascolta il messaggio) Tema: 99 - Post: 5225
a cura di Fonte internet

del 03/09/2010 17:51:45

03 Settembre 2010

PACHINO (SR) - Un assessore comunale di Pachino (Sr), G. Giliberto di 50 anni, è stato arrestato per avere intascato una tangente di 2500 euro. L'imprenditore che gli ha dato i soldi lo ha però denunciato. L'assessore è stato posto ai domiciliari.

L'operazione della Squadra Mobile di Siracusa culminata con l'arresto è scattata nel pomeriggio di ieri ad Avola, nel Siracusano. I poliziotti hanno seguito in un bar, dove l'assessore e l'imprenditore si erano dati appuntamento, confusi tra gli avventori seduti ai tavoli, la sequenza della consegna della busta con il denaro, 2.500 euro in contanti, che secondo gli investigatori rappresenta la "mazzetta" pagata all'amministratore per sbloccare la prima tranche di circa 25 mila euro di un vecchio credito vantato nei confronti del Comune per lo svolgimento di servizi antirandagismo.

Una volta che l'imprenditore si è allontanato, i poliziotti hanno seguito Giliberto bloccandolo poco distante dal bar recuperando nell'auto la busta con tutte le banconote che in precedenza erano state fotocopiate dagli investigatori.

Commenti: 0


Re: Sakineh (Ascolta il messaggio) Tema: 99 - Post: 5224
a cura di Un frequentatore del sito

del 03/09/2010 17:36:18

> Sign.darwin mi perdoni non ho capito,ma quando dice -tolga quella foto orribile- si riferisce a quella del consigliere Migliore o a quella di Madre Teresa di Calcutta?
Sia nell'uno che nell'altro caso non si tratta di persone adultere ed omicida,anzi entrambi sono accomunati dal possedere un cuore(figurativo)fuori dal comune.
Ferma condanna comunque alla legge selvaggia e medioevale assurda,che vige in iran.

Commenti: 1


Re: Sakineh (Ascolta il messaggio) Tema: 99 - Post: 5223
a cura di silvio

del 03/09/2010 09:27:28

tutta la mia solidarietà a Sakineh e alle 14 donne iraniane che si trovano ancora nel braccio della morte.

MORTE ALLA PENA DI MORTE!

Commenti: 0


Sakineh (Ascolta il messaggio) Tema: 99 - Post: 5222
a cura di Darwin

del 03/09/2010 08:24:22

Grazie Consigliere Migliore.

Commenti: 1


Sakineh (Ascolta il messaggio) Tema: 99 - Post: 5221
a cura di Darwin

del 03/09/2010 00:14:40

Consigliere Migliore, tolga quella orribile foto e Le chiedo cortesemente di inserire quella di Sakineh.

Come tutti sicuramente sapete questa ragazza iraniana è stata condannata a morte mediante lapidazione.

Questa è la dimostrazione delle balle che ha raccontato Gheddafi sul rispetto delle donne nei paesi islamici.

Resta il grande rammarico che ragazze italiane hanno fatto a gara per presenziare alle buffonate organizzate per compiacerlo.


Commenti: 1


del 02/09/2010 22:02:47

carissimo Darwin,
la mia ironia su Modica Alta è proprio questa,
ad essa sono stati elargiti dei contentini che tralasciano i veri problemi e le necessità reali di questa pur popolosa parte della città (e ricordiamocelo alle prossime elezioni!).
Ma daltronde è tutto in linea con la campagna elettorale scorsa, quando con una lampadina in più in qualche vicolo buio e qualche stretta di mano si sono comprati la fiducia della gente.
E' chiaro che gran parte di queste opere pubbliche non verranno realizzate; solo sbandierate come imponenti e colossali (sic!) interessamenti verso un branco di asini.

