Giovanni Migliore - Cittadino Modicano

E-Mail info@giovannimigliore.it



 

 Avviso: Per problemi di invio con Explorer, si può utilizzare Mozilla Firefox o in alternativa scrivere al Consigliere

"Non chiedere ciò che il Tuo Paese può fare per Te, ma chiediti ciò che puoi fare Tu per il Tuo Paese! " (John F. Kennedy)

Vuoi lasciare un tuo pensiero ? ........  scrivi qui

 AVVISO - Il sottoscritto Giovanni Migliore, non è responsabile di quanto espresso nelle varie notizie.
I blogger che decidono di commentare o di scrivere una notizia si assumono la totale responsabilità di quanto scritto.
In caso di controversie lo stesso comunicherà all'autorità giudiziaria che ne facesse richiesta, tutti i parametri di rete degli autori dei commenti.

Ultimi 10 Messaggi e Commenti

22/08/2016 21:32:42 da parte di biondo scuro - Re: Perché la soka gakkai è una setta:
22/08/2016 21:30:33 da parte di Alessandro Costa - Re: Perché la soka gakkai è una setta:
22/08/2016 21:29:19 da parte di Alessandro Costa - Re: Perché la soka gakkai è una setta:
14/05/2016 01:16:45 da parte di Giuseppe Mirabelli - riapertura caso Piazzetta Pisacane
14/05/2016 01:15:39 da parte di Giuseppe Mirabelli - riapertura caso Piazzetta Pisacane
14/05/2016 01:15:04 da parte di Giuseppe Mirabelli - riapertura caso Piazzetta Pisacane
14/05/2016 01:14:35 da parte di Giuseppe Mirabelli - riapertura caso Piazzetta Pisacane
16/04/2016 10:35:47 da parte di Valerio - Re: Perché la soka gakkai è una setta:
16/04/2016 10:35:40 da parte di Valerio - Re: Perché la soka gakkai è una setta:
16/04/2016 10:33:51 da parte di Valerio - Re: Perché la soka gakkai è una setta:

 

Sito Genitori Liceo Scientifico (Ascolta il messaggio) Tema: 99 - Post: 6823
a cura di Giovanni Migliore

del 11/10/2011 21:26:13

Amici da qualche minuto, si è dato il via al sito

www.genitorigalileimodica.it



Spero che possa essere utilizzato per dire ognuno la propria e dare voce a chi purtroppo non c'è l'ha.

Commenti: 0


del 11/10/2011 11:43:21


Malgrado l’Assessore competente al ramo si sia prodigato per affrontare e risolvere le tante problematiche che attengono al rispetto del Regolamento comunale relativamente alla gestione dei mercati contadini a Modica alta, duole dover constatare che nei fatti, persiste una situazione di grande confusione, anzi d’illegalità.
L’Amministrazione comunale ha accreditato venti operatori, nella realtà ne operano circa il doppio, metà regolari ed altrettanti irregolari che oltre a porre problemi di concorrenza sleale ai colleghi che hanno dimostrato di voler lavorare in trasparenza, pongono anche problemi d’inosservanza alle norme che regolano il settore.

Oggi 11 ottobre, è possibile vedere un gran numero di operatori allocati nelle traverse limitrofe all’area designata per lo svolgimento del mercato, evidentemente irregolari.

E’ sintomatico del malessere che caratterizza gli operatori regolari, il fatto che alcuni abbiano già deciso di rinunciare a svolgere la propria attività in condizioni che non valgono per tutti, tant’è che spesso non sono presenti. Così continuando, riusciremo a demotivare chi è ligio alle regole ed avremo solo chi non le rispetta.

Inoltre, l’ufficio preposto all’accreditamento degli operatori è strutturato per rendere snelle le necessarie procedure ?

Pare che attualmente le persone che si rivolgono all’ufficio preposto per regolarizzare la propria posizione, vengano sballottate da un luogo ad un altro, senza riuscire a capire dove in realtà possono individuare le necessarie informazioni.

C’è la necessità di attenzionare alcuni operatori che, da soli, gestiscono una miriade di articoli, precludendo nei fatti il normale svolgimento della vendita dei propri prodotti agli altri colleghi.

Sarebbe opportuno pertanto che l’Assessore al ramo, continuasse nel proprio impegno di regolarizzare le anomalie che permangono in questo complicato settore, predisponendo gli opportuni controlli in forma costante e non episodica, al fine di creare le condizioni per una omogenea legalità che giova a tutti, ma soprattutto alla buona immagine del Comune di Modica.

Commenti: 1


campo di calcio di frigintini (Ascolta il messaggio) Tema: 99 - Post: 6821
a cura di un tifoso di frigintini

del 11/10/2011 00:39:20

Consigliere Migliore, avrei piacere se lei potesse illustrarci meglio la situazione del campo di calcio di frigintini. Io so che lei ama questa squadra e lo ha dimostrato con lo sponsor che ha fatto con la sua ditta.
Vorrei capire cosa è successo. Mi spiego meglio qualcuno diceva in giro che allo stadio di frigintini dovevano fare i nuovi spogliatoi e e invece ci troviamo con un container. Inizieranno a breve i lavori?
Per favore non mi parli del cantiere regionale , parautilizzato per allargare lo stadio; per questo è meglio rimanere nel silenzio.

Commenti: 0


Costruzione di Via Fontana (Ascolta il messaggio) Tema: 27 - Post: 6820
a cura di Giovanni Migliore

del 10/10/2011 00:58:34

Martedi scorso è stata rilasciata la concessione edilizia per la costruzione di Via Fontana.

E' stata fatta la cosidetta edilizia negoziata?

Gli uffici non hanno visto nessuno.

Io credo che l'amministrazione abbia fatto tutto e credo che abbiano mantenuto quello che è stato promesso.(Non posso credere in nessun modo che in questo lasso di tempo non è stato fatto nulla)

Assieme al Consigliere Nigro, anzi per la verità, è stato tutto frutto del suo impegno sia la redazione che la presentazione di un'ordine del giorno mediante il quale cercheremo di avere lumi su quanto detto sopra.

Con grande piacere ho assistito alla partecipazione con grande entusiasmo anche di altri consiglieri

Michele D'Urso
Michele Colombo
Vito D'Antona
Massimo Puccia
Giorgio Stracquadanio

Altri colleghi non hanno firmato perchè non hanno avuto tempo di porre la propria firma prima del nostra presentazione al protocollo.





Che dite ......incrociamo le dita ??????

Commenti: 0


Refezione Scolastica (Ascolta il messaggio) Tema: 8 - Post: 6819
a cura di Giovanni Migliore

del 10/10/2011 00:30:05

Quanta invidia provo dentro di me, quando vedo che comuni vicinori come Scicli o Chiaramonte Gulfi hanno fatto partire il servizio mensa per i bambini.
Da tre anni a Modica, quante barzellette sono state dette.....
.....è sempre colpa di qualcuno o di qualcosa.....

oggi 10 Ottobre, Modica dovrebbe avere da 10 giorni il servizio mensa e invece cosa abbiamo .....niente!!!!!!

Cosa avverrà nel prossimi giorni ???

spero che domani partirà il servizio mensa e io possa congratularmi per l'efficienza del servizio e della tempestività di inizio.

Cittadini ....aspettiamo

Commenti: 0


del 10/10/2011 00:16:04

http://www.radiortm.it/2011/10/09/dalla-critica-%E2%80%A6-alla-proposta-modica-giovanni-migliore-la-politica-che-vorrei/


Amici ho ripreso due commenti molto importanti per me e li riporto sul sito.

Sono veramente contento sia per questi che per quelli che avete scritto sul mio blog.....
...vi dico sinceramente grazie !!!!



----------------------------------------

Caro Giovanni, io credo che se alla base dell’operato di ciascuno ci fosse sempre l’interesse generale e non quello privato, potrebbe andare bene anche la critica, a volte anche aspra. Il problema è che spessissimo dietro la critica c’è solo la voglia di raggiungere risultati che tutto hanno come obiettivo fuorchè l’interesse per la collettività.
Modica è pervasa da anni da simili atteggiamenti che hanno imperato e che sono diventati addirittura stile da sbandierare e da far emulare.
Le figure del sindaco superman e dell’onorevole che distribuisce favori a piene mani sono ancora vive nel ricordo dei modicani.
Se non recuperiamo una cultura dell’impegno scevro da interessi personali e di bottega e non lavoriamo per favorire la partecipazione dei cittadini e la loro capacità di senso critico, potremo fare tutti i migliori bilanci del mondo e tappare tuttte le buche delle strade ma non avremo prodotto alcun cambiamento.
Bisogna però cominciare prendendo le distanze da chi usa le proprie forze economiche e politiche per condizionare la vita di una città; da chi si muove come ufficio di collocamento parallelo, distribuendo speranze ed illusioni di lavoro a destra e a manca; da chi opera in maniera per nulla trasparente in diversi settori.
Soltanto se siamo veramente distanti e liberi da tali ambienti possiamo poi muoverci senza vincoli e lacciuoli che ci impediscono di procedere come vorremmo.