Ma noi asini di modic'alta abbiamo la testa dura, come tutti gli asini del resto, e tempo verrà che a furia di dai e dai ci riprenderemo la dignità di un mercato rionale serio e organizzato, di un verde pubblico vero, con tanto di villetta comunale, di tutti quei servizi che rendono appetibile il vivere in un quartiere piuttosto che in un altro;
anche perchè è l'unica parte di Modica che si presta a poter diventare una seconda Ibla (tanto per fare un paragone vicino) o una Urbino del sud (per chi è stato ad Urbino).

E questo sogno guardate che non è poi così irrealizzabile.

Commenti: 0


Re: Re: Re: Re: Re: Piano Triennale delle Opere Pubbliche (Ascolta il messaggio) Tema: 4 - Post: 5219
a cura di Un ex residente (per fortuna)

del 02/09/2010 20:38:45

> Noto con rammarico che tra le opere pubbliche del piano triennale non c'è il minimo accenno alla sistemazione in nuova area e all'adeguamento di legge del mercato rionale abusivamente svolto nel quartiere delle case popolari nei pressi di Viale Manzoni,il quale ,come molti sanno,crea nocumento a molti residenti nonchè agli automobilisti in transito.
Un anziano del luogo recentemente mi ha confidato che una sua inquilina,sentitosi male,ha fatto uno slalom in barella tra le bancarelle,con evidente imbarazzo e perdita di tempo, prima di essere caricata sull'ambulanza. La sfortuna volle che il malore si manifestò di Giovedì.
L'unica soluzione per non subire le angherie del mercato è rimasta solo quella di scappare...il più lontano possibile!

Commenti: 0


del 02/09/2010 18:01:55

> Amico Silvio,

poteva inserire anche opere del Dente e di Piano Ceci, l'ex mattatotio è Modica Bassa e non Modica Alta, anche la Raccomandata e più Bassa che Alta.

Le raccomando il verde della Via Volpino, se chiede agli abitanti di Modica Alta, ai più è sconosciuta, a cosa serve il verde pubblico lì?
Quale beneficio avrà Modica Alta? O c'è qualcuno da accontentare?

Come Lei ben sà la realizzazione di opere pubbliche se discriminanti, valorizzano troppo una zona a discapito di altre. Modica Alta, da quando è stato chiuso l'ospedale San Martino è stata sempre più abbandonata a se stessa, opere vicino a zero e perfino terreni di proprietà (vedi Carrubbella) sono caduti nel dimenticatoio.

Veda pertanto di rivedere la tabella da Lei creata se no Modica Alta diventa Dubai.

Commenti: 2


Voleranno i gabbiani (Ascolta il messaggio) Tema: 99 - Post: 5217
a cura di R.C.

del 02/09/2010 11:27:45

Lombardo non vuole che l'Aeroporto risulti a carico della Regione, lo Stato non ne vuole sapere neanche.
Magari tra i due litiganti,quando si calmeranno le acque,spunterà il terzo che gode.
L'unico dato reale in nostro possesso è che questo aeroporto non decollerà MAI.
E non è una novità, "gli addetti ai lavori" lo sapevano già da molti anni.
Anche Modica ovviamente subirà le conseguenze della non operatività dell'aeroporto.

Commenti: 0


del 01/09/2010 23:08:52

rispondo a Darwin, ma vorrei che fosse l'intero popolo di questo blog a trarre giudizio e conclusione dalla mia prima analisi del Piano Triennale delle Opere Pubbliche.

Primo errore che salta all'occhio è che si specifica che le cifre sono espresse in migliaia di euro, per cui quando uno legge "360.000" si dovrebbero intendere "360.000.000"; chi ha redatto il piano dovrebbe stare più attento a queste cose. Ma siccome siamo abituati a ragionare secondo il senso della realtà ne prendiamo atto e andiamo avanti.

Modica Alta è fortemente presente in questo PTOP.

Cod. Id. 0976000311191010825: Adeguamento dell'ex Chiesa dei Santi Nicolò ed Erasmo ad Auditorium: €.360.000.