Il problema è stato da me evidenziato in qualche trascorso commento quando invitavo i commentatori di questo blog ad evitare inutili, sterili e contro producenti critiche. Tra questi commentatori erano e sono presenti semplici cittadini, politici ed “affiliati di politici”.

Oggi occorre che alcuni personaggi della politica locale, provinciale, regionale e nazionale vengano sfiduciati dai loro stessi colleghi e dai cittadini perchè beceri, truffaldini, tornacontisti, incapaci e via discorrendo.

Nel nostro piccolo: il Consigliere Migliore, di cui nutro stima, conosce i suoi colleghi di partito, i colleghi dell’opposizione, i colleghi della maggioranza e conosce il Sindaco, credo debba sapere da chi prendere le distanze e con chi collaborare, solo ed esclusivamente nell’interesse della comunità e senza guardare a “bandiere di partito” che oramai non servono a nulla.
A lungo andare i frutti si vedranno.

Commenti: 0


del 10/10/2011 00:01:29

> Dov'è la societa civile? Quante persone della società civile appoggiano la politica sana e sincera. Quante persone leggono i giornali con questi occhiali del buon proposito? Veda Sig. Darwin lei è legato all'evoluzione della specie ma lei sa benissimo che non vince il più forte ma quello che riesce ad addattarsi meglio.
Cosa significa per il politico di oggi, adattarsi?
Sono d'accordo con Salvatore per le due sezioni, fanno confondere.

Commenti: 0


_ _ _ (Ascolta il messaggio) Tema: 99 - Post: 6816
a cura di ---

del 09/10/2011 20:00:52

Siate il cambiamento
che vorreste vedere
nel mondo.

Mahatma Gandhi.

Commenti: 0


... (Ascolta il messaggio) Tema: 99 - Post: 6815
a cura di ...

del 09/10/2011 19:53:49

Chi lavora con le sue mani è un lavoratore

Chi lavora con le sue mani e la sua testa è un artigiano

Chi lavora con le sue mani, la sua testa e il suo cuore è un artista



"San Francesco d'Assisi"

Commenti: 0


La politica che vorrei. (Ascolta il messaggio) Tema: 99 - Post: 6813
a cura di salvatore

del 09/10/2011 12:38:46

Ho letto con molto interesse quanto scritto da Giovanni e Paolo sul blog nelle due sezioni del sito (la cui divisione mi riesce un po difficile da comprendere)e provo brevemente a "dire la mia" sul tema.
I problemi della politica locale non sono altro che lo specchio di ciò che avviene a livello nazionale. Ci troviamo infatti,con un governo nazionale che si trova a dover gestire una crisi senza precedenti, con un debito pubblico che "morde" le nostre economie, che si è arroccato sulle sue posizioni a difesa di un premier "indifendibile" precludendo così nei fatti ogni possibile coinvolgimento dell' opposizione.
Opposizione che,di converso, è disunita e in disaccordo su tutto ed incapace di proposte serie e "realizzabili" trincerata com'è nella sua tanto decantata (e per me presunta, vedi caso Pionati) superiorità morale e culturale.
Ci troviamo pertanto di fronte ad un muro contro muro che per nulla giova alla collettività tutta e che anzi, aggrava ulteriormente il malessere e il disamore per la politica tutta, nazionale e locale.
A questo punto bisognerebbe andare oltre, saltare cioè la contrapposizione tra destra e sinistra (che storicamente non ha più senso), tra maggioranza ed opposizione, tra berlusconiani ed antiberlusconiani, andando alla ricerca di un nuovo meccanismo di coesione sociale. Soltanto se sarà inaugurata al più presto una nuova stagione politica all'insegna della "concordia nazionale" noi riusciremo a vincere le sfide che abbiamo di fronte.
E prima ce ne renderemo conto e meglio sarà per tutti!
Ben vengano quindi. persone che nulla hanno da chiedere alla politica se non mettersi al servizio della collettività "riscoprendo" il vero ed il più alto significato della politica stessa.


Commenti: 0


del 09/10/2011 00:50:56

> Non ho visto il film, nè ho letto il libro da Lei citato e non riesco ad accostarlo alla Loro fine, tranne che per fine Lei consideri l'evidenza della nullità del contendere, perchè tutti girano alla larga del vero problema e ognuno, per le proprie capacità, o forze, cerca di portare acqua al proprio mulino, che, mi ripeto, trascura il disagio che vivono gli studenti.

Riguardo al Consigliere Migliore, non credo che i Suoi buoni propositi siano arrivati al copolinea, sono convinto che difficilmente rinuncerà a perseguirli.

Ritengo che il sentirsi vicino gente che lo stima ed apprezza il Suo modo di far politica col candore quasi "ingenuo" dei sani princìpi presenti nella Sua formazione culturale saranno carburante per il Suo motore, linfa per la Sua crescita.

E se decidesse di essere al capolinea, lascerebbe comunque a testa alta un sistema politico che non Lo merita, dove le appartenenze valgono più delle qualità, dove il sistema distruttivo sovrasta quello costruttivo, dove nani e ballerine si esaltano per apparire, dove i progetti politici sono fatti su calcoli personali.

Progetti politici! Il Sindaco ha un progetto politico, vuole salire di qualche gradino ancora, e così anche l'ultimo dei Consiglieri.
Siamo al cospetto di uomini che progettano il futuro, il loro futuro,
anche a discapito del nostro.

Si guardi intorno e mi dica casa vede, miseria, nient'altro che miseria, un deserto (non per grandezza, ma per desolazione) di ideali.

Commenti: 1


Cane randagio cieco non soccorso a Caltanissetta (Sicilia) (Ascolta il messaggio) Tema: 99 - Post: 6811
a cura di Email firmata Gessica da Firenze

del 08/10/2011 23:03:41

Alla cortese attenzione

del Sindaco di Caltanissetta

e p.c.

Presidente VI Commissione - Sanità

Dirigente Ufficio Sanità Comune di Caltanissetta



Oggetto:

Cane randagio cieco non soccorso a Caltanissetta (Sicilia)







Gentile Signor Sindaco,

le normative vigenti sulla tutela degli animali d’affezione, e specificamente la Legge Regionale 15 del 3 luglio 2000, stabiliscono che, sulla base del dettato degli artt. 823 e 826 del Codice Civile, il Sindaco esercita la tutela delle specie animali presenti allo stato libero nel territorio comunale, vigila sull’osservanza delle leggi e delle norme relative alla protezione degli stessi.

In particolare, l’art. 14 “Cattura e custodia dei cani vaganti o randagi” stabilisce che: “I Comuni singoli o associati, direttamente o in convenzione con enti, privati o Associazioni protezionistiche o animaliste iscritte all’Albo regionale, provvedono alla cattura dei cani vaganti con sistema indolore [....]. Non è consentita la cattura di cani vaganti o randagi a soggetti diversi dagli addetti a tale servizi. I cani vaganti catturati e quelli ritrovati sono affidati ai rifugi sanitari pubblici o a quelli convenzionati, e sottoposti a controllo sanitario”.



È dunque di esclusiva competenza del Sindaco provvedere sia alla cattura dei cani abbandonati e al loro ricovero presso adeguata struttura, sia al pronto soccorso di un cane o di un gatto ferito.



Appare perciò illegittimo che il 10 settembre scorso, a fronte della segnalata presenza alla Polizia Municipale del Suo Comune di un giovane randagio non vedente in via dei Giardini, il cittadino segnalante sia stato invitato a formalizzare in Comando il ritrovamento al fine di perfezionare l’affido dell’animale al cittadino stesso, in attesa di un posto libero presso il Canile municipale. Non è il primo caso, poiché precedenti denunce di ritrovamento di cucciolate in stato di abbandono e bisognose di pronto soccorso veterinario sono state sottoposte a una analoga prassi.