Cod. Id. 09760003091910129PR: manutenzione e restauro finalizzato al riuso dell'ex mattatoio: €.450.000.
(tutta la via Fontana è considerata facente parte di Modica Alta).

Cod. Id. 09700031119100971: intervento di recupero dell'ex foro boario da destinare alla realizzazione di un'area a verde attrezzata e protetta: €.1.050.000.
( credo si intenda il completamento delle opere già iniziate e finanziate qualche decennio fà; sarebbe interessante capire cosa è successo nel frattempo e dove sono finiti i soldi a suo tempo stanziati).

Cod. Id. 097600010119100821: Costruzione di un parcheggio sito nei pressi di Piazza S.Giovanni: €.2.000.000.

Cod. Id. 0976000511191034PR: ristrutturazione del complesso edilizio dell'ex asilo di via Raccomandata: €.2.000.000.

Cod. Id. 0976000308191003PR: riqualificazione dell'ex Convento della Raccomandata, per la realizzazione di una Casa Famiglia per l'accoglienza di persone con gravi disagi: €.3.600.000.
(ma non è lo stesso di prima?).

Cod. Id. 097600031119100977: progetto per il completamento dei lavori di recupero, restauro, riqualificazione e sistemazione dell'area esterna del Castello della Contea e realizzazione di attrezzatura polifunzionale e servizi: €.1.250.000.

Cod. Id. 097600080919100976: completamento del centro congressi presso il Castello: €.1.700.000.
(notate come vengono fatti più interventi sullo stesso luogo).

Cod. Id. 0976000408191009PR: riqualificazione del palazzo storico Denaro Papa per destinarlo a casa dell'associazionismo e del volontariato: €.1.500.000.
(spero sia il palazzo di fronte la Chiesa di S.Giovanni).

Cod. Id. 0976000188191020PR: collegamento verticale mediante sistema ascensori tra il Terminal San Francesco La Cava e il parcheggio in area retrostante la Chiesa di S.Giovanni: €.1.200.000.
(intanto cominciamo, poi gli altri XY milioni di euro li troveremo).

Cod. Id. 0976000308191021: intervento di recupero dell'ex Mattatoio Comunale da destinare al progetto "la città dei Bambini", centro ludico ricreativo. €.2.900.000.
(fate caso che questo è il TERZO INTERVENTO sempre nella stessa area).

Cod. Id. 09760001011910172P: copertura del torrente Passo Gatta sino all'ingresso del Foro Boario e sistemazione viaria dell'area soprastante: €.774.685.
(E QUATTRO, siamo sempre nella stessa area).

Cod. Id. 097600070119100032: allargamento vanella 156: €.150.000.
(non bastano neanche per l'esproprio).

Cod. Id. 0976000701191100038: allargamento e manutenzione primo tratto ex sp 59 Modica Giarratana da palazzetto dello sport fino alle scuole materna c.da Mauto:€.800.000.

Cod. Id. 0976000130191036PR: realizzazione edifici sanitari Modica Alta: €.1.450.000.

Cod. Id. 09760007011910191P: sistemazione della via Loreto Gallinara tratto compreso tra la SS 115 e òa strada vicinale di uso pubblico margi: €.619.748.
(soldi spesi davvero bene).

Cod. Id. 09760007011910196P: allargamento e sistemazione della strada vicinale di uso pubblico "Campanaro Addolorata" I°tratto: €.242.735. (me la voglio vedere tutta con due linee dell'Alta Tensione interrata).

Cod. Id. 09760001901910200P: verde pubblico in Via G. Volpino a Modica: €.278.887.
(Per chi non conoscesse Via Volpino è un quartiere nato prevalentemente con i fondi della Riforma Agraria, senza marciapiedi, senza parcheggi e soprattutto senza verde, proprio perchè gli spazi sono saturati con le cosrruzioni. Fa eccezione il confine che va verso il Dirupo Rosso; con questi soldi comunque non ci viene fuori neanche l'esproprio dei terreni, o forse l'intento è proprio quello: chissà chi sono i proprietari!)