Riteniamo non solo illegittimi tali comportamenti da parte delle Autorità competenti, ma anche pericolosi precedenti.

Il cittadino che malauguratamente si trovi a dover segnalare la presenza di un animale in difficoltà o crudelmente abbandonato, rischierà a Caltanissetta di doversi occupare a tempo pieno di un’intera cucciolata, magari in età neonatale, o di dover spendere i propri denari per prestare le necessarie cure veterinarie a un animale malato o incidentato.



Gravi affermazioni, come quella fornita in questo caso al cittadino segnalante – che fra l’altro ha l’obbligo di segnalare un animale ferito secondo le recenti modifiche al codice della strada – oltre che generare moltissima confusione, producono due drammatici effetti: che l’animale non riceva le urgenti cure di cui necessita e che nessuno in futuro si azzardi più a segnalare un’emergenza veterinaria o di denunciare un reato penale come l’abbandono di animali per paura di ricevere in affidamento coatto l’animale.



Ancora più preoccupante è la situazione dei gatti che abitano nel Comune di Caltanissetta.

Per gli ultimi due casi di pronto soccorso veterinario segnalati all’Ufficio sanità del Comune, infatti, non è stato autorizzato il ricovero presso un ambulatorio veterinario privato.

Se in passato, infatti, il Comune si faceva carico delle spese sostenute per la cura e il ricovero dei gatti incidentati, dal momento che a Caltanissetta non esiste alcun gattile convenzionato, oggi un micio che viene investito da un’auto può contare solo sul buon cuore di cittadini sensibili o delle Associazioni di volontariato.



Siamo certi che Lei, Signor Sindaco, si attiverà immediatamente, in coordinamento con le Autorità municipali preposte, per ripristinare il rispetto delle leggi e delle normative vigenti in materia di tutela degli animali, anche tramite dei comunicati appositi.



Non esiteremo altrimenti a rivolgerci all’Autorità giudiziaria per denunciare gli abusi e le omissioni perpetrati dal Comune di Caltanissetta a danno degli animali d’affezione e dei cittadini.

Distinti saluti



Gessica da Firenze

Commenti: 0


del 08/10/2011 22:48:53

> Sig. Darwin ha ragione, oggi tutto è strumentale e non ha alcun fine. Credo che i buoni propositi vanno sempre a farsi benedire e credo che il consigliere Migliore è arrivato a capolinea. La guerra dei Nino è emblematica.Nino Minardo,Nino Gerratana,Nino Cerruto stanno lottando tra di essi perdendo il fine.la guerra dei Roses è la loro fine.Cosa faranno?

Commenti: 1


del 08/10/2011 20:16:19

> Da un po' di tempo non intervenivo per mancanza di tempo e per la mancanza di linea internet a casa, ma la riflessone+speranza del Consigliere e l'arrivo di una nuova linea mi danno l'opportunità di riprendere a scrivere.

Speranza.

Speranza a lungo disattesa e per questo mi vorrei soffermare su 3 eventi che mi hanno colpito per la voglia di creare discredito sull'avversario politico.

Cronologicamente.

La storia dei 3 Nino, cosi aggrovigliata che non si riesce a capire, o meglio, passa in secondo piano il motivo del contendere; uno reccoglie testimonianze spontanee (per fare un dossier?) fra genitori e studenti del "Galilei", l'altro si assurge a vittima di ritorsioni, e il terzo chiede un'indagine ministeriale, risultato? Il comunicato dei genitori che chiarisce solo un fatto, le difficoltà degli alunni sono state strumento per screditarsi l'uno con l'altro lasciando al TAR le ragioni del contendere.

La Cooperativa Quetzal, 3 politici di un partito (???) Sebastiano Failla, Vice Presidente del Consiglio Provinciale, Giorgio Aprile, Consigliere Comunale e l’On. Carmelo Incardona che si preparano a consegnare un bel faldone alla Procura della Repubblica di Modica, non per tutelare i dipendenti, ma solo per colpire un'avversario politico.

Un Sindacalista, che, a dire dalla sigla sindacale di appartenenza, era più matto di un cavallo, tanto da non poterlo riportare sulla retta via, pero non è stato allontanato, faceva comodo il suo saltare di palo in frasca, si è dimesso e forse ora aspira ad una carriera politica, segiuranno querele?

Tutela degli studenti?
Voglia di legalita?
Tutela dei lavoratori?

No!

Solo azioni atte a far capire a Noi Cittadini che le Istituzioni, e chi le rappresenta, vivono immersi in un mondo irreale, non percepiscono i sentimenti della Società in cui vivono, non si rendono conto che non siamo più disposti a condividere con complicità certi comportamenti che lasciano irrisolti i problemi.

Quale soluzione?

Commenti: 1


del 07/10/2011 00:31:57

DALLA CRITICA …..ALLA PROPOSTA, LA POLITICA CHE VORREI

Ai giorni nostri, irrompe sempre più prepotentemente la propensione alla critica verso tutto e contro tutti, atteggiamento questo sempre più diffuso tra i cittadini, spesso legittimati da un atteggiamento disfattista dei politici, ma non disdegnato da questi ultimi che per effetto d’una visione miope e settaria della politica, ritengono di doversi aggredire quotidianamente, quasi a voler argomentare la validità delle proprie idee.

Tutto ciò, sta sempre più determinando l’impossibilità d’un reale confronto tra le diverse componenti politiche ed un conseguente disamoramento dalla politica dei cittadini che stanno finendo per non comprendere e non condividere più nessuno.

Di questo passo, prima o poi la politica verificherà il proprio fallimento ed i cittadini che, piaccia o no, hanno bisogno di organi rappresentativi, pagheranno un conto che potrà essere evitato solo col ricorso al buonsenso generale.

Nessuno di noi può obiettivamente ritenersi immune da questa sorta di sindrome collettiva alla critica, che spesso diventa pura aggressione verbale ai limiti del lecito e ritengo che spesso tutto ciò avvenga nella più totale assenza d’una riflessione che se ci fosse, in molti casi indurrebbe ad astenersi dall’assumere certi comportamenti.

Vogliamo continuare a non riflettere e farci del male, ma soprattutto procurarne ai cittadini che ci hanno votato non per assistere alle nostre intemperanze, alle nostre quotidiane critiche verso gli avversari politici, bensì per essere rappresentati e tutelati nei loro diritti ?

Ciascuno di noi ha la libertà per deciderlo ma spero abbia anche la consapevolezza che il perdurare di certi comportamenti ci renderebbe moralmente responsabili d’uno sfascio sociale che potrebbe divenire irreversibile.

Ciascuno di noi, faccia invece uno sforzo, che denoterebbe buonsenso ed intelligenza, per cominciare da subito a programmare tavoli d’interlocuzione che vadano oltre gli schieramenti partitici; si pensi in maniera sinergica ad affrontare le tante problematiche che interessano il territorio; ci si confronti costantemente con i cittadini in maniera unitaria, smettendola con tutte quelle forme di protagonismo individuale e di parte che già tanti danni hanno procurato alla collettività e tanti inutili conflitti tra i cittadini che seguono il cattivo esempio dei propri pupilli politici.

Da più parti alla città di Modica viene riconosciuta per il passato,una tradizione politico-culturale di tutto rispetto; ritengo che anche oggi, gli attuali politici, divisi da schieramenti, possano dimostrare di avere l’intelligenza e la capacità per invertire una tendenza che ha dimostrato tutti i propri limiti.

Vogliamo finalmente capire di smetterla con i reciproci agguati e lavorare davvero per il bene della città ?

Questa sarebbe la vera politica che i cittadini aspettano !

Commenti: 1


scheletri demoliti (Ascolta il messaggio) Tema: 99 - Post: 6807
a cura di Salvatore

del 02/10/2011 18:05:03

Mi domando.... ma chi è che controlla questi lavori..... di chi è il compito .....il Direttore dei Lavori che fa!!!!! dove era!!!! perche non aveva richiesta i relativi registri del carico e scarico e coma mai non si era domandato.
MA DOVE VA A FINIRE QUESTO MATERIALE............... O NON CONOSCEVA LA NORMATIVA NEMMENO IL D.L.
ALLORA MI CHIEDO: IN CHE MANI SIAMO E CHE SONO SOLO QUESTE LE NEGLINGENZE DI IMPRESA E DIREZIONE LAVORI?