Cod. Id.0976000337191037PR: sistemazione ed illuminazione della gradinata che collega Via Cavour con Via Modica-Ragusa: €.500.000.

Cod. Id. 097600010119100045: realizzazione via di fuga Via Cavour - viadotto: €.1.500.000.

Cod. Id. 097600070119100050: sistemazione dell'ultimo tratto di via Modica Giarratana fino all'incrocio con la sp 59:€.300.000.

Come vede, caro Darwin, Modica Alta non è stata dimenticata,
inoltre quando si parla di "adeguamento degli edifici scolastici alle norme di prevenzione incendi" sono ricompresi anche quelli di Modica Alta.

La cosa che non funziona assolutamente invece è un'altra:
guardate un pò cosa succede tra il Complesso scolastico di Santa Marta e il Mercato ortofrutticolo.

Cod. Id. 097600070819100614: Realizzazione dell'impianto Termico della Scuola Elementare Santa Marta: €.392.000.
fin quì tutto bene.

Cod. Id. 0976000409191024PR: riqualificazione dell'attuale Scuola Santa Marta per destinarla a Centro Enogastronomico con annesso Campus: €.3.500.000.
Prima dovremmo capire cos'è un Campus, poi dovremmo intuire che i soldi per l'impianto di riscaldamento sono inutili (visto che cambia destinazione d'uso) e poi... sorpresa!

Cod. Id. 0976000108191016PR: costruzione della scuola denominata Santa Marta, nell'area del Mercato Ortofrutticolo: €.4.250.000.
e, udite udite, cosa troviamo al seguente codice:

Cod. Id. 097600033719100884: intervento di riqualificazione e completamento urbano dell'area occupata dal mercato ortofrutticolo di Viale Medaglie D'Oro: €.797.000.

CHE PATATRAK!!!!.

il mercato viene riqualificato con quasi 800.000 euro, subito dopo viene demolito tutto per costruirvi una scuola con oltre 4.000.000 di euro che a sua volta viene riqualificata, poco prima, con quasi 400.000 euro che non servono perchè nello stesso anno è previsto di cambiarne l'uso spendendo 3.500.000 euro.

Neanche George Lucas (Regista della Saga di Guerre Stellari) ebbe tanta fantasia!

E ho solo dato una prima sbirciatina ai documenti, appena approfondirò vi saprò dire altro.

Cons. Migliore, Lei che ne pensa?

Commenti: 1


del 01/09/2010 22:29:29

http://www.radiortm.it/2010/09/01/modica-il-pdl-in-trincea-sul-bilancio-sara-battaglia/

Modica: Il PdL in trincea. Sul bilancio sarà battaglia!


Si è tenuto questo pomeriggio un incontro del gruppo consiliare del Pdl di Modica alla presenza dell’on. Nino Minardo, per esaminare le problematiche attinenti la prossima seduta del consiglio comunale avente ad oggetto il bilancio del Comune di Modica.
“In primis – si legge in un documento – contestiamo la rendicontazione degli swap, strumento con il quale si è fatta molta strumentalizzazione paventando un danno alle casse comunali di ben oltre sei milioni l’anno; ad oggi, invece, hanno prodotto un milione di utile.
Fermo restando la condanna dell’amministrazione per l’incapacità di produrre atti concreti e completi, nel merito della questione il gruppo non condivide alcuni aspetti del conto consuntivo. Il più eclatante è il mancato utilizzo delle risorse provenienti dagli oneri di urbanizzazione; oltre un milione di euro anziché essere spesi per la manutenzione delle strade sono stati utilizzati per spese correnti. A farne le spese sicuramente le strade di Modica che sono una vera e propria testimonianza di quanto appena detto!
Per non parlare del gravissimo ritardo del conto preventivo e la constatazione che gran parte delle entrate previste per l’anno 2010 sono prive di titolo. Molte entrate materialmente non sono state accertate poiché non giustificate da alcun titolo. 1.100.000,00 euro di entrate previste da affissioni e pubblicità, siamo quasi alla fine dell’anno 2010 e solo 98.000,00 euro sono accertate. Le entrate nel bilancio non rispecchiano i principi contabili previsti.
Al termine della riunione il gruppo ha affrontato la questione politica entrando nel merito di una alternativa di governo che sarà proposta alla città, la cui valenza sarà sottoposta all’esame del voto (quindi solo ed esclusivamente al volere dei cittadini), senza la necessità di porre in essere esperienze e formule astruse quali ‘stati generali’ o ‘patto per la città’, che i cittadini respingerebbero”.
Come ultima valutazione, il gruppo Consiliare PDL di Modica, ha constatato l’anomalo silenzio del Sindaco e della sua amministrazione rispetto a queste formule, a conferma della debolezza e del fallimento della loro azione amministrativa.

Commenti: 0


Una vita spericolata (Ascolta il messaggio) Tema: 99 - Post: 5214
a cura di Fonte internet

del 01/09/2010 14:38:40

Gheddafi fu la guida ideologica del colpo di stato ("rivoluzione“) che il 1º settembre 1969 portò alla caduta della monarchia del re Idris. È il dittatore di fatto del suo paese con poteri assoluti.
Ebbe una svolta politica negli anni ottanta: la sua indole anti-israeliana e anti-americana lo portò a sostenere gruppi terroristi, quali per esempio l'irlandese IRA e il palestinese Settembre Nero. Fu anche accusato dall'intelligence statunitense, di aver organizzato degli attentati in Sicilia, Scozia e Francia, ma egli si dichiarò sempre innocente. Si rese anche responsabile del lancio di un missile contro le coste siciliane, fortunatamente senza danni. Divenuto il nemico numero uno degli Stati Uniti d'America, egli fu progressivamente emarginato dalla NATO. Inoltre, il 15 aprile 1986, Gheddafi fu attaccato militarmente per volere del presidente statunitense Ronald Reagan: il massiccio bombardamento ferì mortalmente la figlia adottiva di Gheddafi, ma lasciò indenne il colonnello, che era stato avvertito del bombardamento da Bettino Craxi, allora Presidente del Consiglio in Italia[4].

Il 21 dicembre del 1988 esplodeva un aereo passeggeri sopra la cittadina scozzese di Lockerbie: perirono tutte le 259 persone a bordo oltre a 11 cittadini di Lockerbie. Prima dell'11 settembre 2001 è stato l'attacco terroristico più grave. L'ONU attribuì alla Libia la responsabilità di questo attentato aereo e chiese al governo di Tripoli l'arresto di due suoi cittadini accusati di esservi direttamente coinvolti. Al netto e insindacabile rifiuto di Gheddafi, le Nazioni Unite approvarono la Risoluzione 748, che sanciva un pesante embargo economico contro la Libia, la cui economia era già in fase calante. Nel 1999, con la decisione della Libia di cambiare atteggiamento nei confronti della comunità internazionale, Tripoli consegnò i sospettati di Lockerbie: Abdelbaset ali Mohamed al-Megrahi fu condannato all'ergastolo nel gennaio 2001 da una corte scozzese, mentre Al Amin Khalifa Fhimah fu assolto.

Nel 2004, il Mossad, CIA e Sismi individuarono una nave che trasportava la prova che Gheddafi possedeva un arsenale di armi di distruzione di massa. Invece di rendere pubblica la scoperta e sollevare uno scandalo, Stati Uniti e Italia, posero a Gheddafi un ultimatum che questi accettò.