Commenti: 0


Gli Ecomostri Inconsapevoli (Ascolta il messaggio) Tema: 99 - Post: 6806
a cura di R.C.

del 01/10/2011 10:49:53

Tutto il materiale separato dal ferro,conseguente all'abbattimento degli scheletri di Treppiedi veniva conferito ed occultato in un terreno privato nele campagne di Scicli.
Il titolare dell'impresa,certamente non giovane e non inesperto,ha affermato in buona fede di non sapere che ciò che stava facendo fosse illegale.
In pratica,anzicchè conferire in una discarica autorizzata e sborsare circa centomila euro, la strada più breve ed economica era quella di "nascondere" i detriti sotto uno strato di terra in un luogo privato,con la compiacenza della proprietaria.
Il fatto è inquietante non solo per l'eventuale e presunto scempio ambientale attuale, ma sopratutto guardando al passato, perchè si giunge ad una riflessione :
- ma durante l'arco di una carriera, tutti quegli imprenditori
che "in buona fede" non conoscono le leggi o che fanno finta di non conoscerle,
quanti scempi ed occultamenti hanno compiuto?
Quanti sono stati e quanti sono attualmente i controlli alle aziende edili in merito al conferimento dei rifiuti speciali che producono durante il restauro o la demolizione di un edificio?
Per non parlare del privato cittadino o del muratore abusivo che fa lavoretti in economia e che deturpa l'ambiente lasciando recipienti in eternit,lavabi o vasi wc vicino ai cassonetti.
Ci vogliono più sanzioni e più controlli,entrambi severi.
La Legge non ammette ignoranza.

Commenti: 0


Riflessioni sul "Galilei" (Ascolta il messaggio) Tema: 32 - Post: 6805
a cura di Giovanni Migliore

del 29/09/2011 00:08:10

IL “GALILEI”, LA SOCIETA’ CIVILE, LA POLITICA.

Il caso del liceo “Galilei” è chiuso, per la serie “cu n’appi n’appi re cassateddi ri pasqua” !
Sembra incredibile che problematiche di grande rilievo sociale e politico possano essere archiviate pur essendo rimaste irrisolte, lasciando quindi nel disagio gli studenti che hanno manifestato il loro dissenso rispetto a logiche che modificano i loro progetti formativi e provocano uno stato psicologico d’assoluta incertezza per il proprio futuro.
Questa è una vicenda dalla quale, per le modalità in cui è stata gestita, per il modo in cui si è voluta chiudere, si evince un generale appiattimento della società civile, forse rassegnata ad uno stato d’impotenza rispetto agli innumerevoli provvedimenti che Istituzioni, poteri dello Stato, personaggi politici, impongono sic et simpliciter.
In questi giorni, dopo il rientro degli studenti tra i banchi, consapevole dell’amarezza che serpeggia tra studenti e genitori, per nulla rassegnati alle conclusioni della vicenda, ho tentato di capire quale potrà essere l’evoluzione dell’attuale calma apparente ed emerge chiaramente che essendo quanto prima, convinti della validità delle loro tesi, non rinunceranno a manifestarle fino al raggiungimento dei loro giusti obiettivi.
Se questa è la prospettiva, al fine di evitare ulteriore perdita di ore di lezioni che inciderebbe negativamente sulla formazione degli studenti; per evitare che questi ultimi si sentano abbandonati al proprio destino; per far sentire loro la vicinanza della scuola ed il supporto della politica che non esita a mettersi in gioco per combattere le battaglie giuste, non sarebbe auspicabile che la scuola per quanto le compete ed i politici che hanno titoli per intestarsi le battaglie di civiltà, promuovessero dei tavoli ad hoc ?
Io penso che quanto auspicato, sarebbe un atto dovuto poiché continuo a ritenere che la politica, quella buona, saggia, rappresentativa d’un Paese, si misuri attraverso la sua opera di mediazione e d’intervento a favore dei cittadini, comprese le nuove generazioni.
Anche la scuola, se non vuole dare l’impressione a tutta la società ma soprattutto agli studenti ch’essa rappresenta la controparte di chi studia, dovrà adoperarsi affinchè chi sta investendo nel proprio futuro, possa sentirla al proprio fianco con propositività ed atti da cui si possa evincere reale senso di unitarietà e non di contrapposizione.