Nel maggio 2009 il consiglio della facoltà di giurisprudenza dell'Università di Sassari ha approvato una proposta formale d'assegnare una laurea honoris causa in giurisprudenza al colonnello Gheddafi[7].
Questa iniziativa ha suscitato vivaci proteste da parte dei Radicali Italiani, soprattutto con Marco Cappato (europarlamentare della Lista Emma Bonino) che ha parlato di "HoRRoris causa in Diritto per un sanguinario alleato bipartisan".

fonte :
http:++it.wikipedia.org+wiki+Muammar_Gheddafi

Commenti: 0


Re: Gli amici del Berlusca. (Ascolta il messaggio) Tema: 99 - Post: 5213
a cura di rifondarolo

del 01/09/2010 14:29:56

> Potremmo chiedere a Berlusconi di concedere la cittadinanza onoraia a Gheddafi e fare una bella mostra sui costruttori di balle.

Commenti: 0


Gli amici del Berlusca. (Ascolta il messaggio) Tema: 99 - Post: 5212
a cura di Un frequentatore del sito

del 01/09/2010 08:51:48

E' inconcepibile che l'autore di semplici vignette satiriche sull'Islam venga condannato(alcuni anni fa) a morte quando invece loro trattano la nostra religione come carta straccia e nessuno si ribella. Queste sono state autentiche provocazione proprio a Roma capitale del Cristianesimo.
Ho sempre sostenuto la tesi di chi lo definisce leader mondiale del terrorismo.Negli anni 80 gli Usa volevano destabilizzarlo ed anche ucciderlo(da ricordare il bombardamento che subì in cui morì uno dei suoi figli),lui fece arrivare un missile a Lampedusa creando allarme rosso nel nostro sistema di difesa. E poi le ombre su Ustica e la certezza d'un attentato aereo in Inghilterra,l'incontrollata gestione dell'immigrazione e tanto altro ancora,tra cui le ingenti richieste di risarcimento di quando erano coloni italiani e la recente richiesta estorsiva di 5 miliardi di euro all'Ue a fronte di un 'eventuale invasione africana(mediante emigrazione)verso l'Europa.
La classe politica,come sempre, è supina verso chi è più ricco di noi ed è anche speranzosa d'uscire dalla crisi svendendo banche ed industrie agli stranieri. Povera Italia. Nel vero senso del termine.

Commenti: 1


- Pagine: INDIETRO - 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94  95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 AVANTI -

L'informazione On Line


Curiosità

  1. 1


Aree tematiche


Numeri utili in città

  • Comune di Modica centralino: 0932-759111

  • Rifiuti Ingombranti : 0932-759707

  • Manutenzione Acqua :

  • Polizia Municipale 0932-759211

  • Segnalazioni Urp Modica


Cerca la notizia


   Costruzione Via Fontana 

Scorri l'intero TEMA
Clicca qui


Randagismo

Scorri l'intero TEMA
Clicca qui


Multiservizi

Scorri l'intero TEMA
Clicca qui


Cittadinanza Onoraria

Scorri l'intero TEMA
Clicca qui


Piazzetta Pisacane

Scorri l'intero TEMA
Clicca qui


Mercati Rionali e Abusivi

Scorri l'intero TEMA
Clicca qui


Mercato V.le Medaglie D'Oro

Scorri l'intero TEMA
Clicca qui


Spin Off Immobiliare

Scorri l'intero TEMA
Clicca qui


Cimitero

Scorri l'intero TEMA
Clicca qui


Antenne Telefoniche

Scorri l'intero TEMA
Clicca qui


Area Petizioni

  1. Trasferimento Mercato Modica Alta
    (12-04-2010)


Area Multimediale

Servizio su Video Regione Consiglio Comunale 30/07/20100 Trappoli per Topi

Migliore Modica revoca bando di gara Vr News ore 14:00 30/07/2010

  • Lettera aperta ai concittadini

  • Situazione politico amministrativa

    Lettera di Ballarò al Sindaco


    Questo BLOG non rappresenta una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato senza alcuna periodicità.
    Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07.03.2001.

    Test Adsl       Statistiche

    "Non chiedere ciò che il Tuo Paese può fare per Te, ma chiediti ciò che puoi fare Tu per il Tuo Paese! " (John F. Kennedy)