Commenti: 0


del 28/09/2011 21:28:35

...ma....ma....i docenti del Liceo Scientifico Galileo Galilei di Modica dove sono?
Non ho sentito alcuna loro voce in questo capitolo.
Sono assenti?
Sono supini?
Non prendetemi per nostalgico, ma credo che se oggi ci fossero ancora i vari Trombadore, Barone, Saluzzi e tutti quelli degli anni '80, altro che Gelmini.
Un docente (che prima di tutto è una persona) non si può piegare davanti a nessun politico o sindacalista prima di perdere la sua dignità di "dispensatore di cultura".
Ragazzi, coinvolgete i vostri professori e se vi manca lo spazio necessario in aula, proponete lezioni all'aperto, fate allestire schermi giganti in aula magna, trovate VOI quelle soluzioni anche assurde, anche bislacche, ma che mettano alla berlina gli Amministratori della Scuola.
Bene dice chi non vuole considerarsi un numero bensì una persona, unitevi con altri istituti d'Italia che vivono situazioni simili;
DAL BASSO VIENE LA FORZA!

Commenti: 0


del 28/09/2011 17:25:41

> Sono una studentessa interessata in prima persona al problema. Oggi anche al telegiornale di video regione hanno comunicato praticamente insieme al servizio che parla degli insegnanti di sostegno ad Acate e spendendo solo poche parole che <>. Questo non è affatto vero: non si è risolto infatti proprio un bel niente. Anzi. Oggi soltanto abbiamo cominciato le lezioni (28 settembre) e in una classe di 30 alunni. Io e la maggior parte dei miei compagni della IV E solo in questo nuovo corso ritroviamo in qualche modo qualla continuità didattica che tanto abbiamo richiesto. Ma è veramente una situazione molto difficile. Ci ritroviamo indietro in molte materie e dovremo tenere corsi pomeridiani per recuperarle perchè in questo i professori ci stanno venendo incontro con tutti i sacrifici che questo comporta da entrambe le parti. Inoltre anche se è una delle aule più grandi dell'istituto è comunque piccola per ospiatre trenta persone : mancano sicurezza e igiene. Molti genitori hanno manifestato il proprio malcontento e non sapremo cosa ci succederà nei giorni seguenti. Crediamo ancora tutti al fatto che ci verranno ridate le nostre classi. La lotta non è finita e soprattutto NIENTE è stato risolto : NON STIAMO CERCANDO LA LUNA.

Commenti: 1


- Pagine: INDIETRO - 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18  19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 AVANTI -

L'informazione On Line


Curiosità

  1. 1


Aree tematiche


Numeri utili in città

  • Comune di Modica centralino: 0932-759111

  • Rifiuti Ingombranti : 0932-759707

  • Manutenzione Acqua :

  • Polizia Municipale 0932-759211

  • Segnalazioni Urp Modica


Cerca la notizia


   Costruzione Via Fontana 

Scorri l'intero TEMA
Clicca qui


Randagismo

Scorri l'intero TEMA
Clicca qui


Multiservizi

Scorri l'intero TEMA
Clicca qui


Cittadinanza Onoraria

Scorri l'intero TEMA
Clicca qui


Piazzetta Pisacane

Scorri l'intero TEMA
Clicca qui


Mercati Rionali e Abusivi

Scorri l'intero TEMA
Clicca qui


Mercato V.le Medaglie D'Oro

Scorri l'intero TEMA
Clicca qui


Spin Off Immobiliare

Scorri l'intero TEMA
Clicca qui


Cimitero

Scorri l'intero TEMA
Clicca qui


Antenne Telefoniche

Scorri l'intero TEMA
Clicca qui


Area Petizioni

  1. Trasferimento Mercato Modica Alta
    (12-04-2010)


Area Multimediale

Servizio su Video Regione Consiglio Comunale 30/07/20100 Trappoli per Topi

Migliore Modica revoca bando di gara Vr News ore 14:00 30/07/2010

  • Lettera aperta ai concittadini

  • Situazione politico amministrativa

    Lettera di Ballarò al Sindaco


    Questo BLOG non rappresenta una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato senza alcuna periodicità.
    Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07.03.2001.

    Test Adsl       Statistiche

    "Non chiedere ciò che il Tuo Paese può fare per Te, ma chiediti ciò che puoi fare Tu per il Tuo Paese! " (John F. Kennedy)